Provided by: nmap_7.01-2ubuntu2_amd64 bug

NAME

       nmap - Strumento di network exploration e security / port scanner

SYNOPSIS

       nmap [Tipo di Scansione...] [Opzioni] {Obiettivo}

DESCRIZIONE

       Nmap (“Network Mapper”) è uno strumento open-source per la network exploration e
       l'auditing. È stato progettato per scansionare rapidamente reti di grandi dimensioni, ma è
       indicato anche per l'utilizzo verso singoli host. Nmap usa pacchetti IP "raw" (grezzi, non
       formattati) in varie modalità per determinare quali host sono disponibili su una rete, che
       servizi (nome dell'applicazione e versione) vengono offerti da questi host, che sistema
       operativo (e che versione del sistema operativo) è in esecuzione, che tipo di firewall e
       packet filters sono usati, e molte altre caratteristiche. Nonostante Nmap sia comunemente
       usato per audits di sicurezza, molti sistemisti e amministratori di rete lo trovano utile
       per tutte le attività giornaliere come ad esempio l'inventario delle macchine presenti in
       rete, per gestire gli aggiornamenti programmati dei servizi e per monitorare gli host o il
       loro uptime.

       L'output di Nmap è un elenco di obiettivi scansionati, con informazioni supplementari per
       ognuno a seconda delle opzioni usate. Tra queste informazioni è vitale la “tabella delle
       porte interessanti ”. Questa tabella elenca il numero della porta e il protocollo, il nome
       del servizio e lo stato attuale. Lo stato può essere open (aperto), filtered (filtrato),
       closed (chiuso), o unfiltered (non filtrato). Aperto significa che vi è sulla macchina
       obiettivo un'applicazione in ascolto su quella porta per connessioni o pacchetti in
       entrata.  Filtrato significa che un firewall, un filtro o qualche altro ostacolo di rete
       sta bloccando la porta al punto che Nmap non riesce a distinguere tra aperta o chiusa. Le
       porte chiuse non hanno alcuna applicazione in ascolto, anche se potrebbero aprirsi in ogni
       momento. Le porte vengono classificate come non filtrate quando rispondono ad una
       scansione di Nmap, ma non è stato possibile determinare se sono aperte o chiuse. Nmap
       mostra le combinazioni aperta|filtrata e chiusa|filtrata quando non può determinare quale
       dei due stati descrive una porta. La tabella delle porte può anche includere dettagli
       quali le versioni dei software disponibili se è stata usata l'opzione appropriata. Quando
       viene richiesta una scansione IP (-sO), Nmap fornisce informazioni sui protocolli IP
       supportati anziché sulle porte in ascolto.

       In aggiunta alla tabella delle porte notevoli, Nmap può fornire ulteriori informazioni
       sugli obiettivi come ad esempio i nomi DNS risolti (reverse DNS names), il probabile
       sistema operativo in uso, il tipo di device e l'indirizzo fisico (MAC address).

       Una tipica scansione con Nmap è mostrata su Example 1, “Una scansione di esempio”. Le
       uniche opzioni usate di Nmap in questo esempio sono -A, per abilitare la rilevazione del
       sistema operativo e della versione, lo script scanning e il traceroute, -T4 per
       un'esecuzione più rapida e infine l'host obiettivo.

       Example 1. Una scansione di esempio

           # nmap -A -T4 scanme.nmap.org

           Nmap scan report for scanme.nmap.org (74.207.244.221)
           Host is up (0.029s latency).
           rDNS record for 74.207.244.221: li86-221.members.linode.com
           Not shown: 995 closed ports
           PORT     STATE    SERVICE     VERSION
           22/tcp   open     ssh         OpenSSH 5.3p1 Debian 3ubuntu7 (protocol 2.0)
           | ssh-hostkey: 1024 8d:60:f1:7c:ca:b7:3d:0a:d6:67:54:9d:69:d9:b9:dd (DSA)
           |_2048 79:f8:09:ac:d4:e2:32:42:10:49:d3:bd:20:82:85:ec (RSA)
           80/tcp   open     http        Apache httpd 2.2.14 ((Ubuntu))
           |_http-title: Go ahead and ScanMe!
           646/tcp  filtered ldp
           1720/tcp filtered H.323/Q.931
           9929/tcp open     nping-echo  Nping echo
           Device type: general purpose
           Running: Linux 2.6.X
           OS CPE: cpe:/o:linux:linux_kernel:2.6.39
           OS details: Linux 2.6.39
           Network Distance: 11 hops
           Service Info: OS: Linux; CPE: cpe:/o:linux:kernel

           TRACEROUTE (using port 53/tcp)
           HOP RTT      ADDRESS
           [Cut first 10 hops for brevity]
           11  17.65 ms li86-221.members.linode.com (74.207.244.221)

           Nmap done: 1 IP address (1 host up) scanned in 14.40 seconds

       L'ultima versione di Nmap si può ottenere dal sito https://nmap.org. L'ultima versione di
       questa pagina del manuale è disponibile al sito https://nmap.org/book/man.html. È anche
       inclusa come capitolo di “Nmap Network Scanning: The Official Nmap Project Guide to
       Network Discovery and Security Scanning” (https://nmap.org/book/).

ELENCO DELLE OPZIONI

       Questo elenco delle possibili opzioni viene stampato quando Nmap viene eseguito senza
       argomenti; una versione aggiornata di questo elenco è sempre disponibile sul sito
       https://svn.nmap.org/nmap/docs/nmap.usage.txt. È utile per ricordarsi le opzioni più
       comuni ma non dev'essere inteso come un'alternativa alla documentazione approfondita
       presente in questa pagina di manuale. Alcune opzioni "oscure" non sono neanche incluse
       qui.

           Nmap 6.47SVN ( https://nmap.org )
           Usage: nmap [Scan Type(s)] [Options] {target specification}
           TARGET SPECIFICATION:
             Can pass hostnames, IP addresses, networks, etc.
             Ex: scanme.nmap.org, microsoft.com/24, 192.168.0.1; 10.0.0-255.1-254
             -iL <inputfilename>: Input from list of hosts/networks
             -iR <num hosts>: Choose random targets
             --exclude <host1[,host2][,host3],...>: Exclude hosts/networks
             --excludefile <exclude_file>: Exclude list from file
           HOST DISCOVERY:
             -sL: List Scan - simply list targets to scan
             -sn: Ping Scan - disable port scan
             -Pn: Treat all hosts as online -- skip host discovery
             -PS/PA/PU/PY[portlist]: TCP SYN/ACK, UDP or SCTP discovery to given ports
             -PE/PP/PM: ICMP echo, timestamp, and netmask request discovery probes
             -PO[protocol list]: IP Protocol Ping
             -n/-R: Never do DNS resolution/Always resolve [default: sometimes]
             --dns-servers <serv1[,serv2],...>: Specify custom DNS servers
             --system-dns: Use OS's DNS resolver
             --traceroute: Trace hop path to each host
           SCAN TECHNIQUES:
             -sS/sT/sA/sW/sM: TCP SYN/Connect()/ACK/Window/Maimon scans
             -sU: UDP Scan
             -sN/sF/sX: TCP Null, FIN, and Xmas scans
             --scanflags <flags>: Customize TCP scan flags
             -sI <zombie host[:probeport]>: Idle scan
             -sY/sZ: SCTP INIT/COOKIE-ECHO scans
             -sO: IP protocol scan
             -b <FTP relay host>: FTP bounce scan
           PORT SPECIFICATION AND SCAN ORDER:
             -p <port ranges>: Only scan specified ports
               Ex: -p22; -p1-65535; -p U:53,111,137,T:21-25,80,139,8080,S:9
             --exclude-ports <port ranges>: Exclude the specified ports from scanning
             -F: Fast mode - Scan fewer ports than the default scan
             -r: Scan ports consecutively - don't randomize
             --top-ports <number>: Scan <number> most common ports
             --port-ratio <ratio>: Scan ports more common than <ratio>
           SERVICE/VERSION DETECTION:
             -sV: Probe open ports to determine service/version info
             --version-intensity <level>: Set from 0 (light) to 9 (try all probes)
             --version-light: Limit to most likely probes (intensity 2)
             --version-all: Try every single probe (intensity 9)
             --version-trace: Show detailed version scan activity (for debugging)
           SCRIPT SCAN:
             -sC: equivalent to --script=default
             --script=<Lua scripts>: <Lua scripts> is a comma separated list of
                      directories, script-files or script-categories
             --script-args=<n1=v1,[n2=v2,...]>: provide arguments to scripts
             --script-args-file=filename: provide NSE script args in a file
             --script-trace: Show all data sent and received
             --script-updatedb: Update the script database.
             --script-help=<Lua scripts>: Show help about scripts.
                      <Lua scripts> is a comma-separated list of script-files or
                      script-categories.
           OS DETECTION:
             -O: Enable OS detection
             --osscan-limit: Limit OS detection to promising targets
             --osscan-guess: Guess OS more aggressively
           TIMING AND PERFORMANCE:
             Options which take <time> are in seconds, or append 'ms' (milliseconds),
             's' (seconds), 'm' (minutes), or 'h' (hours) to the value (e.g. 30m).
             -T<0-5>: Set timing template (higher is faster)
             --min-hostgroup/max-hostgroup <size>: Parallel host scan group sizes
             --min-parallelism/max-parallelism <numprobes>: Probe parallelization
             --min-rtt-timeout/max-rtt-timeout/initial-rtt-timeout <time>: Specifies
                 probe round trip time.
             --max-retries <tries>: Caps number of port scan probe retransmissions.
             --host-timeout <time>: Give up on target after this long
             --scan-delay/--max-scan-delay <time>: Adjust delay between probes
             --min-rate <number>: Send packets no slower than <number> per second
             --max-rate <number>: Send packets no faster than <number> per second
           FIREWALL/IDS EVASION AND SPOOFING:
             -f; --mtu <val>: fragment packets (optionally w/given MTU)
             -D <decoy1,decoy2[,ME],...>: Cloak a scan with decoys
             -S <IP_Address>: Spoof source address
             -e <iface>: Use specified interface
             -g/--source-port <portnum>: Use given port number
             --proxies <url1,[url2],...>: Relay connections through HTTP/SOCKS4 proxies
             --data <hex string>: Append a custom payload to sent packets
             --data-string <string>: Append a custom ASCII string to sent packets
             --data-length <num>: Append random data to sent packets
             --ip-options <options>: Send packets with specified ip options
             --ttl <val>: Set IP time-to-live field
             --spoof-mac <mac address/prefix/vendor name>: Spoof your MAC address
             --badsum: Send packets with a bogus TCP/UDP/SCTP checksum
           OUTPUT:
             -oN/-oX/-oS/-oG <file>: Output scan in normal, XML, s|<rIpt kIddi3,
                and Grepable format, respectively, to the given filename.
             -oA <basename>: Output in the three major formats at once
             -v: Increase verbosity level (use -vv or more for greater effect)
             -d: Increase debugging level (use -dd or more for greater effect)
             --reason: Display the reason a port is in a particular state
             --open: Only show open (or possibly open) ports
             --packet-trace: Show all packets sent and received
             --iflist: Print host interfaces and routes (for debugging)
             --log-errors: Log errors/warnings to the normal-format output file
             --append-output: Append to rather than clobber specified output files
             --resume <filename>: Resume an aborted scan
             --stylesheet <path/URL>: XSL stylesheet to transform XML output to HTML
             --webxml: Reference stylesheet from Nmap.Org for more portable XML
             --no-stylesheet: Prevent associating of XSL stylesheet w/XML output
           MISC:
             -6: Enable IPv6 scanning
             -A: Enable OS detection, version detection, script scanning, and traceroute
             --datadir <dirname>: Specify custom Nmap data file location
             --send-eth/--send-ip: Send using raw ethernet frames or IP packets
             --privileged: Assume that the user is fully privileged
             --unprivileged: Assume the user lacks raw socket privileges
             -V: Print version number
             -h: Print this help summary page.
           EXAMPLES:
             nmap -v -A scanme.nmap.org
             nmap -v -sn 192.168.0.0/16 10.0.0.0/8
             nmap -v -iR 10000 -Pn -p 80
           SEE THE MAN PAGE (https://nmap.org/book/man.html) FOR MORE OPTIONS AND EXAMPLES

TARGET SPECIFICATION (SPECIFICA DEGLI OBIETTIVI)

       Ogni cosa sulla linea di comando di Nmap che non è un'opzione (o un argomento di
       un'opzione) è considerato come una specifica di un host obiettivo. Il caso più semplice
       consiste nello specificare semplicemente un indirizzo IP o un nome di host per la
       scansione.

       A volte può essere utile scansionare un'intera rete di host adiacenti. Per questo, Nmap
       supporta l'indirizzamento CIDR. Si possono aggiungere /numero di bit a un indirizzo IP o a
       un nome di host e Nmap eseguirà la scansione su ogni indirizzo IP per il quale i primi
       numero di bit sono identici a quelli specificati nell'IP o nel nome di host fornito. Ad
       esempio, 192.168.10.0/24 eseguirà la scansione sui primi 256 host tra 192.168.10.0 (in
       binario: 11000000 10101000 00001010 00000000) e 192.168.10.255 (in binario: 11000000
       10101000 00001010 11111111), estremi inclusi. 192.168.10.40/24 fa esattamente la stessa
       cosa. Dato che l'host scanme.nmap.org corrisponde all'indirizzo IP 205.217.153.62, la
       specifica scanme.nmap.org/16 eseguirebbe la scansione sui 65.536 indirizzi IP tra
       205.217.0.0 e 205.217.255.255. Il più piccolo valore permesso è /1, che effettua la
       scansione su metà Internet. Il valore maggiore è 32, che effettua la scansione solo
       sull'host o sull'IP specificato poiché tutti i bit di indirizzo sono fissati.

       La notazione CIDR è breve ma non sempre abbastanza flessibile. Ad esempio, si potrebbe
       voler controllare 192.168.0.0/16 ma saltando qualsiasi IP termini con .0 o con .255 perché
       sono usati generalmente come indirizzi di broadcast. Nmap supporta questa funzione
       attraverso l'indirizzamento per intervalli di ottetti. Anziché specificare un normale
       indirizzo IP è possibile specificare una lista di valori o intervalli di valori separati
       da virgola per ogni ottetto. Ad esempio, 192.168.0-255.1-254 salterà tutti gli indirizzi
       nell'intervallo che termina per .0 o .255, mentre 192.168.3-5,7.1 eseguirà la scansione
       dei quattro indirizzi 192.168.3.1, 192.168.4.1, 192.168.5.1 e 192.168.7.1. Entrambi i
       valori limite possono essere omessi; i valori di default sono 0 a sinistra e 255 a destra.
       Usare - da solo equivale a 0-255, ma ricorda di usare 0- nel primo ottetto così da non
       fare sembrare l'obiettivo un'opzione sulla riga di comando. Gli intervalli non devono
       necessariamente essere limitati agli ottetti finali: una specifica come 0-255.0-255.13.37
       effettuerà una scansione su tutta Internet per ogni indirizzo IP che termina per 13.37.
       Questa tipologia di campionamento può essere utile per ricerche e sondaggi su tutta la
       rete Internet.

       Indirizzi IPV6 possono essere indicati solo mediante il loro indirizzo IPv6 completo o il
       loro hostname. L'indirizzamento CIDR e gli intervalli di ottetti non sono ancora
       supportati per IPv6.

       Gli indirizzi IPv6 con un non-global scope hanno bisogno di un ID di zona come suffisso.
       Sui sistemi Unix, questo è rappresentato dal simbolo percentuale (%) seguito dal nome di
       un'interfaccia; un indirizzo completo potrebbe essere fe80::a8bb:ccff:fedd:eeff%eth0. Su
       Windows, si usa l'identificativo numerico dell'interfaccia al posto del suo nome:
       fe80::a8bb:ccff:fedd:eeff%1. Puoi vedere la lista degli identificativi numerici con il
       comando netsh.exe interface ipv6 show interface.

       Nmap accetta più indirizzi di obiettivi sulla linea di comando ed essi non devono essere
       necessariamente indicati nello stesso modo. Il comando nmap scanme.nmap.org 192.168.0.0/8
       10.0.0,1,3-7.- fa esattamente ciò che ci si aspetta.

       Così come gli obiettivi sono generalmente indicati sulla linea di comando, anche le
       seguenti opzioni sono disponibili per la selezione degli obiettivi:

       -iL <inputfilename> (Input from list)
           Legge gli obiettivi da inputfilename. Inserire una grossa lista di host è spesso
           scomodo sulla linea di comando, anche se spesso è una necessità comune. Ad esempio, un
           server DHCP potrebbe esportare un elenco di 10.000 leases che si potrebbero voler
           controllare. Oppure si vogliono controllare tutti gli indirizzi IP di una rete tranne
           quelli presenti nel DHCP per individuare eventuali IP statici non autorizzati. È
           sufficiente generare la lista di host da controllare e passarla a Nmap come argomento
           dell'opzione -iL. Ogni elemento può essere in uno qualsiasi dei formati accettati da
           Nmap sulla linea di comando (indirizzo IP, nome dell'host, notazione CIDR, IPv6 o
           intervalli di indirizzi). Ogni elemento dev'essere separato da uno o più spazi,
           indentazioni (tabulazioni) o caratteri di a-capo. Si può usare un trattino (-) come
           nome di file se si vuole che Nmap legga gli host dallo standard input piuttosto che da
           un file esistente.

           L'inputfilename può contenere commenti. Ogni commento inizia con # e finisce con un
           carattere di a-capo.

