Provided by: manpages-it_0.3.4-5_all bug

NOME

       mkfs - costruisce un file system Linux

SINTASSI

       mkfs [ -V ] [ -t fstype ] [ fs-options ] filesys [ blocks ]

DESCRIZIONE

       mkfs  viene  usato  per  costruire  un  file  system  Linux  su  di  un
       dispositivo, normalmente la partizione di un disco rigido.  filesys può
       essere   sia  il  nome  di  un  dispositivo  (per  esempio,  /dev/hda1,
       /dev/sdb2) sia il mount point (per esempio, /, /usr, /home) per il file
       system.   blocks  è il numero di blocchi che devono essere usati per il
       file system.

       Il codice di uscita restituito da mkfs è 0 in caso di successo oppure 1
       in caso di fallimento.

       In  realtà,  mkfs  è soltanto una interfaccia per i vari costruttori di
       file  system  (mkfs.fstype)  disponibili  sotto  Linux.   Lo  specifico
       costruttore  di  file  system  viene  cercato  in una certa quantità di
       directories come  /sbin, /sbin/fs, /sbin/fs.d, /etc/fs, /etc  (l’elenco
       esatto è definito al tempo di compilazione ma contiene almeno /sbin and
       /sbin/fs),  e  infine  nelle  directories  elencate   nella   variabile
       d’ambiente  PATH.   Per  favore,  leggete  le  pagine  di manuale dello
       specifico costruttore di file system per maggiori dettagli.

OPZIONI

       -V     Produci output prolisso, inclusi tutti i comandi  specifici  del
              file  system  che  vengono eseguito.  Specificare questa opzione
              più di una volta impedisce  l’esecuzione  di  qualunque  comando
              specifico  del  file system.  Ciò è davvero utile solo per scopi
              di test.

       -t fstype
              Specifica il tipo di file system che deve essere costruito.   Se
              non   è   specificato,  viene  usato  il  tipo  di  file  system
              predefinito (attualmente ext2).

       fs-options
              Opzioni specifiche del file system che devono essere passate  al
              costruttore   effettivo   del  file  system.   Sebbene  non  sia
              garantito, le seguenti opzioni  sono  supportate  dalla  maggior
              parte dei costruttori di file system.

       -c     Controlla  se  il  dispositivo  ha  blocchi danneggiati prima di
              costruire il file system.

       -l filename
              Leggi l’elenco dei blocchi danneggiati da filename

       -v     Produci output prolisso.

BACHI

       Tutte le opzioni generiche devono precedere quelle specifiche del  file
       system  e  non  devono  essere  combinate  con  esse.  Alcuni programmi
       specifici del file system non supportano  l’opzione  -v  (verbose),  né
       restituiscono   codici   di   uscita  significativi.   Inoltre,  alcuni
       programmi specifici del file system  non  eseguono  automaticamente  il
       riconoscimento  della dimensione del dispositivo e richiedono che venga
       specificato il parametro blocks .

AUTORI

       David Engel (david@ods.com)
       Fred N. van Kempen (waltje@uwalt.nl.mugnet.org)
       Ron Sommeling (sommel@sci.kun.nl)
       La pagina di manuale è stata vergognosamente adattata dalla versione di
       Remy Card per il file system ext2.

VEDERE ANCHE

       fsck(8), mkfs.minix(8), mkfs.ext(8), mkfs.ext2(8), mkfs.xiafs(8).