Provided by: manpages-it_0.3.4-5_all bug

NOME

       e2fsck - verifica un Linux second extended file system

SINTASSI

       e2fsck  [ -pacnyrdfvstFSV ] [ -b superblocco ] [ -B dimensione_blocco ]
       [ -l|-L nome_file ] dispositivo

DESCRIZIONE

       e2fsck è usato per verificare un Linux second extended file system.

       dispositivo
              è un file  speciale  corrispondente  ad  un  dispositivo  (p.es.
              /dev/hdXX).

OPZIONI

       -a     Questa  opzione  fa  la  stessa cosa dell’opzione -p.  È fornita
              solo per compatibilità all’indietro;  si  suggerisce  di  usare,
              quando sia possibile, l’opzione -p.

       -b superblocco
              Invece  di  usare  il  superblocco  normale,  usa un superblocco
              alternativo specificato da superblocco.

       -B dimensione_blocco
              Normalmente, e2fsck cercherà il superblocco a  varie  dimensioni
              di  blocchi  differenti  per  trovare  la  giusta dimensione dei
              blocchi. Tale ricerca in alcuni casi può essere stupida.  Questa
              opzione  forza  e2fsck  a provare a localizzare il superblocco a
              particolari  dimensioni  di  blocco.  Se  non   è   trovato   il
              superblocco, e2fsck terminerà con un fatal error.

       -c     Questa  opzione fa sì che e2fsck avvii il programma badblocks(8)
              per trovare i blocchi erronei sul  filesystem,  e  poi  marcarli
              come «bad» aggiungendoli all’inode dei blocchi erronei.

       -d     Stampa  informazioni diagnostiche (inutili se non si sta facendo
              la diagnostica di e2fsck).

       -f     Forza la verifica anche se il file system sembra a posto.

       -F     Scarica i  buffer  di  cache  del  dispositivo  del  filesystem.
              Realmente utile solo per fare prove temporali su e2fsck.

       -l nome_file
              Aggiunge  i  blocchi  elencati nel file specificato da nome_file
              alla lista dei blocchi erronei.

       -L nome_file
              Inizializza la lista dei blocchi erronei all’elenco  di  blocchi
              specificati  da  nome_file  (questa  opzione  fa  la stessa cosa
              dell’opzione -l, tranne per il fatto che la  lista  dei  blocchi
              erronei  è  azzerata prima di aggiungervi i blocchi elencati nel
              file).

       -n     Apre il filesystem in sola lettura e suppone la risposta  ‘‘no’’
              a  tutte  le  domande.  Permette  di  usare  e2fsck  in modo non
              interattivo (nota: se le opzioni -c, -l, o -L  sono  specificate
              in aggiunta all’opzione -n, allora il file system sarà aperto in
              lettura e scrittura, per permettere l’aggiornamento della  lista
              dei blocchi erronei. Comunque, non saranno fatte altre modifiche
              al filesystem).

       -p     Ripara automaticamente  ("preen")  il  file  system  senza  fare
              alcuna domanda.

       -r     Questa  opzione  non fa niente; è fornita solo per compatibilità
              all’indietro.

       -s     Questa opzione farà il byte-swap del filesystem cosicché si  usi
              il  byte-order normalizzato e standard (che è quello dell’i386 o
              little endian). Se il filesystem è già nel byte-order  standard,
              e2fsck non farà niente.

       -S     Questa  opzione  farà il byte-swap del filesystem, non curandosi
              del suo byte-order corrente.

       -t     Mostra statistiche temporali di e2fsck.   Se  questa  opzione  è
              usata  due volte, sono mostrate statistiche temporali aggiuntive
              per ogni passo.

       -v     Verbose mode.

       -V     Mostra la versione ed esce.

       -y     Assume la risposta ‘‘yes’’ a tutte le domande; permette di usare
              e2fsck in modo non interattivo.

CODICE DUSCITA
       Il  codice  d’uscita  restituito  da  e2fsck  è la somma delle seguenti
       condizioni:
            0    - Nessun errore
            1    - Errori del file system corretti
            2    - Errori del file system corretti, il sistema
                   dovrebbe essere rebootato se il filesystem
                   era montato
            4    - Errori del file system lasciati non corretti
            8    - Errore operativo
            16   - Errore d’uso o di sintassi
            128  - Errori sulla shared library

BACHI

       Praticamente ogni pezzo di codice  avrà  dei  bachi.  Se  si  trova  un
       filesystem  che  causa  il  crash  di e2fsck, o che e2fsck non riesce a
       riparare, si è pregati di informarne l’autore.

       Si prega di includere più infomazioni possibile nel proprio bug report.
       Idealmente,  è  da  includere  una trascrizione completa dell’azione di
       e2fsck, cosicché possa vedere esattamente quali messaggi d’errore  sono
       stati  mostrati.  Se  si  ha  un  filesystem scrivibile sul quale possa
       essere immagazzinata la  trascrizione,  il  programma  script(1)  è  il
       giusto modo di salvare l’output di e2fsck su un file.

       È utile anche mandare l’output di dumpe2fs(8).  Se un particolare inode
       sembra creare problemi a e2fsck, provare a dare il comando debugfs(8) e
       spedire  anche  l’output  del comando stat lanciato sull’inode (o sugli
       inode) in questione. Se l’inode è una directory,  il  comando  dump  di
       debugfs permetterà di estrarre il contenuto dell’inode della directory,
       che mi può essere spedito dopo averlo passato attraverso uuencode(1).

       Includere sempre anche la stringa di versione che e2fsck mostra  quando
       è lanciato, cosicché possa conoscere la versione che si usa.

AUTORE

       Questa versione di e2fsck è scritta da Theodore Ts’o <tytso@mit.edu>.

VEDERE ANCHE

       mke2fs(8), tune2fs(8), dumpe2fs(8), debugfs(8)