       -iR <num hosts> (Choose random targets)
           Durante certe indagini su tutta Internet o altri tipi di ricerca, si potrebbe
           desiderare di scegliere gli obiettivi in maniera casuale. L'argomento num hosts indica
           a Nmap quanti indirizzi IP generare. Gli indirizzi privati, multicast o i pool di
           indirizzi non allocati vengono automaticamente saltati. Si può specificare l'argomento
           0 per una scansione senza fine. Va ricordato che alcuni amministratori di rete non
           apprezzano scansioni non autorizzate delle loro reti e potrebbero lamentarsi. Usare
           questa opzione a proprio rischio e pericolo! Se in un pomeriggio piovoso ci si trova
           ad essere annoiati, si può provare questo comando nmap -sS -PS80 -iR 0 -p 80 per
           trovare in maniera casuale dei server web sui quali navigare.

       --exclude <host1>[,<host2>[,...]] (Exclude hosts/networks)
           Questa opzione specifica un elenco, separato da virgola, di obiettivi da escludere
           dalla scansione anche se sono parte dell'intervallo di rete specificato. La lista va
           specificata nella notazione usuale di Nmap, ovvero può includere nomi di host, blocchi
           di indirizzi specificati mediante notazione CIDR, intervalli di ottetti, etc. Questo
           può essere utile quando la rete che si vuole controllare include server intoccabili o
           di vitale importanza, sistemi che sono conosciuti per reagire in maniera negativa ad
           eventuali scansioni, o sottoreti amministrate da altri.

       --excludefile <exclude_file> (Exclude list from file)
           Questa opzione offre le stesse funzionalità dell'opzione--exclude, con la differenza
           che gli obiettivi da escludere dalla scansione sono elencate in un exclude_file
           (separate da spazi bianchi, a-capo o tabulazioni) anziché sulla linea di comando.

           L'exclude_file può contenere commenti. Ogni commento inizia con # e finisce con un
           carattere di a-capo.

HOST DISCOVERING (RICERCA DI HOST)

       Uno dei primi passi in qualsiasi approccio di mappatura di una rete è quello di ridurre un
       intervallo di indirizzi IP (talvolta di notevoli dimensioni) ad una lista di host attivi o
       interessanti. Uno scan di ogni porta di ogni singolo indirizzo IP è lento e generalmente
       non necessario. Ovviamente ciò che rende un host interessante dipende in larga misura
       dalle motivazioni della scansione. Gli amministratori di rete possono essere interessati
       solo a host sui quali è in esecuzione uno specifico servizio, mentre chi fa auditing di
       sicurezza è più interessato a ogni singola periferica dotata di un indirizzo IP. Un
       sistemista può accontentarsi di semplici ping ICMP per trovare gli host sulla propria
       rete, ma un penetration tester esterno può dover usare un insieme di molti differenti
       probing (tentativi di scansione) per cercare di evitare le restrizioni imposte da un
       firewall.

       Poiché le necessità di host discovering sono così diverse, Nmap offre una notevole varietà
       di opzioni per la customizzazione delle tecniche usate. Il semplice host discovery è
       spesso chiamato “ping scan”, anche se va molto oltre il semplice pacchetto ICMP di tipo
       "echo request" associato al famoso strumento di ping. Un utente può evitare il passaggio
       per l'utility “ping” usando una List Scan (scansione di tipo lista: -sL) o disabilitando
       il ping (-Pn), oppure mettendo alla prova la rete usando combinazioni arbitrarie di probe
       TCP SYN/ACK, UDP e ICMP su differenti porte. Lo scopo di questi approcci è quello di
       sollecitare una risposta che dimostri l'esistenza di un host o di un dispositivo di rete
       con quell'indirizzo IP. In molte reti solo una piccola percentuale di indirizzi IP è
       attiva in ogni momento, specialmente negli spazi di indirizzamento privati previsti
       dall'RFC 1918 come ad esempio 10.0.0.0/8. Una rete di questo tipo ha 16 milioni di
       possibili IP, anche se è di uso comune in aziende con meno di un migliaio di macchine.
       L'host discovery può trovare queste macchine in un mare di indirizzi IP non consecutivi.

       Se non viene fornita alcuna opzione di host discovery, Nmap manda di default ad ogni
       macchina obiettivo un pacchetto ICMP di tipo "echo request", un pacchetto TCP SYN alla
       porta 443, un pacchetto TCP ACK alla porta 80 e un pacchetto ICMP di tipo "timestamp
       request" (per IPv6, il pacchetto ICMP di tipo "timestamp request" viene escluso dato che
       non fa parte del ICMPv6). Questa default è l'equivalente delle opzioni -PE -PS443 -PA80
       -PP. Eccezioni a questo comportamento sono le scansioni ARP (per IPv4) e Neighbor
       Discovery (per IPv6) che sono usate per tutti gli obiettivi in una rete ethernet locale.
       Se Nmap viene lanciato da un utente non privilegiato all'interno di un ambiente UNIX, i
       probe di default saranno pacchetti SYN alle porte 80 e 443 inviati mediante la chiamata di
       sistema connect. Questo tipo di host discovery è spesso sufficiente quando si deve
       effettuare una scansione su reti locali, anche se per un security auditing si raccomanda
       di usare un set di opzioni più avanzato.

       L'opzione -P* (che permette di scegliere il tipo di ping) può essere combinata. Si possono
       inoltre aumentare le probabilità di bypassare firewall particolarmente restrittivi
       mandando molti tipi di probe diversi usando porte o flag TCP differenti e svariati codici
       ICMP. Inoltre si tenga presente che l'ARP/Neighbor Discovery (-PR) viene effettuata di
       default all'interno di una rete locale, anche se vengono specificate altre opzioni -P*,
       poiché è quasi sempre più veloce e più efficiente.

       Di default, Nmap lancia un host discovery e in seguito un port scan su tutti gli host che
       sono online. Questo approccio viene tenuto anche quando si specificano metodi non standard
       per l'host discovery come i probe UDP (-PU). Si consulti la spiegazione per l'opzione -sn
       per sapere come effettuare solo host discovery; si usi -Pn per evitare l'host discovery e
       fare un portscan di tutti gli host di destinazione. Le seguenti opzioni controllano il
       comportamento dell'host discovery:

       -sL (List Scan)
           La List Scan è una forma banale di host discovery che semplicemente elenca ogni host
           delle reti specificate, senza inviare alcun pacchetto agli host obiettivo. Di default
           Nmap effettua una risoluzione inversa mediante DNS sugli host per ottenerne il nome
           completo. Spesso è sorprendente vedere quante informazioni utili possono fornire dei
           semplici hostname. Ad esempio, fw.chi è il nome del firewall di un'azienda di Chicago.
           Nmap mostra anche il numero totale di indirizzi IP alla fine della scansione. La lista
           scan è un buon controllo per essere sicuri di avere gli indirizzi IP corretti per la
           propria scansione. Se gli host mostrano nomi di dominio non conosciuti, vale la pena
           indagare oltre per evitare di scansionare la rete dell'azienda sbagliata.

           Poiché l'idea è quella di stampare semplicemente una lista di obiettivi, le opzioni
           per funzionalità di livello più alto (come ad esempio il port scanning, le indagini
           sul tipo di sistema operativo in esecuzione o il ping scan) non possono essere
           combinate con questa. Se si vuole disabilitare il ping scan e mantenere allo stesso
           tempo la possibilità di utilizzare funzionalità di alto livello, si legga la sezione
           sull'opzione -Pn (No ping).

       -sn (No port scan)
           Questa opzione indica a Nmap di non effettuare un port scan dopo un host discovery e
           di mostrare gli host che hanno risposto. Quest'opzione è spesso conosciuta come “ping
           scan”, ma si può anche richiedere il traceroute ed eseguire script host NSE.
           Quest'azione è un gradino più invadente della List Scan, e spesso può essere usata per
           lo stesso scopo. Essa permette una mappatura di una rete obiettivo senza attrarre
           molta attenzione. Sapere quanti host sono attivi è più utile ad un attaccante rispetto
           ad una semplice List Scan di ogni indirizzo IP e nome di host.

           Gli amministratori di sistema trovano spesso questa opzione utile allo stesso modo.
           Può essere usata facilmente per enumerare le macchine disponibili in una rete o tenere
           sotto osservazione la disponibilità di un singolo server. Questo approccio viene anche
           chiamato “ping sweep”, ed è più affidabile di un ping all'indirizzo broadcast poiché
           molti host non rispondono alle richieste di questa categoria.

           L'opzione -sn invia di default un pacchetto ICMP di tipo "echo request", un pacchetto
           TCP SYN alla porta 443, un pacchetto TCP ACK alla porta 80 e un pacchetto ICMP di tipo
           "timestamp request". Quando viene eseguita da un utente non privilegiato, viene
           inviati solo i pacchetti SYN (usando la chiamata connect ) alle porte 80 e 443
           dell'obiettivo. Quando invece un utente privilegiato prova ad effettuare una scansione
           all'interno di una rete locale, vengono usate richieste ARP a meno che non venga
           specificata l'opzione --send_ip. L'opzione -sn può essere usata in combinazione con
           qualsiasi tipo di discovery probe (ovvero la famiglia di opzioni -P*, tranne -Pn) per
           avere una migliore flessibilità. Se viene usato uno qualsiasi di questi probe con
           opzioni sul numero di porta, allora i probe di default vengono annullati. Si
           raccomanda di usare queste tecniche avanzate se ci sono dei firewall restrittivi tra
           l'host che lancia Nmap e le reti di destinazione, altrimenti le destinazioni
           potrebbero non essere raggiunte nel caso in cui il firewall dovesse bloccare i probe o
           le risposte a questi ultimi.

           Nelle versioni precedenti di Nmap, l'opzione -sn era chiamata -sP.

       -Pn (No ping)
           Questa opzione evita del tutto il passaggio di ricerca degli host di Nmap. Normalmente
           Nmap usa questo passaggio per trovare le macchine attive da sottoporre ad una
           scansione più approfondita. Di default, Nmap esegue un probing approfondito (come ad
           esempio un port scan, una version detection dei servizi o un Operating System
           detection) solo sugli host che sono stati trovati attivi. Disabilitare l'host
           discovery attraverso l'opzione -Pn obbliga Nmap a tentare la scansione richiesta su
           tutti gli host destinazione specificati. Quindi se si specifica sulla linea di comando
           una rete di destinazione di classe B (in CIDR /16) verranno sottoposti a scansione
           tutti i 65.535 indirizzi IP. A differenza della List Scan (nel quale l'host discovery
           viene saltato) anziché interrompersi e mostrare la lista di destinazioni, Nmap
           continua ad eseguire le funzioni richieste come se ogni IP di destinazione fosse
           attivo. Per evitare sia un ping scan che un port scan, ma permettere l'esecuzione
           degli script NSE, utilizzare le due opzioni -Pn -sn insieme.

           Per le macchine in una rete ethernet locale, la scansione ARP verrà ancora eseguita (a
           meno che siano specificate le opzioni --disable-arp-ping e --send-ip) in quanto Nmap
           necessita degli indirizzi fisici (MAC addresses) per ulteriori scansioni degli hosts.
           Nelle versioni precedenti di Nmap, -Pn era chiamata -P0 e -PN.

       -PS <port list> (TCP SYN Ping)
           Questa opzione invia un pacchetto TCP vuoto con il flag SYN attivo. La porta di
           destinazione di default è la 80 (configurabile durante la compilazione cambiando il
           parametro di define DEFAULT_TCP_PROBE_PORT nel file nmap.h), ma si possono specificare
           altre porte come parametro. La sintassi è la stessa dell'opzione -p tranne che gli
           indicatori del tipo di porta T: non sono permessi. Da notare che non ci devono essere
           spazi tra -PS e il numero di porta, ad esempio -PS22. Nel caso di più porte
           specificate, separate da virgola (ad esempio -PS22-25,80,113,1050,35000), si tenterà
           un probe verso ogni porta in parallelo.

           Il flag SYN indica al sistema remoto che si sta tentando di stabilire una connessione.
           Normalmente la porta di destinazione dovrebbe essere chiusa, e un pacchetto di RST
           (reset) viene mandato indietro. Se la porta fosse aperta, il destinatario effettuerà
           il secondo passo della connessione TCP a tre vie (3-way-handshake) rispondendo con un
           pacchetto TCP SYN/ACK. La macchina che sta eseguendo Nmap interromperà la connessione
           inviando un pacchetto RST al posto di mandare l'usuale pacchetto ACK che completerebbe
           l'handshake e stabilirebbe una connessione completa. Il pacchetto RST viene mandato
           dal kernel della macchina che sta eseguendo Nmap, non da Nmap stesso.

           A Nmap non interessa se la porta è aperta o chiusa. In ogni caso l'RST o il SYN/ACK
           ricevuti indicano che l'host è disponibile e risponde alle connessioni.

           Nelle macchine UNIX solo l'utente privilegiato root generalmente è abilitato all'invio
           e alla ricezione di pacchetti TCP "raw" (non formattati, grezzi). Per quanto riguarda
           gli utenti non privilegiati si deve ricorrere alla chiamata di sistema connect, la
           quale viene lanciata su ogni porta di destinazione. Questo ha l'effetto di inviare
           pacchetti SYN all'host di destinazione come per stabilire una connessione. Se la
           connect restituisce rapidamente un messaggio di successo o un messaggio di errore
           ECONNREFUSED significa che lo stack TCP sottostante deve aver ricevuto un SYN/ACK o un
           RST e l'host viene marcato come disponibile. Se il tentativo di connessione viene
           lasciato in sospeso fino al raggiungimento di un certo timeout l'host è marcato come
           down o non disponibile.

       -PA <portlist> (TCP ACK Ping)
           Il ping TCP ACK è molto simile al ping SYN appena discusso. La differenza, come si può
           facilmente indovinare, consiste nel fatto che viene sollevato il flag TCP ACK al posto
           del SYN. Un tale pacchetto ACK finge di confermare dei dati inviati in una connessione
           TCP già stabilita, anche se tale connessione non esiste. In questo modo un host remoto
           risponderà sempre con un pacchetto RST, svelando così la propria esistenza e il fatto
           che siano attivi.

           L'opzione -PA usa la stessa porta di default del SYN probe (ovvero la porta 80) e può
           ricevere in input un elenco di porte di destinazione nello stesso formato. Se un
           utente non privilegiato tenta quest'approccio si usa la scorciatoia della connect
           spiegata in precedenza. Questa scorciatoia non è ottimale perché in ogni caso la
           connect invia un pacchetto SYN e non un ACK.

           La ragione per offrire entrambi i tipi di probe (SYN e ACK) è quella di massimizzare
           le possibilità di bypassare firewall. Molti amministratori configurano router e
           semplici firewall per bloccare pacchetti SYN in arrivo tranne quelli destinati a
           servizi pubblici come il sito web aziendale o il mail server. Questo impedisce ogni
           altro tipo di connessione in entrata garantendo al tempo stesso agli utenti di
           effettuare connessioni verso l'esterno senza incontrare ostacoli. Questo approccio
           "non-stateful" (per "non-stateful" si intende in questo caso la capacità di un
           firewall di tenere traccia delle connessioni che lo attraversano, NdT) utilizza poche
           risorse sul firewall/router ed è largamente supportato da filtri software e hardware.
           Il firewall di Linux conosciuto come Netfilter/iptables offre l'opzione --syn per
           implementare questo approccio "stateless". Quando un firewall implementa regole di
           questo tipo, un probe SYN (-PS) viene facilmente bloccato quando viene mandato ad una
           porta chiusa. In questi casi un probe ACK passerebbe indisturbato, come se non vi
           fossero quelle regole.

           Un altro tipo comune di firewall utilizza regole "stateful" che lasciano cadere (drop)
           pacchetti non attesi. Questa caratteristica era inizialmente disponibile solo su
           firewall di fascia alta, anche se è diventata sempre più comune nel corso degli anni.
           Il sistema Netfilter/iptables la supporta mediante l'opzione --state, la quale marca
           pacchetti a seconda dello stato della connessione. Un probe SYN funzionerà più
           facilmente verso un tale sistema, poiché pacchetti ACK non attesi sono generalmente
           riconosciuti come non validi e lasciati cadere. Una soluzione a questa situazione poco
           piacevole è quella di inviare entrambe le tipologie di probe specificando le opzioni
           -PS e -PA.

       -PU <portlist> (UDP Ping)
           Un'altra opzione di host discovery è il ping UDP, la quale manda un pacchetto UDP alle
           porte indicate. Per molte porte, il pacchetto sarà vuoto, anche se utilizzare un
           payload specifico del protocollo aumentale probabilità di risposta. Vedi la sezione
           “UDP payloads: nmap-payloads” (https://nmap.org/book/nmap-payloads.html) per una
           descrizione del database dei payloads. Il contenuto del pacchetto può essere gestito
           con le opzioni --data, --data-string e --data-length.

           L'elenco di porte va specificato nello stesso formato già discusso in precedenza nelle
           opzioni -PS e -PA. Se non si specifica alcuna porta viene usata la 40125 di default.
           Questo valore può essere impostato durante la compilazione cambiando il parametro
           DEFAULT_UDP_PROBE_PORT nel file nmap.h. Si usa di default una porta poco comune perché
           inviare dati ad una porta già aperta è spesso non desiderabile per questo tipo
           particolare di scansione.

           Una volta raggiunta una porta UDP chiusa sulla macchina di destinazione, il probe UDP
           dovrebbe provocare un pacchetto ICMP di tipo "port unreachable" (porta
           irraggiungibile). Questo indica a Nmap che l'host è funzionante e disponibile. Altri
           tipi di pacchetti ICMP di errore, come ad esempio host o rete "unreachable" (non
           disponibile) o "TTL exceeded" (superato il tempo di vita del pacchetto) indicano un
           host non funzionante o irraggiungibile. Una mancanza di risposta viene interpretata
           alla stessa maniera. Se si raggiunge una porta aperta la maggior parte dei servizi
           semplicemente ignorano il pacchetto vuoto e non rimandano alcuna risposta. Questo
           spiega perché il probe di default è la porta 40125, la quale si usa molto raramente.
           Pochi servizi, tra i quali “chargen”, rispondono a un pacchetto UDP vuoto, rivelando
           così a Nmap la disponibilità della macchina in questione.

