Provided by: manpages-it_2.80-3_all bug

NOME

       services - Elenco dei servizi di rete internet

DESCRIZIONE

       services  è  un normale file ASCII che fornisce una mappa tra i nomi testuali  dei servizi
       internet, e i nomi delle porte e i tipi di protocolli loro assegnati.  Ogni  programma  di
       rete  dovrebbe  guardare in questo file per sapere il numero della porta (e il protocollo)
       del  suo  servizio.   Le  routine  della  libreria  C   getservent(3),   getservbyname(3),
       getservbyport(3),  setservent(3),  e  endservent(3)  supportano l'interrogazione di questo
       file da parte dei programmi.

       I numeri di porta sono assegnati dallo IANA (Internet Assigned Numbers  Authority),  e  la
       loro  politica attuale assegna entrambi i protocolli TCP e UDP quando si assegna un numero
       di porta. Perciò, molte voci avranno due voci, anche per i servizi solo TCP.

       I numeri di porta inferiori a 1024 (le cosiddette porte  'low  numbered')  possono  essere
       usate  solo  da  root (si veda bind(2), tcp(7), e udp(7)).  Questo accade perché i clienti
       che si connettono a una porta low numbered possono  fare  affidamento  sul  fatto  che  il
       servizio  in esecuzione sulla porta è l'implementazione standard e non un servizio avviato
       da un utente della macchina. I numeri di porta noti specificati dall'IANA sono normalmente
       localizzati in questo spazio esclusivo per root.

       La  presenza  di  una voce per un servizio nel file services non significa necessariamente
       che il servizio è attualmente in esecuzione sulla macchina. Si veda inetd.conf(5)  per  la
       configurazione  dei servizi Internet offerti. Si noti che non tutti i servizi di rete sono
       avviati da inetd(8), e così non appariranno in inetd.conf(5).  In  particolare,  i  server
       per news (NNTP) e mail (SMTP) spesso sono inizializzati dagli script di boot del sistema.

       La  posizione  del  file  services  è  definita da _PATH_SERVICES in /usr/include/netdb.h.
       Questa è usualmente impostata a /etc/services.

       Ogni riga descrive un servizio, ed ha il seguente formato:

              nome-servizio   porta/protocollo   [alias ...]

       dove:

       nome-servizio
                 è il nome amichevole con il quale è conosciuto il servizio e con il quale  viene
                 cercato  dai  programmi.  È  case  sensitive.  Spesso,  i  programmi client sono
                 nominati in base al nome-servizio.

       porta     è il numero della porta (in decimale) da usare per questo servizio.

       protocollo
                 è il tipo di protocollo da usare. Questo campo deve corrispondere  ad  una  voce
                 nel file protocols(5).  Valori tipici sono tcp e udp.

       alias     è  una lista opzionale separata da spazi o tab di altri nomi per questo servizio
                 (ma si veda la sezione BACHI sotto). Ancora, i nomi sono case sensitive.

       Sia spazi che tab possono essere usati per separare i campi.

       I commenti sono iniziati con il carattere `#' e continuano fino alla fine della  riga.  Le
       righe vuote non vengono considerate.

       Il  nome-servizio  dovrebbe  cominciare  nella prima colonna del file, in quanto gli spazi
       iniziali non sono scartati.  nome-servizio può essere  composto  da  caratteri  stampabili
       qualsiasi  ad  esclusione  di  spazi  e  tab,  comunque  dovrebbe  essere usata una scelta
       conservativa di caratteri per minimizzare i problemi di inter-operabilità. Es.: a-z, 0-9 e
       trattino (-) è una scelta sensata.

       Nel  file  non  dovrebbero  essere  presenti righe che non corrispondono a questo formato.
       (Attualmente, esse sono scartate silenziosamente  da  getservent(3),  getservbyname(3),  e
       getservbyport(3).  In ogni caso, non si dovrebbe far affidamento su questo comportamento).

       Per  compatibilità  all'indietro,  lo  slash  (/)  tra  il  numero  di porta e il nome del
       protocollo può di fatto essere sia uno slash che una virgola(,). L'uso della virgola nelle
       installazioni moderne è deprecato.

       Questo  file  potrebbe  essere distribuito su una rete che usa un servizio di network-wide
       naming come Yellow Pages/NIS o BIND/Hesiod.

       Un semplice file services potrebbe essere così:

              netstat         15/tcp
              qotd            17/tcp          quote
              msp             18/tcp          # message send protocol
              msp             18/udp          # message send protocol
              chargen         19/tcp          ttytst source
              chargen         19/udp          ttytst source
              ftp             21/tcp
              # 22 - non assegnato
              telnet          23/tcp

BACHI

       Gli alias per un servizio possono essere al massimo 35, a causa del modo in cui è  scritta
       getservent(3).

       Le   righe  più  lunghe  di  BUFSIZ  caratteri  (attualmente  1024)  saranno  ignorate  da
       getservent(3), getservbyname(3), e getservbyport(3).  Tuttavia, ciò causa anche un'analisi
       sbagliata della riga successiva.

FILE

       /etc/services
              L'elenco dei servizi di rete internet

       /usr/include/netdb.h
              Definizione di _PATH_SERVICES

VEDERE ANCHE

       listen(2),     endservent(3),     getservbyname(3),    getservbyport(3),    getservent(3),
       setservent(3), inetd.conf(5), protocols(5), inetd(8)

       Assigned Numbers RFC, il più recente è il documento RFC 1700, anche noto come STD0002.

       Guida ai servizi Yellow Pages

       Guida ai servizi BIND/Hesiod