Provided by: manpages-it_0.3.4-5_all bug

NOME

       netstat  -  Mostra connessioni di rete, tabelle di routing, statistiche
       sulle interfacce, connessioni masquerade e messaggi netlink

SINTASSI

       netstat  [-venaoc]   [--tcp|-t]   [--udp|-u]   [--raw|-w]   [--unix|-u]
       [--inet|--ip] [--ax25] [--ipx] [--netrom]

       netstat   [-veenc]   [--inet]   [--ipx]   [--netrom]  [--ddp]  [--ax25]
       {--route|-r}

       netstat [-veenac] {--interfaces|-i} [iface]

       netstat [-enc] {--masquerade|-M}

       netstat [-cn] {--netlink|-N}

       netstat {-V|--version} {-h|--help}

DESCRIZIONE

       Netstat mostra informazioni sul sottosistema di networking di Linux.

   (nessuna opzione)
       Si può vedere lo stato delle connessioni di  rete  elencando  i  socket
       aperti.  Questa  è l’operazione di default: se non si specifica nessuna
       famiglia di indirizzi  (Address  Family),  allora  saranno  stampati  i
       socket  attivi di tutte le famiglie di indirizzi configurate. Con -e si
       ottengono alcune informazioni addizionali (userid). Con lo switch -v si
       può  far  in modo che netstat reclami per le famiglie di indirizzi note
       che  non  sono  supportate  dal  kernel.  L’opzione  -o  mostra  alcune
       informazioni  aggiuntive  sui  networking  timer.   -a  stampa  tutti i
       socket, inclusi i server socket in ascolto (listen).   La  famiglia  di
       indirizzi inet mostrerà i socket raw, udp e tcp.

   -r, --route
       Con  l’opzione  -r,  --route,  si  ottengono  le tabelle di routing del
       kernel nello stesso formato usato da route -e.  netstat  -er  userà  lo
       stesso formato d’uscita di route.  Si veda route(8) per i dettagli.

   -i, --interfaces iface
       Se  si  usa  l’opzione  -i,  --interfaces, sarà stampata una tabella di
       tutte (o di quelle specificate con iface) interfacce di rete.  L’output
       usa  lo  stesso  formato di ifconfig -e, ed è descritto in ifconfig(8).
       netstat  -ei  stamperà  una   tabella   o   la   sola   voce   relativa
       all’interfaccia  come  fa  ifconfig.   Con  lo  switch  -a,  si possono
       includere le interfacce che non sono configurate (cioè che non hanno il
       flag U=UP impostato).

   -M, --masquerade
       Può  essere  vista  anche  una  lista  di  tutte le sessioni masquerade
       (mascherate).  Con  lo  switch  -e  si  possono   includere   ulteriori
       informazioni  su  sequence numbering e delta, causate dalla riscrittura
       dei dati su una sessione FTP (comando PORT). Il supporto  masquerade  è
       usato  per nascondere al resto del mondo host con indirizzo di rete non
       ufficiale, come descritto in ipfw(4), ipfwadm(8) e ipfw(8).

   -N, --netlink
       I  kernel  recenti  hanno  un  supporto  di  comunicazione  kernel/user
       chiamato  netlink.  Si possono ottenere comunicazioni sulla creazione o
       cancellazione di interfacce di route da /dev/route (36,0).

OPZIONI

   -v, --verbose
       Dice  all’utente  cosa  sta   facendo   diventando   ‘‘prolisso’’.   In
       particolare   stampa   alcune  informazioni  utili  sulle  famiglie  di
       indirizzi non configurate.

   -n, --numeric
       Mostra l’indirizzo numerico invece  di  provare  a  determinare  l’host
       simbolico, la porta o il nome utente.

   -A, --af famiglia
       Usa  un  metodo  differente  per  impostare  le  famiglie di indirizzi.
       famiglia è una lista separata da virgole (’,’) di keyword  di  famiglie
       di  indirizzi  come  inet, unix, ipx, ax25, netrom e ddp.  Questo ha lo
       stesso effetto che usare  le  opzioni  lunghe  --inet,  --unix,  --ipx,
       --ax25, --netrom e --ddp.

   -c, --continous
       Fa  si  che  netstat  stampi  sullo schermo la tabella selezionata ogni
       secondo, finché non lo si interrompe.

OUTPUT

   Connessioni Internet attive (TCP, UDP, RAW)
   Proto
       Il protocollo (tcp, udp, raw) usato dal socket.

   Recv-Q
       Il numero di byte non copiati dal programma utente  connesso  a  questo
       socket.

   Send-Q
       Il numero di byte non riconosciuti dall’host remoto.

   Local Address
       L’indizzo  locale  (nome  host locale) e il numero di porta del socket.
       Finché non è data l’opzione -n, l’indirizzo del socket é risolto  nella
       suo  nome  host  canonico, e il numero di porta è tradotto nel nome del
       servizio corrispondente.

   Foreign Address
       L’indirizzo remoto (nome host remoto) e numero di porta del suo socket.
       Come con indirizzo:porta locale, lo switch -n disabilita la risoluzione
       del nome host e del servizio.

   State
       Lo stato del socket. Poiché non ci sono stati in RAW e  di  solito  non
       sono  usati in UDP, questa riga potrebbe essere bianca. Normalmente può
       essere uno di questi valori:

       ESTABLISHED
              Il socket ha stabilito una connessione.

       SYN_SENT
              Il socket sta attivamente provando a stabilire una  connessione.

       SYN_RECV
              Si sta inizializzano la connessione.