           Il vantaggio primario di questo tipo di scansione è che riesce a bypassare firewall e
           filtri che controllano solo pacchetti TCP. Ad esempio, una volta avevo un router a
           banda larga wireless Linksys BEFW11S4. L'interfaccia esterna di questa periferica
           filtrava tutte le porte TCP di default, ma i probe UDP provocavano messaggi di "Port
           unreachable" rivelando così l'esistenza del device.

       -PY <port list> (SCTP INIT Ping)
           Questa opzione invia un pacchetto SCTP contenente un INIT chunk minimale. La porta di
           destinazione di default è la 80 (configurabile durante la compilazione cambiando il
           valore di DEFAULT_SCTP_PROBE_PORT_SPEC nel file nmap.h). Altre porte possono essere
           specificate come parametro. La sintassi è la stessa dell'opzione -p tranne che gli
           indicatori del tipo di porta S: non sono permessi. Da notare che non ci devono essere
           spazi tra -PY e il numero di porta, ad esempio -PY22. Nel caso di più porte
           specificate, separate da virgola (ad esempio -PY22,80,179,5060), si tenterà un probe
           verso ogni porta in parallelo.

           L'INIT chunk suggerisce al sistema remoto che stai tentando di stabilire
           un'associazione. Normalmente la porta di destinazione dovrebbe essere chiusa e un
           ABORT chunk verrà inviato come risposta. Se la porta invece dovesse essere aperta,
           l'obiettivo passerà al secondo step della connessione SCTP a quattro vie
           (four-way-handshake) rispondendo con un INIT-ACK chunk. Se la macchina che sta
           eseguendo Nmap ha la funzione di SCTP stack, abbatte l'associazione nascente
           rispondendo con un ABORT chunk invece che inviare un COOKIE-ECHO chunk, che sarebbe lo
           step successivo nel processo di associazione. Il pacchetto ABORT viene mandato dal
           kernel della macchina che sta eseguendo Nmap in risposta ad un INIT-ACK inaspettato,
           non da Nmap stesso.

           Ad Nmap non interessa se la porta di destinazione risulta aperta o chiusa. Entrambi i
           pacchetti discussi in precedenza (ABORT e INIT-ACK) ricevuti in risposta, indicano ad
           Nmap che l'host è disponibile e risponde alle connessioni.

           Sulle macchine Unix, solo l'utente privilegiato root generalmente è abilitato ad
           inviare e ricevere pacchetti SCTP "raw" (non formattati, grezzi). Usare SCTP INIT
           Pings (-PY) non è attualmente possibile per gli utenti non privilegiati.

       -PE; -PP; -PM (ICMP Ping Types)
           In aggiunta ai meno comuni tipi di host discovery TCP, UDP e SCTP discussi in
           precedenza, Nmap può anche mandare i pacchetti standard come il famoso programma ping.
           Nmap manda un pacchetto ICMP type 8 ("echo request") all'indirizzo IP di destinazione,
           aspettandosi un type 0 ("echo reply") di ritorno dagli host disponibili.
           Sfortunatamente per chi deve scoprire la topologia di una rete, molti host e firewall
           ora bloccano questo tipo di pacchetti anziché rispondere come richiesto dall'RFC
           1122[1]. Per questa ragione le scansioni basate solo su ICMP sono raramente abbastanza
           affidabili nei riguardi di destinazioni sconosciute su Internet. Tuttavia per i
           sistemisti di rete che devono tenere sotto controllo una rete interna, esse possono
           essere un approccio pratico ed efficiente. Si usi l'opzione -PE per abilitare questo
           comportamento di "echo request".

           Mentre la "echo request" è la richiesta standard del ping ICMP, Nmap non si ferma qui.
           Gli standard ICMP (RFC 792[2] e RFC 950[3]) specificano inoltre i pacchetti "timestamp
           request", "information request" e "address mask request" (rispettivamente "richiesta
           di timestamp", ovvero data e ora, "richiesta di informazioni" e "richiesta della
           maschera di rete") mediante i codici ICMP 13, 15 e 17. Dato che lo scopo dichiarato di
           questo tipo di richieste è quello di avere informazioni quali la maschera di rete e
           l'ora corrente, essi possono facilmente essere usati per l'host discovery. Un sistema
           che risponde è funzionante e disponibile. Nmap non implementa allo stato attuale
           pacchetti di "information request", poiché in genere non sono supportati comunemente.
           L'RFC 1122 specifica che “un host NON DOVREBBE implementare questi messaggi” (il
           maiuscolo negli RFC indica comportamenti precisi). Il timestamp (data e ora) e le
           richieste di maschera di rete possono essere inviate rispettivamente mediante le
           opzioni -PP e -PM. Una risposta di tipo timestamp (codice ICMP 14) o di tipo address
           mask (codice 18) rivela che un host è disponibile. Queste due richieste possono essere
           utili qualora un amministratore dovesse bloccare i pacchetti di "echo request" ma
           dimenticarsi che altre query ICMP possono essere usate per lo stesso scopo.

       -PO <protocol list> (IP Protocol Ping)
           Una delle nuove opzioni di host discovery è la IP Protocol Ping, la quale invia
           pacchetti IP con lo specifico numero di protocollo impostato nel loro IP header. La
           lista dei protocolli ha lo stesso formato della lista delle porte vista in precedenza
           nelle opzioni di host discovery TCP, UDP e SCTP. Se nessun protocollo viene
           specificato, di default vengono inviati pacchetti IP multipli per ICMP (protocollo 1),
           IGMP (protocollo 2) e IP-in-IP (protocollo 4). I protocolli di default possono essere
           configurati in fase di compilazione cambiando il valore di
           DEFAULT_PROTO_PROBE_PORT_SPEC nel file nmap.h. Si tenga presente che per i protocolli
           ICMP, IGMP, TCP (protocollo 6), UDP (protocollo 17) e SCTP (protocollo 132), i
           pacchetti vengono inviati con i loro opportuni headers mentre gli altri protocolli
           vengono inviati senza nessun dato aggiuntivo oltre all'IP header (a meno che non siano
           specificate le opzioni --data, --data-string o --data-length).

           Questo metodo di host discovery cerca sia risposte utilizzando lo stesso protocollo di
           un probe, che messaggi "unreachable" utilizzando il protocollo ICMP, che significa che
           il protocollo non è supportato dall'host di destinazione. Entrambe le risposte
           indicano che l'obiettivo è attivo.

       -PR (ARP Ping)
           Una delle situazioni più comuni di utilizzo di Nmap è la scansione di una LAN
           ethernet. Nella maggior parte delle LAN, specialmente quelle in cui viene usato il
           benedetto intervallo di indirizzi privati specificato dall'RFC 1918, la maggior parte
           degli indirizzi IP è inutilizzato. Quando Nmap prova ad inviare pacchetti IP raw come
           le "echo request" ICMP, il sistema operativo deve determinare l'indirizzo hardware
           (ARP) corrispondente all'indirizzo IP di destinazione, in modo da poter indirizzare
           correttamente il frame ethernet. Questo è spesso lento e problematico, in quanto i
           sistemi operativi non sono stati scritti prevedendo di dover fare milioni di richieste
           ARP verso host inesistenti in un breve lasso di tempo.

           L'ARP scan lascia a Nmap e ai suoi algoritmi ottimizzati l'incarico delle richieste
           ARP. Nel caso in cui si riceva una risposta, Nmap non si deve neanche preoccupare dei
           ping basati su IP perché a questo punto sa già che l'host è raggiungibile. Questo
           rende l'ARP scan molto veloce e molto più affidabile delle normali scansioni basate su
           IP. Infatti questo è il comportamento di default quando si deve effettuare uno scan su
           host che Nmap riconosce come presenti nella rete locale. Anche se vengono specificati
           differenti tipi di ping (come -PE o -PS), Nmap usa comunque ARP per ogni target che è
           sulla stessa LAN. Se non si vuole assolutamente un ARP scan, specificare l'opzione
           --disable-arp-ping.

           Per IPv6 (opzione -6), -PR utilizza ICMPv6 Neighbor Discovery al posto di ARP.
           Neighbor Discovery, definito nell'RFC 4861, può essere visto come l'equivalente per
           IPv6 di ARP.

       --disable-arp-ping (No ARP or ND Ping)
           Nmap normalmente esegue un ARP o IPv6 Neighbor Discovery (ND) discovery degli host
           locali connessi ad una rete ethernet, anche se altre opzioni di host discovery, come
           -Pn o -PE, vengono utilizzate. Per disabilitare questo comportamento implicito,
           utilizzare l'opzione --disable-arp-ping.

           Il comportamento di default è solitamente più veloce, ma quest'opzione è utile nelle
           reti che utilizzano un proxy ARP, nelle quali un router risponde in modo speculare a
           tutte le richieste ARP, facendo sembrare attivi tutti gli obiettivi di un ARP scan.

       --traceroute (Trace path to host)
           I traceroutes vengono eseguiti in fase di post-scan utilizzando informazioni
           provenienti dai risultati della scansione per determinare la porta e il protocollo che
           più probabilmente raggiungono l'obiettivo. Opera con tutte le tipologie di scansione
           tranne le connect scans (-sT) e le idle scans (-sI). Tutti i tracciamenti utilizzano
           il modello di timing dinamico ("dynamic timing model") di Nmap e vengono eseguiti in
           parallelo.

           Traceroute lavora inviando pacchetti con un basso TTL (time-to-live) in attesa di
           ricevere un messaggio ICMP "Time Exceeded" dagli intermediari (hops) posti tra la
           macchina che esegue la scansione e l'host obiettivo. Le implementazioni standard di
           traceroute iniziano con un TTL settato a 1 e aumentano il TTL finché l'host di
           destinazione non viene raggiunto. I traceroute di Nmap iniziano con un alto TTL e lo
           diminuiscono fino ad arrivare a zero. Lavorare a ritroso consente ad Nmap di
           utilizzare intelligenti algoritmi di caching per velocizzare il tracciamento su più
           host. In media Nmap invia 5-10 pacchetti in meno per host, in base alle condizioni
           della rete. Se una singola subnet viene scansionate (ad esempio 192.168.0.0/24) Nmap
           potrebbe dover inviare solo due pacchetti per la maggior parte degli host.

       -n (No DNS resolution)
           Indica a Nmap di non effettuare mai una risoluzione inversa del nome mediante DNS
           sugli indirizzi IP rilevati. Poiché il DNS è spesso lento anche con il risolutore
           parallelo integrato di Nmap, questa opzione rende l'intero processo di scansione più
           veloce.

       -R (DNS resolution for all targets)
           Indica a Nmap di effettuare sempre la risoluzione inversa dei nomi mediante DNS sugli
           indirizzi IP rilevati. Generalmente la risoluzione inversa viene effettuata solo
           quando un host viene rilevato come attivo.

       --system-dns (Use system DNS resolver)
           Di default Nmap risolve gli indirizzi IP mandando richieste direttamente ai name
           servers (server dei nomi) configurati sulla macchina su cui è in esecuzione Nmap.
           Molte richieste (spesso nell'ordine delle dozzine) sono effettuate in parallelo per
           migliorare le performance. Si specifichi quest'opzione se si vuole usare il proprio
           DNS (richiedendo un indirizzo IP alla volta usando la system call getnameinfo). Questa
           operazione è più lenta e raramente utile a meno che non ci sia un bug nel codice di
           risoluzione dei nomi di Nmap (per favore si contattino gli sviluppatori se questo è il
           caso). Il resolver di sistema è sempre usato per le scansioni su IPv6.

       --dns-servers <server1>[,<server2>][,...]];  (Servers to use for reverse DNS queries)
           Di default Nmap cercherà di determinare i server DNS da usare per le reverse query
           usando il file resolv.conf (UNIX) o il Registro (Win32) sulla macchina su cui viene
           eseguito. In alternativa si può usare quest'opzione per indicare server alternativi.
           Tuttavia quest'opzione viene ignorata nel caso si specifichi l'opzione --system-dns o
           se si sta eseguendo una scansione IPv6. L'uso di più server DNS è spesso più veloce
           specialmente se si specificano server DNS autoritari per lo spazio IP di destinazione.
           Quest'opzione inoltre attrae meno l'attenzione, dato che le tue richieste possono
           essere rimbalzate praticamente da ogni server DNS su Internet.

           Quest'opzione torna utile anche quando si eseguono scansioni di reti private. Alle
           volte solo alcuni name server forniscono le correte informazioni di reverse e non
           sempre potresti sapere dove questi si trovano. Puoi scansionare la rete sulla porta 53
           (magari con una version detection), quindi provare delle List Scan (-sL) di Nmap
           specificando ogni volta un name server diverso con l'opzione --dns-servers finché non
           si trova quello desiderato.

FONDAMENTI DI PORT SCANNING

       Nonostante Nmap nel corso degli anni abbia ampliato le proprie funzionalità, iniziò come
       un efficiente port scanner e tale resta la sua funzione di base. Il semplice comando nmap
       target effettua una scansione di 1.000 porte TCP sull'host target. Mentre molti port
       scanner considerano tutte le porte chiuse o aperte, Nmap è molto più preciso. Divide le
       porte in sei categorie o stati: open (aperta), closed (chiusa), filtered (filtrata),
       unfiltered (non filtrata), open|filtered (aperta|filtrata), closed|filtered
       (chiusa|filtrata).

       Questi stati non sono proprietà intrinseche delle porte stesse, ma descrivono come Nmap le
       vede. Ad esempio, uno scan Nmap proveniente dalla stessa rete nella quale risiede
       l'obiettivo può mostrare la porta 135/tcp come aperta, mentre una scansione nello stesso
       momento con gli stessi parametri ma proveniente da Internet può mostrare quella stessa
       porta come filtered.

       I sei stati nei quali Nmap classifica le porte

       open (aperta)
           Un'applicazione accetta attivamente su questa porta connessioni TCP, datagrammi UDP o
           associazioni SCTP. La ricerca di questo tipo di porte è spesso l'obiettivo primario
           del port scanning. Chi si dedica alla sicurezza sa che ogni porta aperta è una strada
           verso un attacco. Gli attaccanti e i tester di sicurezza (penetration testers,
           conosciuti anche come "pen-testers", NdT) hanno come obiettivo quello di trovare e
           trarre vantaggio dalle porte aperte, mentre d'altro canto gli amministratori di rete e
           i sistemisti provano a chiuderle o a proteggerle con firewall senza limitare gli
           utenti autorizzati al loro uso. Le porte aperte sono anche interessanti per tutta una
           serie di scansioni non indirizzate unicamente alla sicurezza, perché mostrano che
           servizi sono disponibili in una rete.

       closed (chiusa)
           Una porta chiusa è accessibile (riceve e risponde ai pacchetti di probe di Nmap) ma
           non vi è alcuna applicazione in ascolto su di essa. Esse possono rendersi utili nel
           mostrare che un host è attivo su un indirizzo IP (durante l'host discovery o il ping
           scanning) o in quanto parte integrante dell'Operating System discovery. Poiché una
           porta chiusa è raggiungibile, può essere interessante effettuare una scansione più
           tardi nel caso alcune vengano aperte. Chi amministra una macchina o una rete può voler
           bloccare tali porte con un firewall ed in questo caso esse apparirebbero come
           filtrate, come mostrato in seguito.

       filtered (filtrata)
           In questo caso Nmap non può determinare con esattezza se la porta sia aperta o meno,
           perché un filtro di pacchetti impedisce ai probe di raggiungere la porta. Questo
           filtro può esser dovuto a un firewall dedicato, alle regole di un router, o a un
           firewall software installato sulla macchina stessa. Queste porte forniscono poche
           informazioni e rendono frustrante il lavoro dell'attaccante. A volte esse rispondono
           con un messaggio ICMP del tipo 3, codice 13 ("destination unreachable: communication
           administratively prohibited", ovvero "destinazione non raggiungibile: comunicazione
           impedita da regole di gestione"), ma in genere sono molto più comuni i filtri di
           pacchetti che semplicemente ignorano i tentativi di connessione senza rispondere.
           Questo obbliga Nmap a riprovare diverse volte, semplicemente per essere sicuri che il
           pacchetto non sia stato perduto a causa di una congestione di rete o di problemi
           simili piuttosto che dal firewall o dal filtro stesso. Questo riduce drammaticamente
           la velocità della scansione.

       unfiltered (non filtrata)
           Lo stato "unfiltered" indica che una porta è accessibile, ma che Nmap non è in grado
           di determinare se sia aperta o chiusa. Solo la scansione di tipo ACK, usata per
           trovare e classificare le regole di un firewall, posiziona una porta in questo stato.
           Una scansione di porte in questo stato ("non filtrate") mediante altri tipi di
           scansione come il Window scan (scan per finestre di connessione), il SYN scan o il FIN
           scan aiuta a determinare se la porta sia aperta o chiusa.

       open|filtered (aperta|filtrata)
           Nmap posiziona le porte in questo stato quando non è in grado di determinare se una
           porta sia aperta o filtrata. Questo accade in quelle scansioni per le quali una porta
           aperta non risponde in alcun modo. La mancanza di informazioni può significare inoltre
           che un filtro di pacchetti ha lasciato cadere ("drop") il probe o qualsiasi risposta
           sia stata generata in seguito a questo. Scansioni che classificano porte in questo
           stato sono le scansioni UDP, IP, FIN, NULL e Xmas.

       closed|filtered (chiusa|filtrata)
           Questo stato è usato quando Nmap non è in grado di determinare se una porta sia chiusa
           o filtrata. Viene usato solo per l'IP ID idle scan.

