Provided by: manpages-it_0.3.4-5_all bug

NOME

       debugfs - debugger per il file system ext2

SINTASSI

       debugfs [ -w ] [ -f file_di_comandi ] [ -R richiesta ] [ device ]

DESCRIZIONE

       debugfs  è  un  debugger  per  il  file  system.  Può  essere usato per
       esaminare e cambiare lo stato di un file system ext2.
       device è un file speciale corrispondente ad un dispositivo che contiene
       il file system ext2 (p.es. /dev/hdXX).

OPZIONI

       -w     Specifica che il file system deve essere aperto per la lettura e
              la scrittura (read-write). Senza questa opzione, il file  system
              è aperto in sola lettura (read-only).

       -f file_di_comandi
              Forza  debugfs a leggere i comandi dal file file_di_comandi, e a
              eseguirli. Quando debugfs ha finito di eseguire questi  comandi,
              esce.

       -R richiesta
              Forza  debugfs ad eseguire il singolo comando richiesta, e poi a
              uscire.

COMANDI

       debugfs è un debugger interattivo. Capisce un certo numero di  comandi.

       cat filespec
              Scarica il contenuto dell’inode filespec in stdout.

       cd filespec
              Cambia la directory di lavoro corrente in filespec.

       chroot filespec
              Cambia la directory radice nella directory filespec.

       close  Chiude il file system attualmente aperto.

       clri filespec
              Pulisce il contenuto dell’inode filespec.

       dump [-p] filespec file_output
              Scarica  il  contenuto  dell’inode  filespec  nel file di output
              file_output.  Se è data l’opzione -p imposta le informazioni sul
              proprietario,  il  gruppo  e i permessi di file_output facendole
              corrispondere a quelle di filespec.

       expand_dir filespec
              Espande la directory filespec.

       find_free_block [goal]
              Trova il primo blocco libero, iniziando da goal e lo alloca.

       find_free_inode [dir [mode]]
              Trova i primo  inode  libero  e  lo  alloca.  Se  presente,  dir
              specifica  il  numero  di inode della directory nella quale sarà
              allocato l’inode. Il secondo argomento opzionale mode  specifica
              i  permessi  del nuovo inode (se è impostaro il bit directory in
              mode, la routine di allocazione funzionerà in modo diverso).

       freeb blocco
              Marca il blocco numero block come non allocato.

       freei filespec
              Libera l’inode specificato da filespec.

       help   Mostra la lista dei comandi capiti da debugfs(8).

       icheck blocco ...
              Mostra una lista  degli  inode  che  usano  uno  o  più  blocchi
              specificati nella riga di comando.

       initialize device dimensione-blocco
              Crea  un  file  system  ext2 su device con dimensione del device
              pari a dimensione-blocco.   Si  noti  che  ciò  non  inizializza
              completamente  tutte  le  strutture  dati; per far ciò si usi il
              programma mke2fs(8).  Questa è solo una chiamata alla libreria a
              livello basso, che inizializza il superblocco e i descrittori di
              dispositivo.

       kill_file filespec
              Dealloca l’inode filespec e i suoi blocchi. Si noti che ciò  non
              rimuove  alcuna  voce a questo inode nelle directory. Si veda il
              comando rm se si vuole scollegare un file.

       ln filespec file_destinazione
              Crea un link chiamato file_destinazione che è un collegamento  a
              filespec.   Si  noti  che  non  si  aggiorna  il  contatore  dei
              riferimenti all’inode.

       ls filespec
              Mostra una lista dei file nella directory filespec.

       modify_inode filespec
              Modifica il contenuto della struttura inode dell’inode filespec.

       mkdir filespec
              Crea una directory.

       mknod filespec [p|[[c|b] <primario> <secondario>]]
              Crea  un dispositivo speciale (una pipe con nome, un dispositivo
              a caratteri o a blocchi). Se si  vuole  fare  un  dispositivo  a
              caratteri  o  a  blocchi,  devono essere specificati i numeri di
              primari e secondari di dispositivo.

       ncheck inode_num ...
              Prende la lista di numeri di  inode  specificati,  e  mostra  la
              lista dei percorsi di questi inode.

       open [-w] device
              Apre un file system per la modifica.

       pwd    Mostra la directory di lavoro corrente.

       quit   Esce da debugfs.

       rm percorso
              Scollega  percorso.  Dopo di che, se l’inode puntato da percorso
              non ha altri  riferimenti,  dealloca  il  file.  Questo  comando
              funziona come la system call unlink().

       rmdir filespec
              Rimuove  la directory filespec.  Attualmente questa funzione non
              è implementata.

       setb blocco
              Marca il blocco numero blocco come allocato.

       seti filespec
              Marca l’inode filespec come in uso nella inode bitmap.

       show_super_stats
              Elenca il contenuto del superblocco.

       stat filespec
              Mostra il contenuto della struttura inode dell’inode filespec.

       testb blocco
              Verifica se il blocco numero  blocco  è  marcato  come  allocato
              nella block bitmap.

       testi filespec
              Verifica se l’inode filespec è marcato come allocato nella inode
              bitmap.

       unlink percorso
              Rimuove il link all’inode specificato da percorso.  Si noti  che
              non viene aggiornato il contatore dei riferimenti all’inode.

       write file_sorgente file_uscita
              Crea  un file sul filesystem chiamandolo file_uscita, e copia il
              contenuto di file_sorgente nel file destinazione.

SPECIFICAZIONE DEI FILE

       Molti  comandi  di  debugfs  vogliono  filespec  come   argomento   per
       specificare  un  inode  (come alternativa a un percorso) nel filesystem
       correntemente  aperto  da  debugfs.  L’argomento  filespec  può  essere
       specificato  in due modi. La prima forma è un numero di inode racchiuso
       tra parentesi  angolari,  ad  esempio  <2>.   La  seconda  forma  è  un
       percorso;  se  il  percorso  è  prefissato  da  slash  (’/’),  allora è
       interpretato come relativo alla  radice  del  filesystem  correntemente
       aperto da debugfs. Altrimenti, il percorso è interpretato come relativo
       alla directory di lavoro corrente memorizzata da  debugfs.  Questa  può
       essere modificata usando il comando di debugfs cd.

AUTORE

       debugfs è stato scritto da Theodore Ts’o <tytso@mit.edu>.

VEDERE ANCHE

       dumpe2fs(8), e2fsck(8), mke2fs(8)