Provided by: manpages-it_0.3.4-5_all bug

NOME

       ifconfig - configura un’interfaccia di rete

SINTASSI

       ifconfig [interfaccia]
       ifconfig interfaccia [aftype] opzioni | indirizzo ...

DESCRIZIONE

       Ifconfig  è  usato  per configurare (e poi manutenere) le interfacce di
       rete residenti nel kernel. È usato al boot  per  configurare  molte  di
       queste  ad  uno  stato  funzionale  (running  state).  Dopo  di  che, è
       necessario solamente quando si fa il debug o quando  è  necessaria  una
       regolazione del sistema.

       Se  non  è  dato  nessun  argomento, ifconfig mostra solamente lo stato
       delle interfacce attualmente  definite.  Se  è  dato  solo  l’argomento
       interfaccia,   mostra   lo  stato  solo  dell’interfaccia  specificata.
       Altrimenti suppone che ci sia qualcosa da configurare.

Famiglie di Indirizzi

       Se il primo argomento dopo  il  nome  dell’interfaccia  è  riconosciuto
       essere   il   nome  di  una  famiglia  di  indirizzi  (Address  Family)
       supportata, quella famiglia di indirizzi è usata per la decodifica e la
       visualizzazione   di   tutti  gli  indirizzi  di  protocollo  (protocol
       address). Le famiglie di indirizzi attualmente  supportate  comprendono
       inet  (TCP/IP,  default) ax25 (AMPR Packet Radio), ddp (Appletalk Phase
       2), ipx (Novell IPX) e netrom (AMPR Packet radio).

OPZIONI

       interfaccia
              Il nome dell’interfaccia di rete. Di solito è un nome come  eth0
              , sl3 o qualcosa così: il nome di un device driver seguito da un
              numero di unità.

       up     Questo flag causa l’attivazione dell’interfaccia. È  specificato
              implicitamente  se viene dato un nuovo indirizzo all’interfaccia
              (si veda sotto).

       down   Questo flag  causa  la  disattivazione  del  driver  per  questa
              interfaccia,  ed è utile quando le cose iniziano ad andare male.

       [-]arp Abilita  o  disabilita  l’uso  del  protocollo  ARP  su   questa
              interfaccia.  Se  è  presente  il  segno  meno  (-),  il  flag è
              disattivato.

       [-]trailers
              Abilita o disabilita l’uso dei trailers nei frame Ethernet.  Non
              è usato nell’implementazione corrente di NET.

       [-]allmulti
              Abilita  o  disabilita il modo promiscuous dell’interfaccia. Ciò
              significa che tutti i frame in arrivo sono inviati  allo  strato
              di  rete  del  kernel  del  sistema, permettendo il monitoraggio
              della rete.

       metric N
              Questo parametro imposta l’interface metric. Attualmente  non  è
              usata, ma la implementeremo in futuro.

       mtu N  Questo  parametro  imposta  il  Maximum  Transfer  Unit (MTU) di
              un’interfaccia. Per Ethernet, questo è un  numero  compreso  tra
              1000  e  2000 (il default è 1500). Per SLIP, si usi qualcosa tra
              200 e 4096. Si noti che l’implementazione  corrente  non  tratta
              ancora  l’IP  fragmentation,  così  sarebbe  meglio  fare  l’MTU
              abbastanza grande!

       dstaddr addr
              Imposta l’indirizzo IP dell’altra terminazione del  caso  di  un
              collegamento Point-to-Point, come il PPP. Questa parola chiave è
              stata soppiantata dalla nuova parola chiave pointopoint.

       netmask addr
              Imposta l’IP network mask per questa interfaccia. Il  valore  di
              default  è  quello  solito delle network mask di classe A, B e C
              (come dedotto dall’indirizzo IP dell’interfaccia), ma può essere
              impostato ad un valore qualsiasi per l’uso delle sottoreti.

       irq addr
              Imposta la linea di interrupt usata da questo dispositivo. Molti
              dispositivi non supportano la configurazione dinamica  dell’IRQ.

       [-]broadcast [addr]
              Se  è  dato  anche un indirizzo imposta l’indirizzo broadcast di
              protocollo (protocol broadcast address) per questa  interfaccia.
              Altrimenti  imposta solo il flag IFF_BROADCAST dell’interfaccia.
              Se la parola chiave è preceduta da un segno meno (-), allora  il
              flag è reimpostato.

       [-]pointopoint [addr]
              Questa  parola  chiave  abilita  la  modalità  point-to-point di
              un’interfaccia, intendendo che è un collegamento diretto tra due
              macchine  con  nessun’altro  in  ascolto (o, almeno si spera che
              questo accada :-)
              Se è dato anche un indirizzo, imposta l’indirizzo di  protocollo
              (protocol  address)  dell’altro  capo  del collegamento, proprio
              come fa l’obsoleta parola chiave  dstaddr.   Altrimenti  imposta
              solamente il flag IFF_POINTOPOINT dell’interfaccia. Se la parola
              chiave è preceduta da un  segno  meno  (-),  allora  il  flag  è
              reimpostato.

       hw     Imposta l’indirizzo hardware di questa interfaccia, se il device
              driver supporta questa operazione. La parola chiave deve  essere
              seguita   dal   nome   della  classe  hardware  e  l’equivalente
              stampabile in ASCII dell’indirizzo hardware. Le classi  hardware
              attualmente supportate comprendono: ether (Ethernet), ax25 (AMPR
              AX.25), ARCnet e netrom (AMPR NET/ROM).

       multicast
              Imposta il flag multicast sull’interfaccia. Ciò  di  solito  non
              dovrebbe   essere   necessario  in  quanto  i  driver  impostano
              correttamente da soli il flag.

       indirizzo
              Il nome dell’host o l’indirizzo IP (un nome di host sarà risolto
              in  un  indirizzo  IP)  di quell’interfaccia. Questo parametro è
              richiesto, sebbene la sintassi attualmente non lo richieda.

FILE

       /proc/net/socket
       /proc/net/dev
       /etc/init.d/network

BACHI

       Sebbene gli indirizzi appletalk DDP e IPX possono essere  visualizzati,
       non possono essere alterati con questo comando.

AUTORI

       Fred N. van Kempen, <waltje@uwalt.nl.mugnet.org>
       Alan Cox, <Alan.Cox@linux.org>