TECNICHE DI PORT SCANNING

       Un neofita inesperto che cerca di aggiustarsi l'automobile può arrovellarsi per ore
       cercando di usare i pochi strumenti che ha (martello, nastro isolante, pinza, ecc.) per
       ciò che deve fare. Una volta che si è arreso dopo l'ennesimo fallimento e si è deciso a
       portare il proprio macinino da un vero meccanico, ecco che questi inevitabilmente si mette
       a cercare in una gigantesca cassetta degli attrezzi estraendone il "coso" perfetto per
       fare quel lavoro senza alcuno sforzo. L'arte del port scanning è molto simile. Chi è
       esperto capisce e conosce tutte le tecniche e sceglie quella appropriata (o una
       combinazione appropriata) per un certo lavoro. Utenti inesperti o script kiddes, d'altro
       canto, provano a risolvere ogni problema con la scansione SYN di default. Poiché Nmap è
       free (in lingua inglese significa sia "libero" che "gratuito", e per questo è lasciato
       inalterato, NdT) l'unico limite alla capacità di fare port scanning è solo la conoscenza.
       Questo lo rende sicuramente più accessibile del mondo delle automobili, dov'è richiesta
       non solo una notevole abilità per sapere che serve uno specifico strumento, ma è anche
       necessario andarselo a comprare.

       La maggior parte delle scansioni è disponibile solo per gli utenti privilegiati. Questo è
       dovuto al fatto che esse inviano e ricevono pacchetti "raw" (non formattati o "grezzi",
       ovvero semplici stringhe di bit), i quali richiedono l'accesso come root su sistemi UNIX.
       L'uso di un account di amministrazione su Windows è raccomandato, nonostante Nmap a volte
       funzioni anche per gli utenti non privilegiati quando WinPcap è già stato caricato nel
       sistema operativo. Nel 1997, quando Nmap venne rilasciato, la necessità di avere privilegi
       di root era una seria limitazione perché molti utenti avevano solo accesso ad account su
       macchine che davano semplici shell condivise. Ora il mondo è cambiato: i computer sono più
       economici, molta più gente ha una connessione a Internet diretta e sempre attiva, e i
       sistemi UNIX per desktop (includendo tra questi macchine Linux o OS X) sono ormai la
       maggioranza. Una versione di Nmap per Windows è ora disponibile, così da poterlo eseguire
       su ancora più desktop. Per tutte queste ragioni gli utenti hanno sempre meno necessità di
       usare Nmap da account limitati, il che non fa che migliorare la situazione, in quanto le
       opzioni privilegiate fanno di Nmap uno strumento molto più potente e flessibile.

       Nonostante Nmap faccia del proprio meglio per produrre risultati accurati, si tenga
       presente che tutte le sue conclusioni sono basate su pacchetti che tornano indietro dalle
       macchine di destinazione (o dai firewall che le proteggono). Tali host possono essere
       inaffidabili e restituire risposte mirate proprio a confondere e sviare Nmap. Sono molto
       più comuni inoltre host che non rispettano gli RFC e che non rispondono come dovrebbero ai
       tentativi di connessione di Nmap. Scansioni come FIN, NULL e Xmas sono particolarmente
       suscettibili a questo problema. Tali problematiche sono specifiche a certi tipi di
       scansione ed in quanto tali vengono discusse nelle sezioni individuali ad esse dedicate.

       Questa sezione documenta le molteplici tecniche di port scanning supportate da Nmap. Si
       può usare solo un metodo per volta, a parte l'UDP scan (-sU) e gli SCTP scan (-sY, -sZ)
       che possono essere combinati con uno qualsiasi dei TCP scan. Per ricordarsi le varie
       opzioni di port scan, esse sono della forma -sC, dove C è un carattere significativo del
       nome della scansione, in genere il primo. L'unica eccezione a questa regola generale è il
       cosiddetto FTP bounce scan che viene tuttavia sconsigliato (opzione -b). Di default Nmap
       effettua un SYN scan, oppure un connect scan se l'utente non ha privilegi sufficienti per
       mandare pacchetti raw (che richiedono l'accesso come root su UNIX). Di tutte le scansioni
       elencate di seguito, gli utenti non privilegiati possono solo effettuare scansioni connect
       ed FTP bounce.

       -sS (TCP SYN scan)
           Il SYN scan è l'opzione di default ed è la più usata per buone ragioni. Può essere
           effettuato velocemente: effettua la scansione su migliaia di porte al secondo su una
           rete veloce non limitata da firewall restrittivi. Il SYN scan è relativamente nascosto
           e poco invasivo, poiché non completa mai le connessioni TCP. Funziona inoltre con ogni
           stack TCP compatibile e non dipende dalle idiosincrasie di piattaforme specifiche come
           fanno gli altri tipi di scan di Nmap quali FIN/NULL/Xmas, Maimon e Idle scan. Inoltre
           permette una differenziazione chiara ed affidabile tra le porte appartenenti agli
           stati open, closed e filtered.

           Questa tecnica è spesso indicata come "scanning semi-aperto" (tradotto letteralmente
           per esigenze di comprensione, da "half-open scanning", NdT), perché non viene aperta
           una connessione TCP completa. Viene mandato un pacchetto SYN come se si fosse sul
           punto di aprire una connessione reale e si attende una risposta. Un SYN/ACK indica che
           la porta è in ascolto (aperta), mentre un RST (reset) indica che la porta non è in
           ascolto. Se non viene ricevuta nessuna risposta dopo diverse ritrasmissioni la porta
           viene marcata come filtrata. La porta viene marcata come tale anche se viene ricevuto
           un pacchetto di errore "ICMP unreachable" (tipo 3, codici 1, 2, 3, 9, 10, 13). La
           porta viene considerata aperta anche nel caso in cui un pacchetto SYN (senza il flag
           ACK) viene ricevuto in risposta. Questo in base ad una feature TCP estremamente rara
           conosciuta come "apertura simultanea" ("simultaneous open") o connessione "split
           handshake" (vedere https://nmap.org/misc/split-handshake.pdf).

       -sT (TCP connect scan)
           La scansione di tipo TCP connect è la scansione TCP di default dove la scansione SYN
           non è un'opzione viabile. Questo è il caso in cui un utente non ha privilegi
           sull'invio di pacchetti "raw". Anziché scrivere pacchetti "raw" come in molti altri
           tipi di scansioni, Nmap richiede al sistema operativo sottostante di stabilire una
           connessione con la macchina di destinazione invocando la chiamata di sistema connect.
           Questa è la stessa chiamata di alto livello invocata per stabilire una connessione da
           browser web, client p2p e molte altre applicazioni orientate all'utilizzo in rete.
           Essa è parte dell'interfaccia di programmazione conosciuta come Berkeley Sockets API.
           Anziché leggere le risposte ai pacchetti "raw" inviati direttamente sul cavo, Nmap usa
           questa API per ottenere informazioni sullo stato di ogni tentativo di connessione.

           Quand'è possibile, il SYN scan è generalmente una scelta migliore. Nmap ha meno
           controllo sulla syscall connect rispetto ai pacchetti "raw", rendendolo quindi meno
           efficiente. La syscall completa le connessioni alle porte aperte specificate anziché
           limitarsi al reset dovuto alla scansione semi-aperta del SYN scan. Non solo questo
           approccio richiede più tempo e numero maggiore di pacchetti per ottenere le stesse
           informazioni, ma le macchine obiettivo sono più propense a tenere traccia (log) della
           connessione. Inoltre un IDS ("Intrusion Detection System", sistema di controllo delle
           intrusioni) decente se ne accorgerà. Tuttavia la maggior parte delle macchine non
           hanno tali sistemi di allarme. Molti servizi sui propri sistemi UNIX standard
           aggiungeranno una nota al syslog, e alle volte un messaggio di errore criptico, quando
           Nmap si connette e chiude la connessione senza inviare dati di alcun tipo. Solo alcuni
           patetici servizi andranno in crash in queste condizioni, nonostante non sia comune. Un
           amministratore che dovesse vedere un insieme di tentativi di connessioni provenienti
           da un singolo sistema saprà infine che è vittima di un connect scan.

       -sU (UDP scans)
           Così come i servizi più comuni su Internet girano attraverso il protocollo TCP, anche
           i servizi UDP[4] sono altrettanto diffusi. DNS, SNMP e DHCP (sulle porte registrate
           53, 161/162 e 67/68) sono tre dei più comuni. Poiché lo scan su UDP è generalmente più
           lento e più difficoltoso di quello su TCP, alcuni esaminatori di sicurezza ("security
           auditors") ignorano questo tipo di porte. Ciò è un errore, poiché i servizi UDP
           vulnerabili sono abbastanza comuni e un attaccante sicuramente non ignorerà
           completamente questo protocollo. Fortunatamente Nmap può aiutare ad enumerare le porte
           UDP.

           Lo scan UDP si attiva con l'opzione -sU. Può essere combinato con uno scan di tipo TCP
           come ad esempio un SYN scan (-sS) per controllare entrambi i protocolli nel corso
           della stessa sessione.

           Lo scan UDP funziona inviando pacchetti UDP ad ogni porta di destinazione. Per alcune
           porte comuni, come la 53 e la 161, un carico dati viene aggiunto per aumentare le
           probabilità di risposta, ma per la maggior parte delle porte il pacchetto viene
           inviato vuoto, a meno che non vengano specificate le opzioni --data, --data-string o
           --data-length. Se viene restituito un errore ICMP "port unreachable" (tipo 3, codice
           3) significa che la porta è closed (chiusa). Altri errori ICMP di tipo "unreachable"
           (irraggiungibile) come quelli del tipo 3, codici 1, 2, 9, 10 o 13 andranno ad
           identificare la porta come filtered (filtrata). Talvolta un servizio risponderà con un
           pacchetto UDP, dimostrando quindi che lo stato della porta è open (aperta). Se non
           viene ricevuta alcuna risposta dopo alcune ritrasmissioni, la porta viene classificata
           come open|filtered (aperta|filtrata). Questo significa che la porta può essere aperta
           o che probabilmente un filtro di pacchetti sta bloccando la comunicazione. Un version
           detection (-sV) può essere usato per aiutare a differenziare le porte veramente aperte
           da quelle che sono filtrate.

           La sfida maggiore con l'UDP scan è la velocità. Le porte aperte e filtrate raramente
           inviano qualche risposta, lasciando Nmap in timeout e facendolo ritrasmettere per
           evitare il caso in cui il probe o la risposta siano andati perduti. Le porte chiuse
           sono spesso un problema ancora maggiore: esse generalmente rimandano un pacchetto ICMP
           "port unreachable error", ma a differenza dei pacchetti RST rimandati dalle porte
           chiuse TCP come risposta ad un SYN o connect scan, molti host limitano il tasso di
           invio di tali pacchetti di default. Linux e Solaris sono particolarmente restrittivi
           da questo punto di vista. Ad esempio, il kernel 2.4.20 limita i messaggi di
           "destination unreachable" a uno al secondo (definito in net/ipv4/icmp.c).

           Nmap si accorge di questi limiti sulla frequenza di invio e rallenta l'invio dei probe
           in maniera dinamica, per evitare di intasare la rete con pacchetti inutili che la
           macchina di destinazione ignorerà comunque. Sfortunatamente, un limite come quello di
           Linux di un pacchetto al secondo rende una scansione su 65.535 porte di una durata
           teorica di più di 18 ore. Suggerimenti per rendere più veloce gli scan UDP sono quelli
           di effettuare scansioni su più host in parallelo, fare uno scan veloce preliminare
           sulle porte più usate, effettuare la scansione dall'interno del firewall ed infine
           usare l'opzione --host_timeout per evitare host troppo lenti nel rispondere.

       -sY (SCTP INIT scan)
           SCTP[5] è un'alternativa relativamente nuova rispetto ai protocolli TCP ed UDP, il
           quale combina molte delle caratteristiche di entrambi aggiungendo nuove funzionalità
           come il multi-homing e il multi-streaming. Principalmente Viene utilizzato per i
           servizi collegati ai protocolli SS7/SIGTRAN, ma potenzialmente può essere utilizzato
           per altre applicazioni. Lo scan SCTP INIT scan è l'equivalente del TCP SYN scan: viene
           eseguito velocemente e scansiona migliaia di porte al secondo su una rete veloce non
           limitata da firewall restrittivi. Come il SYN scan, l'INIT scan è relativamente
           nascosto e poco invasivo, dato che non completa mai le connessioni SCTP. Consente
           inoltre una chiara ed affidabile differenziazione tra gli stati della porta open
           (aperta), closed (chiusa) e filtered (filtrata).

           Questa tecnica è conosciuta come "half-open" (semi-aperta), in quanto non si
           completata l'associazione SCTP. Viene inviato un INIT chunk, esattamente come se si
           volesse iniziare una reale associazione. Se si riceve un INIT-ACK chunk in risposta,
           significa che la porta è in ascolto (aperta), mentre se si riceve un ABORT chunk
           significa che la porta non è in ascolto (chiusa). Se non si riceve nessuna risposta
           dopo alcune ritrasmissioni, la porta viene marcata come filtered. La porta viene anche
           considerata filtrata se viene ricevuto un messaggio ICMP "unreachable error" (tipo 3,
           codice 1, 2, 3, 9, 10 o 13).

       -sN; -sF; -sX (TCP NULL, FIN, and Xmas scans)
           Queste tre tipologie di scansione (e molte altre sono possibili con l'opzione
           --scanflags descritta nella prossima sezione) sfruttano una piccola vulnerabilità
           nell'RFC del protocollo TCP[6] per distinguere tra le porte open (aperte) e closed
           (chiuse). A pagina 65 si dice che “se lo stato della porta [di destinazione] è CHIUSO
           ... un segmento in arrivo che non contiene un RST causerà l'invio di un RST in
           risposta”. La pagina successiva discute di pacchetti inviati a porte aperte senza i
           bit SYN, RST o ACK impostati, indicando che: “questa situazione è decisamente
           improbabile, ma se dovesse capitare i segmenti vanno ignorati e si deve ritornare
           [alla funzione chiamante, NdT]”.

           Quando si scansionano sistemi aderenti a questo testo RFC, qualunque pacchetto che non
           contenga i bit SYN, RST o ACK causerà un RST di ritorno se la porta è chiusa e nessuna
           risposta se la porta è aperta. Finché nessuno di questi tre bit è incluso, qualunque
           combinazione degli altri tre bit (FIN, PSH, e URG) va bene. Nmap sfrutta tutto ciò
           tramite questi tre tipi di scan:

           NULL scan (-sN)
               Non manda nessun bit (il TCP flag header è 0).

           FIN scan (-sF)
               Setta solo il bit FIN.

           Xmas scan (-sX)
               Setta i bit FIN, PSH e URG, accendendo il pacchetto come un albero di natale.

           Questi tre tipi di scan sono esattamente identici nel comportamento, ad eccezione
           delle attivazioni dei tre bit nei pacchetti TCP usati per la verifica delle porte. Se
           viene ricevuto un pacchetto RST, la porta è considerata closed, mentre l'assenza di
           risposta indica che la porta è open|filtered. La porta è marcata come filtered se
           viene ricevuto un pacchetto ICMP "unreachable" (tipo 3, codice 1, 2, 3, 9, 10 o 13).

           Il vantaggio sostanziale di questi tipi di scan è che possono penetrare in certi
           non-stateful firewall e packet filtering router. Un altro vantaggio è che questi tipi
           di scansione sono un po più invisibili anche dei SYN scan. In ogni caso non è corretto
           fare cieco affidamento su questo, gran parte dei moderni prodotti IDS possono essere
           configurati in modo da rilevarli. Il grande svantaggio è che non tutti i sistemi
           seguono alla lettera la RFC 793. Un buon numero di sistemi manda risposte RST ai
           pacchetti di controllo indipendentemente dal fatto che le porte siano aperte o chiuse.
           Questo causa il fatto che tutte le porte appaiano come closed. I più diffusi sistemi
           operativi che fanno questo sono Microsoft Windows, molti apparati Cisco, BSDI e IBM
           OS/400. Questo scan funziona applicato alla maggior parte dei sistemi UNIX. Un altro
           svantaggio di questi scan è che non riescono a distinguere tra le porte open e quelle
           filtered, dando come risposta open|filtered.

       -sA (TCP ACK scan)
           Questo scan è diverso dagli altri discussi finora dal momento che non serve per
           determinare se le porte sono open (o open|filtered). Viene usato per mappare le regole
           di firewalling determinando se sono stateful o no e quali porte sono filtrate.

           I pacchetti dell'ACK scan hanno soltanto il flag ACK abilitato (a meno che non si usi
           --scanflags). Mentre si scansionano sistemi non filtrati, sia le porte open che le
           porte closed manderanno pacchetti RST. Nmap poi le cataloga come unfiltered, nel senso
           che è possibile raggiungerle con un pacchetto ACK, ma che siano aperte o chiuse non è
           determinabile. Le porte che non rispondono, o mandano certi errori ICMP (tipo 3,
           codice 1, 2, 3, 9, 10 o 13), sono etichettate come filtered.

