Provided by: manpages-it_0.3.4-5_all bug

NOME

       dircolors - organizzazione del color per «ls»

SINTASSI

       dircolors  [-b]  [--sh]  [--bourne-shell] [-c] [--csh] [--c-shell] [-p]
       [--print-database] [--help] [--version] [FILE]

DESCRIZIONE

       dircolors dà una sequenza di comandi di shell per definire  l’output  a
       colori voluto per ls ( e dir, ecc.). Utilizzo tipico:
              eval ‘dircolors [OPZIONI]... [FILE]‘

       Se  FILE  è  specificato,  dircolors  lo legge per decidere i colori da
       usare per un dato tipo di file o estensione. Altrimenti usa un database
       precompilato.  Per  dettagli  sul  formato  di  questo  file, si esegua
       «dircolors --print-database».

       L’output è un comando di shell per impostare  la  variabile  ambientale
       LS_COLORS.   SI può specificare la sintassi da usare per la shell sulla
       riga di comando, sennò dircolors proverà ad dedurlo  dal  valore  della
       variabile ambientale SHELL.

       Eseguito  questo  comando,  «ls --color» (che si potrebbe anche mettere
       come alias per ls) elencherà i file coi colori desiderati.

OPZIONI

       -b, --sh, --bourne-shell
              Fornisce comandi per la Bourne shell. Questo è il  comportamento
              di  default  se  la variabile ambientale SHELL è impostata ed il
              suo valore non finisce per csh o tcsh.

       -c, --csh, --c-shell
              Fornisce comandi per la C shell.  Questo è il  comportamento  di
              default se la variabile ambientale SHELL finisce per csh o tcsh.

       -p, --print-database
              Stampa il database di configurazione di  default  (precompilato)
              dei  colori.  L’output  è  un  file  di configurazione valido, e
              descrive abbastanza bene le sue possibilità.

OPZIONI GNU STANDARD

       --help Stampa un messaggio di spiegazione sullo standard output ed esce
              (con successo).

       --version
              Stampa informazioni sulla versione sullo standard output ed esce
              (con successo).

       --     Termina l’elenco delle opzioni.

AMBIENTE

       Le variabili SHELL e TERM sono usate per determinare la forma  corretta
       per  i  comandi  di  shell.   Le  variabili   LANG,  LC_ALL, LC_CTYPE e
       LC_MESSAGES hanno il solito significato.  La variabile LS_COLORS  viene
       usata per passare le informazioni a ls.

CONFORME A

       L’output  colorato di ls(1) è un’estensione GNU.  Quest’implementazione
       non è del tutto compatibile col pacchetto dircolors/color-ls  originale
       distribuito   con  Slackware  Linux:  in  particolare,  manca  un  modo
       specifico per la Z shell e per la Korn  shell;  gli  utenti  di  queste
       shell dovrebbero usare il modo per la Bourne shell (-b).

VEDERE ANCHE

       dir_colors(5), ls(1) SH FILES

       /etc/dir_colors
              File di configurazione globale per dircolors.

       ~/.dir_colors
              File di configurazione personale per dircolors.

NOTE

       Questa   pagina   descrive   dircolors  come  si  trova  nel  pacchetto
       fileutils-4.0;  altre  versioni   potrebbero   differire   leggermente.
       Spedisci  correzioni o aggiunte a aeb@cwi.nl [NdT: ovviamente, problemi
       nella traduzione devono essere spediti al traduttore, non agli autori].
       Segnala bachi nei programmi a fileutils-bugs@gnu.ai.mit.edu.