       FIN_WAIT1
              Il socket è chiuso, e si sta portando giù la connessione.

       FIN_WAIT2
              La  connessione è chiusa, e il socket sta aspettando lo shutdown
              dalla terminazione remota.

       TIME_WAIT
              Il socket sta aspettando dopo la chiusura per  la  ritramissione
              dello shutdown.

       CLOSED Non si sta usando il socket.

       CLOSE_WAIT
              La  terminazione  remota  ha  fatto lo shutdown, e si aspetta la
              chiusura del socket.

       LAST_ACK
              La terminazione remota ha fatto  lo  shutdown,  e  il  socket  è
              chiuso. Si attende il riconoscimento.

       LISTEN Il  socket  è  in  ascolto  per le connessioni in arrivo. Questi
              socket sono mostrati solo se sono impostati  gli  switch  -a,  o
              --listening.

       CLOSING
              Entrambi  i  socket  sono  stati  portati  giù ma non sono stati
              ancora inviati tutti i dati.

       UNKNOWN
              Lo stato del socket è sconosciuto.

   User
       Il nome o l’UID del proprietario del socket.

   Timer
       (questa dev’essere riscritta)

   Socket UNIX domain attivi
   Proto
       Il protocollo (solitamente unix) usato dal socket.

   RefCnt
       Il numero dei riferimenti (cioè i  processi  collegati  tramite  questo
       socket).

   Flags
       I flag mostrati sono SO_ACCEPTON (mostrato come ACC), SO_WAITDATA (W) o
       SO_NOSPACE (N).  SO_ACCECPTON è usato  su  socket  non  connessi  se  i
       processi  a  loro  corrispondenti  stanno  attentendo  la  richiesta di
       connessione. Gli altri flag non sono di comune interesse.

   Type
       Ci sono diversi tipi di accesso al socket:

       SOCK_DGRAM
              Il socket è usato in modalità Datagram (connectionless).

       SOCK_STREAM
              Questo è uno stream (connection) socket.

       SOCK_RAW
              Il socket è usato come un raw socket.

       SOCK_RDM
              Questo serve messaggi reliably-delivered.

       SOCK_SEQPACKET
              Questo è un sequential packet socket.

       SOCK_PACKET
              RAW interface access socket.

       UNKNOWN
              Chi mai lo sa cosa ci porterà il futuro - scriverlo qui :-)

   State
       Questo campo conterrà una delle parole chiave seguenti:

       FREE   Il socket non è allocato.

       LISTENING
              Il socket è in ascolto per una richiesta di connessione.  Questi
              socket  sono  mostrati  solo  se  è  impostato  lo  switch -a, o
              --listening.

       CONNECTING
              Il socket sta per stabilire una connessione.

       CONNECTED
              Il socket è connesso.

       DISCONNECTING
              Il socket è disconnesso.

       (empty)
              Il socket non è connesso a nessun’altro.

       UNKNOWN
              Questo stato non dovrebbe mai succedere.

   Path
       Questo mostra  il  percosso  al  quale  i  processi  corrispondenti  si
       attaccano al socket.

   Socket IPX attivi
       (è necessario che lo faccia qualcuno che ne sa qualcosa)

   Socket NET/ROM attivi
       (è necessario che lo faccia qualcuno che ne sa qualcosa)

   Socket AX.25 attivi
       (è necessario che lo faccia qualcuno che ne sa qualcosa)

FILE

       /etc/services -- Il file di traduzione dei servizi

       /proc/net/dev -- Informazioni sui dispositivi

       /proc/net/raw -- Informazioni sui socket RAW

       /proc/net/tcp -- Informazioni sui socket TCP

       /proc/net/udp -- Informazioni sui socket UDP

       /proc/net/unix -- Informazioni sui socket Unix domain

       /proc/net/ipx -- Informazioni sui socket IPX

       /proc/net/ax25 -- Informazioni sui socket AX25

       /proc/net/appeltalk -- Informazioni sui socket DDP (appeltalk)

       /proc/net/nr -- Informazioni sui socket NET/ROM

       /proc/net/route -- Informazioni sul Kernel IP routing

       /proc/net/ax25_route -- Informazioni sul Kernel AX25 routing

       /proc/net/ipx_route -- Informazioni sul Kernel IPX routing

       /proc/net/nr_nodes -- Kernel NET/ROM nodelist

       /proc/net/nr_neigh -- Kernel NET/ROM neighbours

       /proc/net/ip_masquerade -- Connessioni Kernel masqueraded

VEDERE ANCHE

       route(8), ifconfig(8), ipfw(4), ipfw(8), ipfwadm(8)

BACHI

       Occasionalmente  possono  apparire  informazioni  strane  se  il socket
       cambia mentre lo si guarda. Non è bello che succeda.
       L’opzione netstat -i è descritta come dovrebbe funzionare dopo  un  po’
       di pulizia del codice nella BETA release del pacchetto net-tools.

AUTORI

       L’interfaccia  utente  netstat  è  stata  scritta  da  Fred  Baumgarten
       <dc6iq@insu1.etec.uni-karlsruhe.de>,    la    pagina     di     manuale
       principalmente  da  Matt Welsh <mdw@tc.cornell.edu>. È stata aggiornata
       da Alan Cox <Alan.Cox@linux.org>,  ma  poteva   farlo  un  po’  più  di
       lavoro.
       Le  pagine  di manuale e i comandi inclusi nel pacchetto net-tools sono
       state totalente riscritte da Bernd Eckenfels <ecki@linux.de>.