       -sW (TCP Window scan)
           Il window scan è esattamente la stessa cosa di ACK scan, ad eccezione del fatto che
           sfrutta un dettaglio di implementazione di certi sistemi per differenziare le porte
           aperte e quelle chiuse, invece di scrivere sempre unfiltered quando restituisce un
           RST. Lo fa esaminando il campo TCP Window del pacchetto RST che ritorna. In alcuni
           sistemi le porte aperte usano una grandezza della finestra positiva (anche per i
           pacchetti RST), mentre nelle porte chiuse la grandezza della finestra è zero. Quindi,
           invece di catalogare sempre le porte come unfiltered quando si riceve un RST di
           ritorno, il Window scan lista le porte come open o closed a seconda che il valore in
           quel RST (reset) sia, rispettivamente, positivo o pari a zero.

           Questo scan fa affidamento a un dettaglio implementativo di una minoranza di sistemi
           presenti in Internet, quindi ciò non è sempre affidabile. Nei sistemi in cui questo
           dettaglio implementativo non sussiste, di norma lo scan segnalerà tutte le porte
           closed. Ovviamente sarà possibile che la macchina non abbia realmente nessuna porta
           aperta. Se la maggior parte delle porte è closed, ma alcune porte comuni (come la 22,
           la 25 o la 53) appaiono filtered, il sistema è quasi sicuramente suscettibile a questo
           tipo di scan. Occasionalmente, alcuni altri sistemi presenteranno un comportamento
           esattamente opposto. Se lo scan riporta 1.000 porte aperte e 3 chiuse o filtrate,
           allora quelle 3 saranno con ogni probabilità proprio quelle aperte.

       -sM (TCP Maimon scan)
           Il Maimon scan è stato nominato così in onore al suo scopritore, Uriel Maimon. Egli
           descrisse questa tecnica nell'articolo #49 della rivista Phrack (Novembre 1996). Nmap,
           che incluse questa tecnica, fu rilasciato due articoli dopo. Questa tecnica
           esattamente uguale ai NULL, FIN e Xmas scan, ad eccezione del fatto che i pacchetti di
           scansione sono FIN/ACK. In accordo con la RFC 793[6] (TCP), un pacchetto RST dovrebbe
           essere generato in risposta a tale stimolo. Ad ogni modo, Uriel notò che in molti
           sistemi derivati da BSD il pacchetto veniva scartato se la porta era aperta.

       --scanflags (Custom TCP scan)
           Gli utilizzatori molto avanzati di Nmap hanno necessità di non limitarsi semplicemente
           ad utilizzare le scansioni tipiche offerte. L'opzione --scanflags consente di
           designare una scansione personalizzata specificando arbitrariamente i flag TCP
           necessari. Liberate la vostra inventiva, ed evitate così che i vendor di Intrusion
           Detection Systems trovino nuove regole da aggiungere ai loro sistemi semplicemente
           sfogliando la "Man Page" di Nmap!

           I parametri dell'opzione --scanflags possono essere un valore numerico indicante i
           flag TCP, come ad esempio 9 (PSH e FIN) anche se l'utilizzo di nomi simbolici risulta
           comunque più semplice. Basta mettere creare una qualsiasi combinazione di URG, ACK,
           PSH, RST, SYN e FIN. Per esempio, --scanflags URGACKPSHRSTSYNFIN imposta tutti i flag,
           anche se non risulta molto utile al fine della scansione. L'ordine con cui vengono
           specificati non è rilevante.

           Oltre allo specificare i flag desiderati, è possibile indicare un tipo di scansione
           TCP (come -sA o -sF). Questo specifica come Nmap deve interpretare le risposte. Per
           esempio, un SYN scan considera la mancanza di risposta come una porta filtered, mentre
           un FIN scan interpreta lo stesso comportamento per identificare una porta
           open|filtered. Nmap si comporterà nello stesso modo che per la scansione normale,
           tranne che per il fatto di interpretare i flag TCP che sono stati specificati. Se non
           viene indicato un diverso tipo di scansione, viene automaticamente utilizzata la SYN
           scan.

       -sZ (SCTP COOKIE ECHO scan)
           L'SCTP COOKIE ECHO è più avanzato rispetto all'SCTP scan. Sfrutta il fatto che le
           implementazioni SCTP dovrebbero lasciar cadere (drop) in modo trasparente i pacchetti
           che contengono dei COOKIE ECHO chunk sulle porte aperte ed inviare un ABORT se la
           porta è chiusa. Il vantaggio di questo tipo di scansione sta nel fatto che è meno
           rilevabile rispetto all'INIT scan. Inoltre, ci possono essere firewall che utilizzano
           regole non-stateful che bloccano gli INIT chunk, ma non i COOKIE ECHO chunk. Non
           illudersi però che quest'opzione renda un port scan invisibile; un buon IDS riesce ad
           individuare anche le scansioni SCTP COOKIE ECHO. Lo svantaggio è che le scansioni SCTP
           COOKIE ECHO non differenziano le porte tra open e filtered lasciando come stato
           open|filtered in entrambi i casi.

       -sI <zombie host>[:<probeport>] (idle scan)
           Questo metodo di scansione avanzato permette di effettuare una scansione TCP
           completamente invisibile dell'obiettivo (ovvero nessun pacchetto viene inviato
           dall'indirizzo IP reale da cui si sta effettuando la scansione.) Viene diversamente
           utilizzato un unico attacco parallelo che utilizza la predicibilità dell'ID relativo
           alla sequenza di frammentazione generato dallo zombie host per ottenere informazioni
           sulle porte aperte dell'obiettivo. I sistemi IDS interpreteranno la scansione come se
           provenisse dalla macchina zombie specificata (che deve essere attiva e rispondere a
           certi criteri). Tutti i dettagli su questa affascinante tecnica di scansione si
           trovano al seguente link “ TCP Idle Scan (-sI)[7]”.

           Oltre che essere straordinariamente nascosto (grazie alla sua natura "invisibile"),
           questo tipo di scansione permette di creare una mappa indicante le relazioni tra le
           macchine da un punto di vista dell'indirizzo IP. I risultati dalla scansione mostrano
           le porte aperte dalla prospettiva dell'indirizzo IP della macchina zombie.  Risulta
           così possibile effettuare scansioni utilizzando diversi zombie che si ritiene possano
           attraversare router o sistemi con packet filter.

           È possibile aggiungere i due punti (:) seguiti dal numero di porta per l'host zombie,
           se si vuole sondare una particolare porta per vedere i cambiamenti nell'IP ID.
           Diversamente Nmap utilizzerà the porta che utilizza di default per i ping TCP (80).

       -sO (IP protocol scan)
           L'IP protocol scan permette di determinare che protocolli IP (TCP, ICMP, IGMP, ecc.)
           sono supportati dalle macchine obiettivo. Non è tecnicamente un port scan, dato che
           utilizza i numeri indicanti il protocollo IP e non i numeri di porta TCP o UDP.
           Utilizza comunque ancora l'opzione -p per scegliere il protocollo da scansionare,
           riporta i risultati nel normale formato della tabella delle porte ed utilizza lo
           stesso engine sottostante al port scanning reale. Per questo motivo è profondamente
           analogo ad un port scan e viene trattato in questa sezione.

           Oltre che essere intrinsecamente utile, il protocol scan dimostra la potenza del
           software open-source. Per quanto l'idea fondamentale è abbastanza semplice, non
           immaginavo di aggiungerla fino a quando non avessi ricevuto richieste per questa
           funzionalità. Nell'estate del 2000, Gerhard Rieger concepì l'idea e scrisse
           un'eccellente patch che la implementasse, spedendola poi alla mailing list
           nmap-hackers. Io incorporai questa patch in Nmap e ne rilasciai una nuova versione il
           giorno seguente. Alcuni software commerciali ebbero clienti talmente soddisfatti da
           contribuire allo sviluppo di questa tecnica con i loro miglioramenti!

           Il protocol scan funziona in modo simile all'UDP scan solo che invece di agire sul
           campo "port number" del pacchetto UDP, invia degli header di pacchetto IP e agisce sul
           campo di 8 bit relativo al protocollo. Questi headers sono tipicamente vuoti, non
           contengo dati e nemmeno l'header proprietario del protocollo dichiarato, ad eccezione
           di TCP, UDP, ICMP, SCTP e IGMP. Un header valido per queste eccezioni viene incluso
           perché, diversamente, alcuni sistemi non li invierebbero e perché Nmap è già provvisto
           di funzioni per crearli. Invece che cercare un messaggio ICMP "port unreachable", il
           protocol scan è alla ricerca di un messaggio ICMP "protocol unreachable". Se Nmap
           riceve una qualunque risposta di qualunque protocollo dall'host scansionato, Nmap
           indica tale protocollo come open. Un errore ICMP "protocol unreachable" (tipo 3,
           codice 2) fa sì che il protocollo sia indicato come closed. Altri errori ICMP
           "unreachable" (tipo 3, codice 1, 3, 9, 10 o 13) fanno classificare il protocollo come
           filtered (denotando, contestualmente, che il protocollo ICMP è open). Se non viene
           ricevuta alcuna risposta, il protocollo è identificato come open|filtered.

       -b <FTP relay host> (FTP bounce scan)
           Un'interessante caratteristica del protocollo FTP (RFC 959[8]) è il supporto per le
           cosiddette "proxy FTP connections". Questa permette all'utente di connettersi ad un
           server FTP e richiedere che il file sia inviato ad un server FTP differente. Tale
           caratteristica si presta per varie tipologie di abuso, cosicché molti server hanno
           smesso di supportarla. Uno degli abusi nell'utilizzo di questa peculiarità è la
           possibilità di far effettuare al server FTP un port scan verso altri host, basta
           semplicemente richiedere al server FTP di inviare un file ad ognuna delle porte che
           vogliamo scansionare. Il messaggio di errore ci permetterà di dedurre se la porta è
           aperta o meno. Questo è un ottimo modo per aggirare i firewall in quanto i server FTP
           aziendali sono spesso posizionati nella rete così da poter accedere a più host interni
           di quanto sia possibile fare da Internet. Nmap supporta l'FTP bounce scan attraverso
           l'opzione -b. I parametri per tale opzione devono rispettare il formato:
           username:password@server:port dove Server è l'hostname o l'indirizzo IP di un server
           FTP vulnerabile a questo attacco. Come in una URL normale, è possibile omettere
           username:password, ed in tal caso verranno utilizzate credenziali anonime (user:
           anonymous password:-wwwuser@). Il numero di porta (ed i due punti che lo precedono)
           possono essere altresì omessi, in tal caso verrò utilizzata la porta FTP di default
           (21) per la connessione al server.

           Questa vulnerabilità è stata diffusa nel 1997 quando Nmap è stato rilasciato, ma è
           stata risolta su gran parte dei sistemi. Esistono alcuni server ancora vulnerabili, ed
           ha senso provare ad utilizzarla quando ogni altra cosa fallisce. Se l'obiettivo è
           oltrepassare un firewall, è necessario effettuare una scansione sulla rete cercando di
           trovare la porta 21 aperta (o anche cercando un servizio FTP su di una qualsiasi
           porta, utilizzando la version detection) e provare quindi lo script NSE ftp-bounce.
           Nmap sarà in grado di evidenziare se un host è vulnerabile o meno a questa tecnica. Se
           si sta cercando semplicemente di nascondere le proprie tracce, non vi è bisogno (e di
           fatto non si dovrebbe) di limitare la scansione alla rete che realmente ci interessa.
           Prima di iniziare ad effettuare scansioni su indirizzi Internet casuali per trovare
           server FTP vulnerabili è bene tenere presente che gli amministratori di sistema
           potrebbero non apprezzare che i loro server siano soggetti a tali abusi.

PORT SPECIFICATION E SCAN ORDER

       Oltre a tutti i metodi discussi in precedenza, Nmap offre la possibilità di specificare
       quali porte devono essere scansionate e se l'ordine delle porte deve essere casuale oppure
       sequenziale. Di default Nmap effettua la scansione delle 1.000 porte più comuni per ogni
       protocollo.

       -p <port ranges> (Only scan specified ports)
           Questa opzione permette di ignorare le impostazioni di default e di specificare quali
           porte si vogliono scansionare. È possibile indicare i singoli numeri delle porte, così
           come gli intervalli, separati da un trattino (ad esempio 1-1023). Il primo e/o
           l'ultimo valore di un intervallo possono essere omessi, facendo sì che Nmap utilizzi
           rispettivamente 1 e 65535 come limiti. È quindi possibile utilizzare l'opzione -p- per
           effettuare la scansione delle porte da 1 a 65535. È possibile effettuare scansioni
           sulla porta zero se viene espressamente specificato. Nel caso di un IP protocol scan
           (-sO), questa opzione indica il numero del protocollo che si desidera scansionare
           (0-255).

           Quando si effettua una scansione combinata di protocolli (ad esempio TCP e UDP), è
           possibile specificare un protocollo particolare anteponendo al numero di porta T: per
           TCP, U: per UDP, S: per SCTP o P: per IP Protocol. Tale indicazione risulta valida
           sino a che non ne viene indicata un'altra. Per esempio, l'opzione -p
           U:53,111,137,T:21-25,80,139,8080 effettua una scansione UDP delle porte 53, 111 e 137,
           lo stesso per le porte TCP. Si noti che per effettuare una scansione su entrambi i
           protocolli UDP e TCP, è necessario specificare l'opzione -sU e almeno un metodo di TCP
           scan (come -sS, -sF o -sT). Se non viene indicato nulla, i numeri di porta vengono
           aggiunti a tutte le liste dei protocolli.

           Le porte possono anche essere indicate tramite il loro nome, così come sono indicate
           nell'nmap-services. Si possono anche utilizzare i caratteri speciali * e ? con i nomi.
           Ad esempio, per scansionare l'FTP e tutte le porte il cui nome inizia con "http", si
           può usare -p ftp,http*. Si raccomanda di prestare attenzione alla "shell expansions" e
           di racchiudere tra apici (quote) l'argomento di -p se non si è sicuri.

           I range di porte possono essere racchiusi da parentesi quadre per indicare le porte
           all'interno di quel range che appare in nmap-services. Ad esempio, ciò che segue
           eseguirà la scansione di tutte le porte in nmap-services uguali o minori di 1024: -p
           [-1024]. Si raccomanda di prestare attenzione alla "shell expansions" e di racchiudere
           tra apici (quote) l'argomento di -p se non si è sicuri.

       --exclude-ports <port ranges> (Exclude the specified ports from scanning)
           Quest'opzione specifica quali porte Nmap deve escludere dalla scansione. I port ranges
           devono essere specificati in modo simile a -p. Per le scansioni IP protocol (-sO),
           questa opzione specifica il numero di protocolli che si vuole escludere (0–255).

           Quando si richiede di escludere le porte, queste vengono escluse da tutti i tipi di
           scansione. Ciò include anche la fase di discovery.

       -F (Fast (limited port) scan)
           Indica che si intende effettuare la scansione di un minor numero di porte rispetto al
           default. Normalmente Nmap scansione le 1.000 porte più comuni per ogni protocollo
           scansionato. Con l'opzione -F il numero si riduce a 100.

           Nmap ha bisogno del file nmap-services che contiene le informazioni di frequenza, in
           modo da sapere quali sono le porte più comuni (vedi “Well Known Port List:
           nmap-services[9]” per maggiori informazioni sulle "port frequencies"). Se la "port
           frequency information" non è disponibile, forse perché si sta utilizzando un file
           nmap-services personalizzato, Nmap scansiona tutte le porte nominate più le porte
           nell'intervallo 1-1024. In questo caso, l'opzione -F indica di scansionare solo le
           porte che sono presenti nel file nmap-services.

       -r (Don't randomize ports)
           Di default, Nmap effettua la scansione delle porte in ordine casuale (tranne che per
           alcune porte comuni che vengono controllate per prime per motivi di efficienza). La
           scansione delle porte in ordine casuale è tipicamente un vantaggio, ma è possibile
           utilizzare l'opzione -r così da effettuare i controlli in ordine sequenziale
           crescente.

       --port-ratio <ratio><decimal number between 0 and 1>
           Scansiona tutte le porte presenti nel file nmap-services con un rapporto maggiore di
           quello indicato.  ratio deve essere compreso tra 0.0 e 1.1.

       --top-ports <n>
           Scansiona le n porte presenti nel file nmap-services con il maggior rapporto, dopo
           aver escluso tutte le porte indicate in --exclude-ports.  n deve essere maggiore o
           uguale a 1.

SERVICE E VERSION DETECTION

       Utilizzando Nmap e dirigendo la scansione su una macchina remota è possibile scoprire che
       le porte 25/tcp, 80/tcp e 53/udp sono aperte. Utilizzando il suo database di circa 2.200
       servizi noti, contenuto nel file nmap-services, Nmap probabilmente sarà in grado di
       indicare che ti tratta rispettivamente di un mail server (SMTP), di un web server (HTTP) e
       di un name server (DNS). Tale riconoscimento è solitamente accurato - la maggior parte dei
       demoni in ascolto sulla porta 25 sono, in effetti, mail server. Non è comunque opportuno
       fidarsi ciecamente di tali indicazioni! È infatti possibile erogare servizi su porte non
       convenzionali.

       Anche se le indicazioni di Nmap sono corrette, e gli ipotetici server sopracitati sono
       effettivamente SMTP, HTTP e DNS, queste informazioni non sono esaustive. Quando si
       eseguono dei "vulnerability assessments" (o anche semplicemente un inventario della rete)
       della vostra società o di clienti, è interessante sapere esattamente di che mail e DNS
       server si tratta e quale versione è in uso. Conoscere accuratamente la versione del
       software è di fondamentale importanza per determinare a quali exploits è vulnerabile il
       server. Version detection è di grande aiuto nel ricercare queste informazioni.

