Provided by: manpages-it_0.3.4-5_all bug

NAME

       lesskey - specifica i tasti di comando per less

SINTASSI

       lesskey [-o output] [input]
       lesskey -V

DESCRIZIONE

       Lesskey  è  utilizzato per specificare i tasti di comando utilizzati da
       less.  Il file in ingresso è un file di testo che descrive i  tasti  di
       comando; se il file d’ingresso è "-" viene letto lo standard input.  Se
       non viene specificato alcun file d’ingresso, viene utilizzato  un  nome
       di  file  standard, dipendente dal sistema operativo in uso: nei sitemi
       Unix  viene  utilizzato  $HOME/.lesskey;  nei  sistemi   MS-DOS   viene
       utilizzato   $HOME/_lesskey;   nei   sistemi   OS/2   viene  utilizzato
       $HOME/lesskey.ini oppure $INIT/lesskey.ini se $HOME non è definita.  Il
       file  di output è un file binario che viene utilizzato da less.  Se non
       viene specificato alcun  file  di  output  e  la  variabile  d’ambiente
       LESSKEY  è  impostata,  viene utilizzato il valore di LESSKEY come nome
       del file di output.  Diversamente viene  utilizzato  un  nome  di  file
       standard  che dipende dal sistema in uso: nei sistemi Unix e OS-9 viene
       utilizzato   $HOME/.less;   nei   sistemi   MS-DOS   viene   utilizzato
       $HOME/_less;  nei  sistemi  OS/2 viene utilizzato $HOME/less.ini oppure
       $INIT/less.ini se $HOME non è definita.  Se il file  di  output  esiste
       già lesskey lo sovrascrive.

       L’opzione  -V  fa  sì  che  lesskey  stampi il suo numero di versione e
       termini  immediatamente  la  sua  esecuzione.   Se   viene   utilizzata
       l’opzione  -V, le altre opzioni e gli altri argomenti vengono ignorati.

       I file in ingresso consistono di  una  o  più  sezioni.   Ogni  sezione
       inizia  con  una  riga che ne identifica il tipo.  Le sezioni possibili
       sono:

       #command
              Definisce nuovi tasti di comando.

       #line-edit
              Definisce nuovi tasti per l’editing di riga.

       #env   Definisce le varibili d’ambiente.

       Le righe vuote e le righe che iniziano con un segno  #  sono  ignorate,
       tranne  nel  caso  in  cui  siano righe di intestazione di una "special
       section".

SEZIONE COMMAND

       La sezione command inizia con la riga

       #command

       Se la sezione command è la prima  sezione  del  file  questa  riga  può
       essere  omessa.   La  sezione  command  consiste  di righe che hanno la
       seguente forma:

            stringa <spazio> azione [stringa extra] <newline>

       spazio è una qualsiasi sequenza di uno o più  spazi  e/o  caratteri  di
       tabulazione.   stringa  è  il/i tasto/i di comando che esegue l’azione.
       stringa può essere un singolo tasto di comando o una sequenza di  tasti
       fino  ad  un massimo di 15 tasti.  azione è il nome di una delle azioni
       less specificate nella lista riportata più avanti.  I  caratteri  nella
       stringa  possono  apparire  come lettere o essere preceduti da un caret
       per indicare i tasti di controllo.  Un backslash seguito da una fino  a
       tre  cifre  ottali  può  essere utilizzato per specificare il carattere
       mediante il suo valore ottale.  Un backslash seguito da b, e, n, r o  t
       specifica  BACKSPACE,  ESCAPE,  NEWLINE, RETURN o TAB, rispettivamente.
       Un backslash seguito da un qualsiasi  altro  carattere  indica  che  il
       carattere  va  interpretato  come  lettera.   Nei  caratteri che devono
       essere preceduti da un backslash sono inclusi caret, spazio, tab  e  il
       backslash stesso.

       Un’azione  può  essere seguita da una stringa extra.  Quando un comando
       di questo tipo viene  invocato  mentre  less  è  in  esecuzione,  viene
       compiuta  l’azione  e  viene  processata la stringa extra come se fosse
       stata scritta in less.  Questa peculiarità  può  essere  utilizzata  in
       alcune  situazioni  per  estendere  la  funzionalità di un comando.  Ad
       esempio, si vedano i comandi "{" e "t" più avanti.  La stringa extra ha
       un  significato  speciale  per l’azione "quit": quando less termina, il
       primo carattere della stringa extra  viene  utilizzato  come  stato  di
       terminazione del programma.

ESEMPIO

       Il  seguente  file  di  input  descrive  il  set  di  tasti  di comando
       predefinito utilizzato da less:

            #command
            \r        forw-line
            \n        forw-line
            e         forw-line
            j         forw-line
            ^E        forw-line
            ^N        forw-line
            k         back-line
            y         back-line
            ^Y        back-line
            ^K        back-line
            ^P        back-line
            J         forw-line-force
            K         back-line-force
            Y         back-line-force
            d         forw-scroll
            ^D        forw-scroll
            u         back-scroll
            ^U        back-scroll
            \40       forw-screen
            f         forw-screen
            ^F        forw-screen
            ^V        forw-screen
            b         back-screen
            ^B        back-screen
            \ev       back-screen
            \e\40          forw-screen-force
            z         forw-window
            w         back-window
            F         forw-forever
            \e[       left-scroll
            \e]       right-scroll
            R         repaint-flush
            r         repaint
            ^R        repaint
            ^L        repaint
            g         goto-line
            <         goto-line
            \e<       goto-line
            p         percent
            %         percent
            {         forw-bracket {}
            }         back-bracket {}
            (         forw-bracket ()
            )         back-bracket ()
            [         forw-bracket []
            ]         back-bracket []
            \e^F      forw-bracket
            \e^B      back-bracket
            G         goto-end
            \e>       goto-end
            >         goto-end
            =         status
            ^G        status
            :f        status
            /         forw-search
            ?         back-search
            \e/       forw-search *
            \e?       back-search *
            n         repeat-search
            \en       repeat-search-all
            N         reverse-search
            \eN       reverse-search-all
            \eu       undo-hilite
            m         set-mark
            ’         goto-mark
            ^X^X      goto-mark
            E         examine
            :e        examine
            ^X^V      examine
            :n        next-file
            :p        prev-file
            :x        index-file
            -         toggle-option
            :t        toggle-option t
            s         toggle-option o
            _         display-option
            |         pipe
            v         visual
            !         shell
            +         firstcmd
            H         help
            h         help
            V         version
            q         quit
            :q        quit
            :Q        quit
            ZZ        quit

PRECEDENZA

       I comandi specificati  da  lesskey  hanno  la  precedenza  sui  comandi
       predefiniti.   Un tasto di comando può essere disabilitato includendolo
       nel file di input e  specificando  per  esso  l’azione  "invalid".   In
       alternativa  si  può  sopprimere  la funzionalità del tasto utilizzando
       l’azione "noaction".  "noaction" è simile a "invalid" ma less  fornisce
       un  segnale  acustico  di  errore per un comando "invalid" e non per un
       comando "noaction".  In più TUTTI i comandi predefiniti possono  essere
       disabilitati aggiungendo questa riga di controllo al file di input:

       #stop

       Questo fa in modo che tutti i comandi predefiniti vengano ignorati.  La
       riga #stop deve essere l’ultima riga per quella sezione del file.

       Si presti attenzione perché #stop può essere dannosa.  Dal momento  che
       tutti i comandi predefiniti sono disabilitati bisogna fornire i comandi
       sufficienti prima della riga #stop  per  abilitare  tutte  le  funzioni
       necessarie.   Ad  esempio, se il comando "quit" non viene abilitato non
       si potrà uscire agevolmente da less.

SEZIONE DI EDITING DI RIGA

       La sezione di editing di riga inizia con la riga:

       #line-edit

       Questa sezione specifica i nuovi tasti di  comando  per  i  comandi  di
       editing  di  riga, in maniera analoga al modo in cui i tasti di comando
       per i comandi ordinari sono specificati  nella  sezione  #command.   La
       sezione di editing di riga consiste di una lista di tasti e azioni, una
       per ogni riga, come mostrato nell’esempio che segue.

ESEMPIO

       Il seguente file in input descrive il set di tasti di editing  di  riga
       predefinito utilizzato da less:

            #line-edit
            \t        forw-complete
            \17       back-complete
            \e\t      back-complete
            \14       expand
            ^V        literal
            ^A        literal
            \el       right
            \eh       left
            \eb       word-left
            \ew       word-right
            \ei       insert
            \ex       delete
            \e\b      word-backspace
            \e0       home
            \e$       end
            \ek       up
            \ej       down

VARIABILI DI AMBIENTE DI LESS

       La sezione delle variabili di ambiente inizia con la riga

       #env

       Questa  riga  è  seguita  da  una  lista  di  assegnamenti  a variabili
       d’ambiente.  Ogni riga consiste di un nome di variabile d’ambiente,  un
       segno  uguale  (=)  e  il valore che si vuole assegnare alla variabile.
       Gli spazi bianchi prima e dopo  il  segno  uguale  sono  ignorati.   Le
       variabili assegnate in questo modo sono visibili solo per less.  Se una
       variabile è specificata sia nell’ambiente di sistema  che  in  un  file
       lesskey,  il valore contenuto nel file lesskey ha la precedenza.  Anche
       se il file lesskey può essere  utilizzato  per  sostituire  il  set  di
       variabili  dell’ambiente  di  sistema,  lo  scopo principale per cui si
       assegnano le variabili all’interno di un file lesskey  è  semplicemente
       quello  di  avere tutte le informazioni sulla configurazione di less in
       un unico file.

ESEMPIO

       IL file di input che segue imposta l’opzione -i  ogni  volta  che  less
       viene avviato e specifica il set di caratteri "latin1":

            #env
            LESS = -i
            LESSCHARSET = latin1

SI VEDA ANCHE

       less(1)

AVVERTENZE

       Non è possibile specificare tasti speciali, come la freccia in alto, in
       modo indipendente dall tastiera.  L’unico  modo  per  specificare  tali
       tasti  è  quello di utilizzare la sequenza di escape che la tastiera in
       questione produce quando tali tasti vengono premuti.

       Nei sistemi MS-DOS e  OS/2  alcuni  tasti  producono  una  sequenza  di
       caratteri  che  inizia  con  il  carattere  NUL  (0).  Questo carattere
       dovrebbe essere rappresentato con \340 nel file lesskey.

COPYRIGHT

       Copyright (c) 1984,1985,1989,1994,1995  Mark Nudelman

       Traduzione in italiano di
       Paolo Bacchetta, bacchetta@gsnet.it
       Luglio 1999

                            Versione 332: 22 Apr 97                 LESSKEY(1)