       Al momento dell'identificazione delle porte TCP e/o UDP da parte di uno dei vari metodi di
       scansione, il version detection interroga queste porte per rilevare ulteriori dati sui
       servizi erogati. Il database contenuto nel file nmap-service-probes contiene istruzioni
       per interrogare i vari servizi e per interpretarne le risposte. Nmap cerca quindi di
       determinare di che servizio si tratta (ad esempio FTP, SSH, Telnet, HTTP), il nome
       dell'applicazione (ad esempio ISC BIND, Apache httpd, Solaris telnetd), la versione,
       l'hostname, il tipo di device (ad esempio stampante, router), la famiglia del sistema
       operativo (ad esempio Windows, Linux). Quando possibile Nmap restituisce anche la
       rappresentazione CPE ("Common Platform Enumeration") di questa informazione. Alle volte
       sono disponibili altri dettagli come l'apertura di un X server alle connessioni, la
       versione del protocollo SSH o l'utenza utilizzata da KaZaA. Ovviamente la maggior parte
       dei servizi non rilasciano tutte queste informazioni. Se Nmap viene compilato con il
       supporto per OpenSSL, sarà in grado di connettersi ai server SSL per dedurre quale tipo di
       servizio viene offerto dietro al suo "encryption layer". Alcune delle porte UDP vengono
       indicate come open|filtered se un UDP port scan non è in grado di determinare con
       precisione se la porta è open o filtered. Il version detection cercherà di ottenere una
       risposta da queste porte (esattamente come per le porte aperte), e modificherà lo stato in
       open se ci riuscirà. Le porte TCP open|filtered vengono trattate nello stesso modo.
       Bisogna tener presente che l'opzione -A abilita, fra le varie cose, il version detection.
       Il version detection viene descritto nel dettaglio in Chapter 7, Service and Application
       Version Detection[10].

       Quando i servizi RPC vengono identificati, Nmap è in grado di raffinare quanto rilevato
       così da riconoscere versione e nome del servizio RPC. Inonda tutta le porte TCP/UDP
       rilevate come RPC con dei comandi NULL del programma SunRPC con lo scopo di determinare se
       sono effettivamente porte RPC e, nel caso, il programma e la versione che sono in
       esecuzione. Quindi si possono effettivamente ottenere le stesse informazioni del comando
       rpcinfo -p anche se il portmapper dell'obiettivo e dietro un firewall (o protetto da TCP
       wrappers). I decoy attualmente non funzionano con l'RPC scan.

       Quando Nmap riceve delle risposte da un servizio ma non è in grado di trovarne
       un'interpretazione nel suo database, visualizza una particolare "fingerprint" e una URL
       per permettere di inviare quanto rilevato nel caso si conosca a priori che cosa sta
       effettivamente girando su quella porta. È importante perdere qualche minuto per effettuare
       l'invio di questi dati quando possibile perché così facendo chiunque in futuro potrà
       beneficiare dei dati raccolti e riconoscere anche questo servizio. Grazie a questo sistema
       Nmap è in grado di identificare circa 6.500 differenti varianti per più di 650 protocolli
       come SMTP, FTP, HTTP, ecc.

       Version detection viene attivato e controllato dalle seguenti opzioni:

       -sV (Version detection)
           Abilita il version detection, come precedentemente illustrato. In alternativa, è
           possibile utilizzare l'opzione -A che attiva il version detection, tra le altre cose.

           -sR è un alias -sV. Fino a Marzo 2011 era usata per attivare l'RPC separatamente dal
           version detection, ma ora queste opzioni sono sempre combinate.

       --allports (Don't exclude any ports from version detection)
           Normalmente, il version detection di Nmap non invia pacchetti alla porta TCP 9100
           poiché alcune stampanti accettano e stampano direttamente qualunque dato ricevuto su
           questa porta. Se tale porta fosse sottoposta a scansione, verrebbero stampate decine
           di pagine contenenti richieste HTTP GET puri, dati binari di sessioni SSL e via
           discorrendo. È possibile cambiare il comportamento del version detection di Nmap con
           la modifica o la rimozione della direttiva Exclude nel file nmap-service-probes oppure
           specificando l'opzione --allports, così da effettuare la scansione di tutte le porte,
           indipendentemente da quanto indicato nella direttiva Exclude.

       --version-intensity <intensity> (Set version scan intensity)
           Quando si effettua un version scan (-sV), Nmap invia una serie di probe, ognuno dei
           quali ha assegnato un valore compreso tra 1 e 9. I pacchetti con valore più basso sono
           in grado di riconoscere i servizi comunemente diffusi, mentre quelli con valori più
           alti sono raramente necessari. Il livello di accuratezza specifica quali probe devono
           essere impiegati; più alto è il livello, più è probabile che il servizio venga
           correttamente identificato. D'altro canto, più una scansione è accurata e più tempo
           sarà necessario. I valori devono essere compresi tra 0 e 9; il valore di default è 7.
           Quando viene assegnato direttamente un probe ad una porta utilizzando la direttiva
           ports nel file nmap-service-probes, esso viene utilizzato indipendentemente dal valore
           indicato per l'accuratezza del version scan. Questo garantisce, per esempio, che ogni
           volta che viene trovata la porta 53 aperta vengano effettuati i controlli specifici
           per il DNS; così come in caso di porta 443 vengano invece utilizzati quelli per l'SSL
           e così via.

       --version-light (Enable light mode)
           Questa opzione è un alias di --version_intensity 2. Questa modalità rende il version
           scanning drasticamente più veloce, riducendone però la capacità di identificare
           accuratamente i servizi.

       --version-all (Try every single probe)
           Questa opzione è equivalente a --version_intensity 9, assicurando che ogni singolo
           probe venga utilizzato su ogni singola porta.

       --version-trace (Trace version scan activity)
           Indica a Nmap di visualizzare informazioni di debug estese relative all'attività del
           version scanning. È un subset di quanto si ottiene con l'opzione --packet-trace.

OS DETECTION

       Una delle più famose caratteristiche di Nmap è la possibilità di identificare da remoto il
       sistema operativo di un host attraverso il fingerprint dello stack TCP/IP. Nmap invia una
       serie di pacchetti TCP ed UDP all'host remoto ed esamina ogni bit ricevuto in risposta.
       Dopo aver effettuato decine di test come "il TCP ISN sampling", il "TCP option support and
       ordering", il "IP ID Sampling" ed il controllo del window size iniziale, Nmap compara i
       risultati con il suo database (nmap-os-db) contenente più di 2.600 fingerprint conosciuti
       e ne visualizza i dettagli se ne trova riscontro. Ogni fingerprint comprende una
       descrizione del sistema operativo ed una classificazione che indica il vendor (per esempio
       Sun), il sistema operativo (per esempio Solaris), la versione (per esempio 10) ed il tipo
       di device (per esempio "general purpose", router, switch, game console, ecc). Molti
       fingerprint hanno anche la rappresentazione CPE (Common Platform Enumeration), come ad
       esempio cpe:/o:linux:linux_kernel:2.6.

       Se Nmap non è in grado di indovinare il sistema operativo di una macchina e le condizioni
       sono propizie (ad esempio una porta trovata aperta ed una trovata chiusa), Nmap fornirà
       una URL che potrà essere utilizzata per inviare il fingerprint (nel solo caso che si
       conosca con certezza il sistema operativo dell'host in questione). Inviando questi
       fingerprint è possibile contribuire ad ampliare la gamma di sistemi operativi conosciuti
       da Nmap, così da renderlo più accurato per tutti.

       L'OS detection abilita diversi altri test che utilizzano le informazioni che sono state
       ottenute durante questo processo. Un di questi è il "TCP Sequence Predictability
       Classification". Questo test misura approssimativamente quanto è difficile stabilire una
       "forged TCP connection" verso l'host remoto. È utile per sfruttare exploit basati sul
       controllo del source-IP (rlogin, filtri firewall, ecc.) o per nascondere la sorgente di un
       attacco. Questo tipo di spoofing viene raramente eseguito, ma molte macchine sono ancora
       vulnerabili ad esso. Il valore che indica la difficoltà è basato su campionamenti
       statistici e può variare. Generalmente è preferibile utilizzare la classificazione
       verbale, come “worthy challenge” o “trivial joke”, che viene riportata solo nel normale
       output in modalità "verbose" (-v). Quando questa modalità è abilitata insieme all'opzione
       -O, viene anche riportata la sequenza di generazione dell'IP ID. La maggior parte delle
       macchine è nella classe “incremental”, il che significa che incrementano il campo ID
       dell'header IP per ogni pacchetto inviato. Ciò le rende vulnerabili a diversi attacchi
       avanzati di spoofing ed "information gathering".

       Altre informazioni extra abilitate dall'OS detection riguardano il tempo di attività
       (uptime) dell'obiettivo. Sfruttando l'opzione TCP timestamp (RFC 1323[11]) cerca di
       indovinare quando una macchina ha effettuato l'ultimo reboot. Quest'informazione può non
       essere affidabile, in quanto il contatore del timestamp potrebbe non venire inizializzato
       a zero+ oppure andare in overflow ed essere troncato, quindi è riportato solo nella
       modalità "verbose".

       L'OS detection viene trattato nel dettaglio in Chapter 8, Remote OS Detection[12].

       OS detection viene attivato e controllato dalle le seguenti opzioni:

       -O (Enable OS detection)
           Abilita l'OS detection, come descritto sopra. In alternativa, è possibile utilizzare
           l'opzione -A per attivare sia l'OS detection, tra le altre cose.

       --osscan-limit (Limit OS detection to promising targets)
           L'OS detection è molto più efficace se vengono rilevate almeno una porta TCP aperta ed
           una chiusa. Utilizzando questa opzione Nmap non cercherà di effettuare l'OS detection
           sugli host che non rispondo a questo criterio. È così possibile un sensibile risparmio
           di tempo, specialmente se si utilizza anche l'opzione -Pn su molti host. È importante
           unicamente quando l'OS detection è richiesto attraverso le opzioni -O o -A.

       --osscan-guess; --fuzzy (Guess OS detection results)
           Quando Nmap non è in grado di rilevare una corrispondenza esatta dell'OS, propone come
           possibilità gli OS più vicini alla rilevazione. La corrispondenza però deve essere
           molto simile perché Nmap lo faccia di default. Entrambe queste opzioni (equivalenti)
           fanno si che Nmap proceda con il riconoscimento dell'OS in modo più aggressivo. Nmap
           farà comunque presente quando corrispondenze non perfette vengono mostrate e per
           ognuna ne indicherà il livello di approssimazione (in percentuale).

       --max-os-tries(Set the maximum number of OS detection tries against a target)
           Quando Nmap esegue un OS detection su di un obiettivo e non riesce a trovare una
           corrispondenza perfetta, solitamente ripete il tentativo. Di default, Nmap prova
           cinque volte, se le condizioni sono favorevoli per l'invio del fingerprint, e due
           volte se invece non lo sono. Specificando un valore più piccolo (ad esempio 1)
           nell'opzione --max-os-tries, si aumentano le performance di Nmap a discapito di una
           potenziale identificazione del sistema operativo. Per contro, un valore più alto
           permette più tentativi, se le condizioni sono favorevoli. Questo raramente avviene, se
           non per creare migliori fingerprint da integrare nel database di Nmap.

NMAP SCRIPTING ENGINE (NSE)

       L'Nmap Scripting Engine (NSE) è una delle feature più potenti e flessibili di Nmap.
       Permette agli utenti di scrivere (e condividere) semplici script (utilizzando il
       linguaggio di programmazione Lua[13]) per automatizzare un gran varietà di networking
       task. Questi script vengono eseguito in parallelo con la velocità e l'efficienza che ci si
       aspetta da Nmap. Gli utenti possono fare affidamento sui crescenti e diversi set di script
       distribuiti da Nmap, oppure scriverli loro stessi in base alle proprie necessità.

       I task che abbiamo preso in considerazione quando abbiamo creato il sistema includono il
       network discovery, version detection più sofisticate, il vulnerability detection. NSE può
       anche essere usato per la vulnerability exploitation.

       Per riflettere i differenti usi e semplificare la scelta di quale utilizzare, ogni script
       contiene un campo associato con una o più categorie. Attualmente le categorie definite
       sono auth, broadcast, default, discovery, dos, exploit, external, fuzzer, intrusive,
       malware, safe, version e vuln. Queste sono tutte descritte nella sezione “Script
       Categories[14]”.

       Gli script non vengono eseguiti in una sandbox e quindi possono, accidentalmente o
       maliziosamente, danneggiare il sistema su cui vengono eseguiti o invadere la propria
       privacy. Non eseguire mai script di terze parti se non si ha la fiducia degli autori o non
       si ha preventivamente controllato personalmente gli script.

       L'Nmap Scripting Engine è descritto nel dettaglio in Chapter 9, Nmap Scripting Engine[15]
       e viene controllato dalle seguenti opzioni:

       -sC
           Esegue uno script scan utilizzando il set di script di default. È l'equivalente di
           --script=default. Alcuni degli script in questa categoria vengono considerati
           intrusivi e potrebbero non essere eseguiti su di un obiettivo di rete senza permessi.

       --script <filename>|<category>|<directory>|<expression>[,...]
           Esegue uno script scan utilizzando una lista, separata da virgole, di file, categorie
           di script e directory. Ogni elemento nella lista può anche essere un'espressione
           booleana che descrive un più complesso set di script. Gli elementi vengono
           interpretati prima come un'espressione, poi come una categoria e infine come il nome
           di file o di una directory.

           Sono presenti due feature speciali dedicate agli utenti esperti. La prima consiste
           nell'aggiungere come prefisso al nome degli script e alle espressioni il carattere +
           per forzarne l'esecuzione anche quando non verrebbe fatta (ad esempio quando il
           relativo servizio non è stato trovato sulla porta dell'host). L'altra feature è
           l'argomento all che può essere utilizzato per specificare tutti gli script nel
           database di Nmap. Usare con cautela questa funzionalità dato che NSE contiene script
           pericolosi come exploit, "brute force authentication crackers" e attacchi "denial of
           service".

           I percorsi dei file e delle directory possono essere sia relativi che assoluti. I
           percorsi assoluti sono diretti, mentre quelli relativi vengono ricercati nelle
           cartelle scripts presenti in ogni seguente locazione:

           --datadir

           $NMAPDIR

           ~/.nmap (non usato in Windows)

           <HOME>\AppData\Roaming\nmap (usato solo in Windows)

           la directory contenente l'eseguibile di Nmap

           la directory contenente l'eseguibile di Nmap, seguita da ../share/nmap

           NMAPDATADIR

           La directory corrente

           Quando viene specificata una directory, Nmap carica ogni file in quella directory che
           ha come estensione .nse. Tutti gli altri file verranno ignorati e la directory non
           verrà scansionata in modo ricorsivo. Quando viene specificato un file, bisogna
           omettere l'estensione .nse, verrà aggiunta automaticamente se necessario.

           Gli script Nmap sono archiviati di default in una subdirectory scripts della directory
           principale di Nmap (vedi Chapter 14, Understanding and Customizing Nmap Data
           Files[16]). Per migliorare l'efficienza, gli script vengono indicizzati nel database
           scripts/script.db, che elenca le categorie cui ogni script appartiene.

           Quando si usa il nome dagli script come riferimento dal file script.db, si può
           utilizzare come nella shell il carattere speciale “*”.

           nmap --script "http-*"
               Carica tutti gli script il cui nome inizia con http-, come http-auth e
               http-open-proxy. L'argomento di --script è stato messo tra apici per proteggere il
               carattere speciale dall'interpretazione della shell.

           Selezioni più complesse di script possono essere eseguite utilizzando gli operatori
           and, or e not costruendo così espressioni booleane. Gli operatori hanno la stessa
           precedenza che hanno in Lua: not è il più alto, seguito dal and e quindi or. Si può
           modificare la precedenza utilizzando le parentesi. Dato che le espressioni contengono
           caratteri di spazio, è necessario racchiuderle tra apici (quote).

           nmap --script "not intrusive"
               Carica tutti gli script tranne quelli nella categoria intrusive.

           nmap --script "default or safe"
               Questa funzionalità è l'equivalente di --script "default,safe". Carica tutti gli
               script che sono nelle categorie default, safe o in entrambe.

           nmap --script "default and safe"
               Carica gli script che sono in entrambe le categorie default e safe.

           nmap --script "(default or safe or intrusive) and not http-*"
               Carica gli script che sono nelle categorie default, safe o intrusive tranne quelli
               il cui nome inizia con http-.

       --script-args <n1>=<v1>,<n2>={<n3>=<v3>},<n4>={<v4>,<v5>}
           Permette di fornire argomenti agli script NSE. Gli argomenti sono una lista, separati
           da virgola, di coppie name=value. I nomi e i valori possono essere stringhe senza
           spazi o i caratteri "{", "}", "=" e ",". Per includere uno di questi caratteri in una
           stringa, si deve racchiudere la stringa tra apici singoli o doppi. Il carattere "\"
           (backslash) in una stringa tra apici, annulla la funzionalità dell'apice. Il backslash
           viene interpretato in questo modo solo in questo caso particolare, negli altri casi
           viene considerato "letteralmente". I valori possono anche essere elenchi racchiusi tra
           parentesi graffe ("{}"), così come in Lua. Un elenco può contenere valori, nella forma
           di semplici stringhe, oppure altre coppie di nomi-valori; sono consentiti anche gli
           elenchi annidati. Alcuni script definiscono i loro argomenti con il nome dello script,
           ad esempio xmpp-info.server_name. Si può utilizzare questa identificazione per agire
           solo sullo script specificato, oppure utilizzare la versione non identificativa
           (server_name in questo caso) per agire su tutti gli script che utilizzano questo
           argomento. Uno script controllerà prima gli argomenti a lui identificati (il nome
           degli argomenti è specificato nella documentazione dello script) prima di accettare un
           argomento non qualificato. Un esempio complesso è --script-args
           'user=foo,pass=",{}=bar",whois={whodb=nofollow+ripe},xmpp-info.server_name=localhost'.
           L'NSE Documentation Portal all'indirizzo https://nmap.org/nsedoc/ elenca gli argomenti
           che ogni script accetta.

       --script-args-file <filename>
           Permette di passare gli argomenti agli script NSE tramite un file. Ogni argomento
           sulla riga di comando sostituisce quelli nel file. Il percorso del file può essere
           assoluto o relativo e, in quest'ultimo caso, farà riferimento al solito percorso di
           ricerca di Nmap (NMAPDIR, ecc.). Gli argomenti possono essere separati da virgola o da
           un carattere di a-capo, ma devono seguire le stesse regole di --script-args, senza
           però particolari apici dato che non vengono elaborati dalla shell.

       --script-help <filename>|<category>|<directory>|<expression>|all[,...]
           Mostra l'help degli scripts. Per ogni script specificato, Nmap restituisce il nome, le
           categorie cui appartiene e la sua descrizione. La sintassi è la stessa dell'opzione
           --script; quindi per esempio se si volesse l'help dello script ftp-anon, si dovrà
           eseguire il comando nmap --script-help ftp-anon. Oltre all'help per gli script
           individuali, si potrà anche ottenere l'anteprima di cosa lo script eseguirà secondo
           una specifica, ad esempio nmap --script-help default.

       --script-trace
           Quest'opzione è come l'opzione --packet-trace, solo un livello ISO più in alto. Se
           viene specificata quest'opzione, tutte le comunicazioni in entrata ed in uscita
           eseguite da uno script vengono mostrate. Queste informazioni includono il protocollo
           di comunicazione, la sorgente, l'obiettivo e i dati trasmessi. Se più del 5% di tutti
           i dati trasmessi non sono stampabili a video, allora l'output sarà in esadecimale.
           Indicando l'opzione --packet-trace anche lo script tracing verrà abilitato.

       --script-updatedb
           Quest'opzione aggiorna il database degli script che si trova nel file
           scripts/script.db, il quale viene utilizzato da Nmap per determinare gli script e le
           categorie di default. È necessario aggiornare il database solo se vengono aggiunti o
           rimossi script NSE dalla directory di default o se sono state cambiate le categorie di
           qualche script. Quest'opzione viene generalmente utilizzata da sola: nmap
           --script-updatedb.

TIMING AND PERFORMANCE

       Le performance sono sempre state una delle principali priorità durante lo sviluppo di
       Nmap. Una scansione di default (nmap hostname) di un host in una rete locale richiede
       circa un quinto di secondo, poco più di un battito di ciglia. Tuttavia esso aumenta quando
       si sta effettuando una scansione di centinaia o migliaia di host. Inoltre alcune opzioni
       di scan (come lo scan UDP e il version detection) o alcune configurazioni di firewall (in
       particolare quelle che limitano la frequenza delle risposte, conosciute come "response
       rating") tendono ad aumentare decisamente il tempo di scansione. Anche se Nmap usa
       tecniche di scansione in parallelo e molti altri algoritmi avanzati per diminuire il tempo
       totale impiegato, l'utente ha comunque il controllo finale sulle modalità in cui Nmap
       viene eseguito. Un utente esperto userà quindi comandi specifici per ottenere solo le
       informazioni di cui ha bisogno, restando però all'interno della finestra temporale minima.

       Alcune tecniche per migliorare i tempi di scansione sono l'omissione di test non rilevanti
       e l'aggiornamento all'ultima versione di Nmap (questo perché spesso gli aggiornamenti
       includono miglioramenti delle performance). Anche ottimizzare i parametri di timing è
       un'ottima strategia per ottenere sostanziali differenze; queste opzioni sono elencate di
       seguito.

       Alcune opzioni accettano il parametro time. Questo indica una quantità di tempo in secondi
       (di default), ma è possibile aggiungere 'ms', 's', 'm' o 'h' per indicare millisecondi,
       secondi, minuti oppure ore. Ad esempio, per il parametro --host-timeout gli argomenti
       900000ms, 900, 900s e 15m hanno tutti lo stesso effetto.

       --min-hostgroup <numhosts>; --max-hostgroup <numhosts> (Adjust parallel scan group sizes)
           Nmap ha l'abilità di effettuare port scan o version scan su più host in parallelo. Lo
           spazio degli indirizzi IP di destinazione viene diviso in gruppi e viene scansionato
           un gruppo per volta. In genere gruppi di dimensioni maggiori portano ad una migliore
           efficienza. Il lato negativo di tutto ciò è che i risultati non possono essere
           mostrati all'utente fino a quando l'intero gruppo non è stato esplorato completamente.
           Quindi, se si lancia Nmap impostando la dimensione del gruppo a 50, l'utente non vedrà
           alcun risultato fino a quando i primi 50 host non sono stati completati (a meno che
           non si selezioni la modalità verbose).

           Di default, Nmap usa un compromesso per ovviare a questa difficoltà. Inizialmente
           utilizza una dimensione di cinque host in modo da mostrare i primi risultati
           velocemente, dopodiché incrementa la dimensione fino ad un massimo di 1024. Il numero
           esatto dipende dalle opzioni che vengono passate. Per ragioni di efficienza Nmap usa
           gruppi di dimensione maggiore per UDP o per scansioni di porte TCP di piccole
           dimensioni.

           Nel caso in cui una dimensione massima del gruppo sia specificata con --max-hostgroup,
           Nmap non oltrepasserà mai questo limite. Specificando invece una dimensione minima con
           --min-hostgroup obbligherà Nmap a usare dimensioni almeno equivalenti. Nmap potrebbe
           tuttavia dover usare gruppi più piccoli di quelli indicati se non ci dovessero essere
           abbastanza host di destinazione rimanenti per un'interfaccia per raggiungere la minima
           quota specificata. Entrambe le opzioni possono essere impostate per mantenere la
           dimensione del gruppo all'interno di un certo limite, anche se questo succede
           raramente.

           Queste opzioni durante la fase di host discovery di una scansione non hanno effetto;
           ciò include anche il plain ping scan (-sn). L'host discovery lavora sempre su grandi
           gruppi di host per aumentare la velocità e l'accuratezza.

           L'utilizzo principale di queste opzioni è quello di specificare una dimensione minima
           maggiore rispetto al default in modo da rendere più veloce la scansione globale. Una
           scelta piuttosto comune è 256 per una scansione di una rete di classe C. Per una
           scansione con molte porte, eccedere questo numero è improbabile che aiuti molto. Per
           una scansione con poche porte invece, una dimensione di 2048 o più può essere d'aiuto.

       --min-parallelism <numprobes>; --max-parallelism <numprobes> (Adjust probe
       parallelization)
           Queste opzioni controllano il numero totale di probe che possono uscire dalla macchina
           sorgente per un host group. Esse sono usate per port scanning e host discovery. Di
           default, Nmap calcola un parallelismo ideale in continuo cambiamento, a seconda delle
           performance della rete. Se c'è un elevato numero di pacchetti che viene scartato, Nmap
           rallenta e lavora su un numero minore di probe in uscita. Il numero ideale di probe in
           uscita incrementa poi gradualmente fino a quando la rete lo permette. Questa opzione
           limiti minimi o massimi alla variabile. Di default, il parallelismo può arrivare ad un
           minimo di 1 se la rete si dimostra essere poco affidabile; può invece aumentare a
           diverse centinaia per una rete in condizioni ottimali.

           L'uso più comune consiste nell'impostare --min-parallelism ad un valore maggiore di 1
           per accelerare le scansioni di reti o host che rispondono in maniera non adeguata. È
           abbastanza rischioso giocare con quest'opzione, in quanto impostandola ad un valore
           troppo alto può influire negativamente sull'accuratezza. Impostandola manualmente
           inoltre riduce l'abilità di Nmap di controllare dinamicamente il parallelismo
           basandosi sulle condizioni della rete. Un valore di 10 è abbastanza ragionevole, anche
           se in genere le modifiche a questo parametro vengono usate come ultima risorsa.

           L'opzione --max-parallelism viene impostata a volte sul valore 1 per impedire a Nmap
           di inviare più di un probe alla volta verso un determinato host. L'opzione
           --scan-delay (discussa in seguito), è un altro modo per ottenere questo risultato.

       --min-rtt-timeout <time>, --max-rtt-timeout <time>, --initial-rtt-timeout <time> (Adjust
       probe timeouts)
           Nmap mantiene un valore di timeout aggiornato per determinare quanto ci vorrà per un
           probe response prima di ritrasmettere il probe. Questo viene calcolato basandosi sui
           tempi di response degli ultimi probe inviati. La formula si trova al link “Idle Scan
           Implementation Algorithms”[17]. Se la latenza della rete dovesse oscillare troppo
           questo timeout può crescere fino ad un valore di diversi secondi. Inoltre esso è
           impostato inizialmente ad un valore abbastanza alto e potrebbe restare su quel valore
           per tutto il tempo in cui Nmap effettua la scansione su host che non rispondono.

           Specificando limiti di --max-rtt-timeout e di --initial-rtt-timeout inferiori ai
           valori di default è possibile ridurre di molto i tempi di scansione. Questo è vero in
           particolare per scansioni di tipo "pingless" (opzione -Pn) e nei confronti di reti
           particolarmente protette. Tuttavia, è bene non esagerare; infatti la scansione può
           addirittura richiedere più tempo del previsto nel caso in cui si specifichi un valore
           talmente basso da resettare il timeout dei probe (e forzarne un nuovo invio) mentre la
           risposta sta ancora arrivando.

           Se tutti gli host sono su una rete locale, 100 millisecondi (--max-rtt-timeout 100ms)è
           un valore ragionevolmente aggressivo. Se nella scansione è coinvolto qualche routing,
           sarebbe meglio effettuare un ping preliminare dell'host (con l'utility ICMP ping o con
           un generatore di pacchetti come Nping che può penetrare un firewall più facilmente), e
           osservare poi il valore massimo di andata/ritorno ("round trip") per un numero di
           pacchetti non inferiore a 10. È quindi consigliato raddoppiare questo valore per
           l'opzione --initial-rtt-timeout e triplicarlo o quadruplicarlo per l'opzione
           --max-rtt-timeout. In genere si preferisce non impostare il maximum RTT al di sotto di
           100 millisecondi, indipendentemente dai tempi di ping. E nemmeno al di sopra di 1000
           millisecondi.

           L'opzione --min-rtt-timeout è usata molto raramente; essa può essere utile nel caso in
           cui una rete è talmente poco affidabile che anche il default di Nmap risulta essere
           troppo aggressivo. Poiché Nmap riduce il timeout fino al valore minimo quando la rete
           sembra affidabile, questa esigenza di solito non è necessaria e dovrebbe essere
           indicata come bug alla mailing list nmap-dev.

       --max-retries <numtries> (Specify the maximum number of port scan probe retransmissions)
           Quando Nmap non riceve risposta ad un port scan probe, potrebbe significare che la
           porte è filtrata. O forse che la risposta o il probe stesso si sono persi nella rete.
           È anche possibile che l'host obiettivo abbia attivato dei limiti sul traffico che
           bloccano la risposta. In questi questi, Nmap prova nuovamente a ritrasmettere il probe
           iniziale e, se ritiene che la rete sia poco affidabile, prova molte volte prima di
           passare alla porta successiva. Nonostante il vantaggio dell'accuratezza, tutto ciò
           prolunga i tempi di scansione. Quando le performance sono al primo posto, si può
           velocizzare le scansioni limitando il numero di ritrasmissioni consentite. Si può
           addirittura indicare --max-retries 0 per disabilitare ogni ritrasmissione, anche se è
           consigliato solo in quelle situazioni in cui la non risposta di alcune porte e alcuni
           host è accettabile (ad esempio sondaggi interni o test).

           Di default (senza nessun template, opzione -T) vengono effettuate dieci
           ritrasmissioni. Se la rete risulta affidabile e gli host obiettivo non hanno
           limitazioni, Nmap solitamente effettua una ritrasmissione. Quindi la maggior parte
           degli obiettivi non viene coinvolta abbassando --max-retries ad un valore basso, ad
           esempio tre. Alcuni valori possono velocizzare sensibilmente le scansioni di host
           piuttosto lenti. Di solito vengono perse alcune informazioni quando Nmap scansiona le
           porte velocemente, però è sempre meglio che lasciar scadere --host-timeout e perdere
           tutte le informazioni dell'obiettivo.

       --host-timeout <time> (Give up on slow target hosts)
           Alcuni host a volte richiedono un tempo estremamente lungo per portare a termine una
           scansione. Questo può essere dovuto a hardware o software poco performante o
           inaffidabile, a limiti di traffico impostati o a firewall troppo restrittivi. La
           minoranza degli host sottoposti a scansione può richiedere la maggior parte del tempo
           di scansione. A volte è preferibile risparmiare sul tempo ed evitare questi host fin
           dal principio. Questo comportamento viene forzato dall'opzione --host-timeout seguito
           dal tempo dopo il quale non si vuole più aspettare. Ad esempio si specifica un valore
           di 30m per avere la garanzia che Nmap non sprechi più di mezz'ora su di un singolo
           host. Si noti che Nmap può nel frattempo effettuare la scansione su altri host durante
           quella mezz'ora, per cui non si tratta di tempo completamente sprecato. Un host che
           dovesse andare in timeout viene semplicemente saltato. Non vengono mostrati l'elenco
           delle porte, il detection del sistema operativo né risultati di version detection per
           quell'host.

       --scan-delay <time>; --max-scan-delay <time> (Adjust delay between probes)
           Quest'opzione obbliga Nmap ad aspettare almeno il tempo indicato tra i probe inviati
           ad un determinato host. Questo risulta particolarmente utile nel caso di limitazioni
           sulla frequenza dell'invio ("rate limiting"). Tra gli altri, in particolare le
           macchine Solaris in genere rispondono a scansioni UDP con un solo messaggio ICMP al
           secondo. Qualsiasi altro probe inviato da Nmap durante questo intervallo di tempo
           sarebbe quindi sprecato. Un valore di --scan-delay di 1s manterrà Nmap al di sotto di
           questa particolare frequenza di invio di probe. Nmap comunque cercherà di capire
           eventuali limiti sulla frequenza e modificherà i ritardi sui probe di conseguenza,
           tuttavia non è cattiva abitudine specificarlo sulla linea di comando quando dovesse
           essere noto a priori il valore ottimale.

           Quando Nmap aumenta lo scan delay in base al rate limiting, la scansione rallenta
           drammaticamente. L'opzione --max-scan-delay indica il valore massimo di delay che Nmap
           può adottare. Un valore basso di quest'opzione può velocizzare Nmap, ma ci sono dei
           rischi: settarlo troppo basso può portare a ritrasmissioni inutili e una possibile
           perdita di dati da porte che hanno rate limiting molto ridotti.

           Un altro uso dell'opzione--scan-delay è quello in cui si desidera evitare sistemi
           anti-intrusione (IDS/IPS, "intrusion-detection" e "intrusion-prevention system").
           Questa tecnica viene utilizzata nella sezione “A practical example: bypassing default
           Snort 2.2.0 rules[18]” per vincere il port scanner detector di default in Snort IDS.
           Molti altri IDS possono essere sconfitti con questo sistema.

       --min-rate <number>; --max-rate <number> (Directly control the scanning rate)
           Il timing dinamico di Nmap fa un buon lavoro trovando una velocità adeguata a ciò che
           si sta scansionando. Alle volte, però, può succedere di conoscere uno scanning rate
           appropriato per quella determinata rete, oppure bisogna finire una scansione in un
           tempo preciso. O forse si vuole impedire ad Nmap di scansionare troppo velocemente. Le
           opzioni --min-rate e --max-rate sono state create proprio per queste situazioni.

           Quando viene definita l'opzione --min-rate Nmap farà del suo meglio per inviare i
           pacchetti non al di sotto del limite di frequenza impostato. L'argomento è un numero
           reale positivo che rappresenta la frequenza di invio dei pacchetti in
           pacchetti/secondo. Per esempio, indicando --min-rate 300 significa che Nmap proverà a
           mantenere una frequenza di invio di almeno 300 pacchetti al secondo. Quest'opzione non
           impedisce ad Nmap di aumentare la frequenza se le condizioni lo permettono.

           Viceversa, --max-rate forza la frequenza di invio dandogli un limite massimo.
           Utilizzare --max-rate 100, ad esempio, per limitare l'invio a 100 pacchetti al secondo
           su una rete veloce. Usare --max-rate 0.1 per una scansione lenta, un pacchetto ogni
           dieci secondi. Entrambe le opzioni --min-rate e --max-rate mantengono la frequenza
           all'interno del range specificato.

           Queste due opzioni sono globali, hanno effetto cioè sull'intera scansione, non sugli
           host individuali. Vanno ad agire sui port scan e gli host discovery. Altre feature,
           come l'OS detection, hanno le loro opzioni di timing.

           Ci sono due casi in cui la frequenza potrebbe scendere sotto il minimo richiesto. Il
           primo è impostare la frequenza minima più alta di quanto Nmap riesca ad inviare, il
           che dipende dall'hardware in uso. In questo casto Nmap invierà i pacchetti il più
           velocemente possibile, ma bisogna comunque essere consapevoli che ciò potrebbe causare
           un calo dell'affidabilità. Il secondo caso è quando Nmap non ha nulla da inviare, ad
           esempio alla fine di uno scan quando gli ultimi probe sono stati inviati ed Nmap sta
           aspettando una risposta o che vadano in time out. È normale che lo scanning rate cali
           alla fine di una scansione o tra hostgroups. La frequenza di invio potrebbe inoltre
           superare temporaneamente il massimo prefissato, per far fronte a delay improvvisi, ma
           nella media rimarrà comunque entro i limiti.

           Specificare un rate minimo, è una cosa da fare con attenzione. Effettuare una
           scansione più velocemente di quanto una rete possa supportare potrebbe portare a
           risultati inaffidabili. In alcuni casi, una frequenza troppo alta può portare ad un
           scansione più lenta rispetto ad una scansione con un rate più basso. Questo perché
           l'algoritmo adaptive retransmission[19] di Nmap potrebbe rilevare una congestione
           della rete causata da un eccessivo scanning rate e aumentare il numero di
           ritrasmissioni per mantenere una certa affidabilità. Quindi anche se i pacchetti
           verranno inviati velocemente, ne verranno comunque inviati di più. Limitare il numero
           massimo ritrasmissioni con l'opzione --max-retries se si deve rispettare un tempo
           massimo per la scansione totale.

       --defeat-rst-ratelimit
           Molti host usano da tempo delle funzionalità di "rate limiting" (limitazioni alla
           frequenza) per ridurre il numero di messaggi di errore ICMP che mandano (ad esempio
           gli errori "port-unreachable"). Alcuni sistemi hanno iniziato ad applicare le stesse
           tecniche all'invio di pacchetti RST (reset). Queste tecniche possono rallentare di
           molto Nmap poiché esso continuerà a calibrare la gestione dei timing per gestire
           queste limitazioni di frequenza. Si può quindi indicare a Nmap di ignorare questi rate
           limits (per i port scan come il SYN scan, che non considerano le porte silenziose come
           aperte) mediante l'opzione --defeat-rst-ratelimit.

           L'utilizzo di quest'opzione può ridurre la precisione di uno scan, poiché alcune porte
           potrebbero restituire uno stato di non-risposta perché Nmap non è rimasto in attesa
           abbastanza a lungo a causa di meccanismi di rate-limiting dei pacchetti RST. Con una
           scansione di tipo SYN le porte "mute" (dalle quali non si è ricevuto un RST) in questo
           caso vengono indicate con filtered piuttosto che closed. Quest'opzione è utile solo
           quando si è interessati alle porte aperte, e la distinzione tra porte closed e
           filtered non è di alcun interesse rispetto al tempo che richiede.

       --nsock-engine epoll|kqueue|poll|select
           Forza l'utilizzo di un determinato "nsock IO multiplexing engine". Solo per il
           "select(2)-based fallback engine" viene garantita la compatibilità con il sistema in
           uso. Gli engine vengono dichiarati dopo il nome del "IO management facility" cui fanno
           riferimento. Gli engine attualmente implementati sono epoll, kqueue, poll e select, ma
           non saranno tutti presenti su tutte le piattaforme. Utilizzare nmap -V per sapere
           quali engine sono supportati.

       -T <paranoid|sneaky|polite|normal|aggressive|insane> (Set a timing template)
           Mentre le opzioni mostrate nella precedente sezione sono molto utili ed efficaci
           alcuni potrebbero trovarle troppo complicate da usare. Inoltre, la scelta dei valori
           più appropriati può a volte richiedere più tempo della scansione stessa che si sta
           cercando di ottimizzare. Nmap offre quindi un approccio più semplice mediante sei
           "timing templates", ovvero opzioni pre-impostate per regolare l'aggressività della
           scansione. Esse si specificano mediante l'opzione -T seguita dal numero del template
           corrispondente o dal suo nome. Essi sono: paranoico (0), furtivo (1), educato (2),
           normale (3), aggressivo (4) e folle (5). I primi due vengono usati per evitare i
           sopracitati sistemi anti-intrusione (IDS). La modalità "gentile" rallenta la scansione
           in modo da usare meno banda e risorse sulla macchina bersaglio. La modalità "normale"
           è di default (e pertanto l'opzione -T3 non modifica nulla). La modalità "aggressiva"
           incrementa la velocità assumendo che si è su una rete veloce ed affidabile. Infine la
           modalità "folle" dà per scontato che si è su una rete estremamente veloce ed
           affidabile o che si vuole sacrificare l'accuratezza in nome della velocità.

           Questi template consentono all'utente di specificare quanto aggressivi si desidera
           essere, lasciando al tempo stesso a Nmap il compito di scegliere i valori più
           appropriati. I template inoltre effettuano piccoli aggiustamenti sui timing per i
           quali non esistono opzioni che ne consentono il controllo. Ad esempio, l'opzione -T4
           impedisce al ritardo dinamico per una scansione di andare al di sotto della soglia dei
           10 millisecondi per le porte TCP, e l'opzione -T5 limita questo valore a 5
           millisecondi. I template possono essere usati insieme a controlli più precisi a patto
           che il template venga specificato per primo. Altrimenti i valori impostati dal
           template potrebbero sovrascrivere quelli specificati dall'utente. Si raccomanda di
           usare l'opzione -T4 nel caso in cui si desideri effettuare scansioni di reti
           abbastanza recenti e affidabili; inoltre è consigliabile mantenere quell'opzione
           (intesa come inserita all'inizio dei comandi) anche qualora si dovessero aggiungere
           controlli più precisi in modo da beneficiare da tutti i piccoli miglioramenti che
           dovessero intervenire.

           Se la propria connessione è a banda larga o di tipo ethernet, si raccomanda di usare
           sempre l'opzione -T4. Alcuni prediligono anche l'opzione -T5, nonostante per i più sia
           troppo aggressiva. Altri a volte usano l'opzione -T2 perché credono che sia meno
           propensa a mandare in crash un host o perché si considerano persone educate. Spesso
           essi non si rendono conto di quanto è lenta l'opzione -T polite; una scansione di
           questo tipo può impiegare anche dieci volte il tempo richiesto per una scansione di
           default. Crash di host e problemi di banda sono rari con le opzioni di timing di
           default (opzione -T3) e pertanto è l'opzione consigliata a chi deve effettuare
           scansioni senza dare troppo nell'occhio. Omettere una scansione di tipo version
           detection è molto più efficiente del giocare con i valori di timing per ridurre i
           problemi sopracitati.

           Mentre le opzioni -T0 e -T1 potrebbero essere utili per evitare gli allarmi di un IDS,
           esse richiederanno un tempo estremamente lungo per portare a termine una scansione di
           migliaia di host o di porte. In una situazione di questo tipo si suggerisce di
           lavorare sui valori esatti di timing richiesti piuttosto che avvalersi delle opzioni
           preimpostate nelle opzioni -T0 e -T1.

           Gli effetti principali dell'opzione T0 sono quello di serializzare la scansione in
           modo da affrontare una sola porta alla volta, e al tempo stesso quello di attendere
           cinque minuti tra l'invio di un probe e il successivo. Le opzioni T1 e T2 sono simili
           ma attendono rispettivamente 15 secondi e 0.4 secondi tra un probe e l'altro.
           L'opzione T3 è il comportamento di default di Nmap (che include il parallelismo).
           L'opzione T4 ha lo stesso risultato dell'impostare --max-rtt-timeout 1250ms
           --initial-rtt-timeout 500ms --max-retries 6 e di impostare il ritardo massimo per una
           scansione TCP a 10 millisecondi. Infine l'opzione T5 è equivalente a --max-rtt-timeout
           300ms --min-rtt-timeout 50ms --initial-rtt-timeout 250ms --max-retries 2
           --host-timeout 15m e ad impostare il massimo ritardo TCP (maximum delay) a 5
           millisecondi.

BYPASSING E SPOOFING DI FIREWALL E INTRUSION DETECTION SYSTEM (FIREWALL/IDS EVASION AND SPOOFING)


       Tanti pionieri dell'epoca di Internet immaginarono una rete globale aperta con uno spazio
       di indirizzi IP universale, che potesse consentire connessioni virtuali tra qualsiasi
       coppia di nodi. Questo permette ad ogni host di diventare allo stesso tempo fruitore e
       fornitore di informazioni da e per l'altro. Chiunque poteva accedere dal lavoro a tutti i
       propri sistemi di casa, regolando il termostato o aprendo la porta per un visitatore che
       dovesse arrivare in anticipo. Questa visione di connettività universale è stata soffocata
       da carenze nello spazio di indirizzamento e da preoccupazioni legate alla sicurezza. Nei
       primi anni novanta le compagnie iniziarono a sviluppare firewall con lo scopo di ridurre
       la connettività. Enormi reti vennero tagliate fuori dall'Internet non filtrato da
       application proxy, NAT (Network Address Translation) e packet filter (filtri di
       pacchetto). Il flusso incontrollato delle informazioni lasciò il posto a regole stringenti
       sui canali di comunicazione approvati e sul contenuto che può transitare su di essi.

       Ostruzioni di rete come i firewall possono rendere la stesura della topografia di una rete
       un lavoro fin troppo difficile. E non migliorerà mai, perché limitare le differenze che
       permettono di distinguere tra un apparecchio e un altro è spesso lo scopo primario nella
       loro costruzione. Nondimeno, Nmap offre molte caratteristiche che possono aiutare a capire
       tali reti complesse e a verificare che i filtri impostati stiano funzionando come
       previsto. Nmap include anche meccanismi per effettuare il bypassing di difese poco robuste
       o mal implementate. Uno dei migliori metodi per capire quant'è sicura la propria rete è
       proprio il cercare di forzarla. Mettetevi nei panni di un attaccante, e usate le tecniche
       spiegate in questa sezione contro le vostre reti. Lanciate una scansione "FTP bounce", un
       "Idle scan", un "fragmentation attack", o provate a entrare attraverso uno dei vostri
       proxy.

       In aggiunta alle restrizioni delle attività di rete, le aziende stanno sempre più tenendo
       sotto controllo il traffico con sistemi anti-intrusione (IDS). La maggior parte di questi
       IDS è configurato per accorgersi di una scansione di Nmap di default, poiché molto spesso
       l'attacco segue direttamente la scansione. Molti di questi strumenti inoltre si sono
       evoluti in sistemi di prevenzione delle intrusioni (IPS, "intrusion prevention systems")
       che bloccano attivamente tutto il traffico che potrebbe essere nocivo. Sfortunatamente per
       gli amministratori di rete e per i produttori di IDS, però, rilevare cattive intenzioni
       analizzando semplicemente i dati contenuti nei pacchetti è un problema difficile. Un
       attaccante con una buona dose di pazienza, talento e l'aiuto di alcune opzioni di Nmap può
       generalmente scavalcare un IDS senza esser visto. Allo stesso tempo un amministratore ha a
       che fare con molti falsi positivi dovuti ad intenzioni legittime che vengono erroneamente
       bloccati o per i quali scattano allarmi.

       Ogni tanto qualcuno suggerisce che Nmap non dovrebbe fornire opzioni per bypassare regole
       di firewalling o per sgusciare oltre agli IDS. Essi asseriscono che queste caratteristiche
       sono usate più facilmente da attaccanti piuttosto che da amministratori attenti alle
       problematiche di sicurezza. Il problema con questo tipo di ragionamento è che tali metodi
       verrebbero comunque usati da attaccanti che potrebbero semplicemente usare altri strumenti
       o modificare Nmap per fare ciò che desiderano. E intanto un amministratore si troverebbe a
       non aver strumenti per poter fare il proprio lavoro correttamente. Sviluppare solo server
       FTP moderni e con tutte le patch installate è un approccio molto migliore al voler
       bloccare lo sviluppo e la distribuzione di strumenti che usano l'attacco "FTP bounce".

       Non esiste alcuna bacchetta magica (o opzione di Nmap) per riconoscere o bypassare un
       firewall o un sistema anti-intrusione. È un'attività che richiede talento ed esperienza.
       Una guida completa esula dagli intenti di questa guida di riferimento, la quale elenca
       solo le opzioni rilevanti e descrive ciò che fanno.

       -f (fragment packets); --mtu (using the specified MTU)
           L'opzione -f obbliga la scansione (anche i ping scan) a usare pacchetti IP
           frammentati. L'idea di base è quella di frammentare l'header TCP su più pacchetti, in
           modo da rendere più difficile per un packet filter, per un IDS o per altri fastidiosi
           strumenti simili il compito di capire cosa sta succedendo. Si presti comunque la
           massima attenzione nell'uso di questa opzione! Alcuni programmi hanno difficoltà a
           gestire pacchetti di dimensione troppo piccola. Il vecchio tool "Sniffit" andava in
           segmentation fault non appena riceveva il primo frammento. Specificando quest'opzione
           una volta Nmap dividerà i pacchetti in piccoli insiemi di al più 8 byte ciascuno,
           inserendoli dopo l'header IP. In questo modo un header TCP di 20 byte verrà diviso in
           tre pacchetti: due con otto byte ciascuno e uno con i rimanenti quattro. E ovviamente
           ogni frammento avrà un header IP. Specificando di nuovo l'opzione -f si useranno
           insiemi di 16 byte (riducendo così il numero di frammenti). In alternativa si può
           indicare lo spiazzamento ("offset") desiderato mediante l'opzione --mtu. Non si usi
           l'opzione -f se si è usato --mtu. L'offset dev'essere un multiplo di 8. Nonostante i
           pacchetti frammentati non supereranno i packet filter e i firewall che mantengono una
           coda di tutti i frammenti IP (come ad esempio le macchine GNU/Linux che hanno
           l'opzione CONFIG_IP_ALWAYS_DEFRAG impostata nel kernel), alcune reti tuttavia non
           possono permettersi il calo di performance causato da troppi frammenti e pertanto non
           avranno quell'opzione abilitata. Altri ancora non possono abilitare quell'opzione
           perché i frammenti potrebbero prendere direzioni differenti una volta all'interno.
           Alcuni sistemi di origine dei dati deframmentano i pacchetti in uscita nel kernel.
           Linux con il modulo ip_conntrack ("connection tracking module") è uno di questi. Si
           raccomanda di effettuare la scansione mentre un packet sniffer (come Wireshark) sta
           girando, in modo da avere la certezza che i pacchetti inviati vengano effettivamente
           frammentati. Se il proprio sistema operativo dovesse causare problemi in questo, si
           usi l'opzione --send-eth per bypassare il livello IP ed inviare direttamente frame
           Ethernet sul cavo.

       -D <decoy1>[,<decoy2>][,ME][,...] (Cloak a scan with decoys)
           Quest'opzione invoca una "decoy scan" (ovvero una scansione utilizzando esche) che
           agli occhi dell'host di destinazione apparirà come se provenisse dagli host
           specificati come decoy. In questo modo l'IDS della rete bersaglio mostrerà 5-10 port
           scan provenienti da indirizzi IP singoli, e non potrà capire quale IP è veramente la
           sorgente dell'attacco e quale IP è usato solo come mascheramento. Nonostante
           quest'opzione possa essere resa inutile mediante il tracciamento del percorso fatto
           dai router ("router path tracing"), tecniche di response-dropping e altri meccanismi
           attivi sono generalmente una tecnica effettiva per nascondere il proprio indirizzo IP.

           Gli host decoy vanno separati con una virgola; è inoltre possibile usare il parametro
           ME come uno dei decoy per rappresentare la posizione del proprio indirizzo IP. Se si
           pone il parametro ME nella sesta posizione o ancora oltre, alcuni sensori di port scan
           (come l'eccellente "Scanlogd" di Solar Designer) difficilmente mostreranno il vostro
           indirizzo IP. Se non si dovesse usare il parametro ME, Nmap metterà il vostro IP in
           una posizione a caso. Si può anche utilizzare RND per generare un numero casuale di
           indirizzi IP non riservati, oppure RND:number per generare number indirizzi.

           Si noti che gli host che vengono usati come decoy dovrebbero essere attivi o si corre
           il rischio di creare un "SYN flood" verso il proprio obiettivo. Inoltre diventerebbe
           molto facile capire quale host è la causa della scansione, se solo uno è attivo in una
           rete. È consigliabile usare indirizzi IP al posto di nomi, per evitare che la rete dei
           decoy individui i propri tentativi di risoluzione dei nomi nei log dei propri DNS.

           I decoy vengono usati sia nel "ping scan" iniziale (indipendentemente dal fatto che si
           usi ICMP, SYN, ACK, ecc.) sia durante la fase di port scanning effettiva. Infine i
           decoy vengono usati durante l'OS detection remoto (opzione -O). L'utilizzo dei decoy
           non è valido con scansioni di tipo version detection o scansioni di tipo TCP connect.
           Quando si hanno degli scan delay, il ritardo viene applicato ad ogni blocco di probe,
           non ad ogni singolo probe. Dato che i decoy vengono inviati tutti in una volta,
           potrebbero temporaneamente violare i limiti di controllo sulla congestione.

           Inutile bisogna ricordare che l'uso di troppi decoy può rallentare la propria
           scansione e potenzialmente renderla meno accurata. Inoltre, alcuni ISP ("Internet
           Service Providers") potrebbero filtrare i pacchetti "spoofed" (falsificati), anche se
           molti non operano alcun tipo di azione su questi ultimi.

       -S <IP_Address> (Spoof source address)
           In talune circostanze Nmap potrebbe non essere in grado di determinare il proprio
           indirizzo sorgente (in questi casi Nmap avvertirà della problematica). Se così fosse
           si può usare l'opzione -S seguita dall'indirizzo IP dell'interfaccia che si vuole
           usare per inviare pacchetti.

           Un altro possibile uso di quest'opzione potrebbe essere per falsificare (spoof) la
           scansione per far credere al bersaglio che qualcun altro li sta prendendo di mira e
           sta effettuando una scansione su di loro. Si immagini solo cosa potrebbe succedere se
           un'azienda si accorgesse di essere preda di port scan da parte dei propri concorrenti!
           L'opzione -e è in genere richiesta per questo particolare utilizzo, e si consiglia
           anche di usare -Pn. Da notare che così facendo solitamente non si ricevono i pacchetti
           di risposta, saranno infatti inviati all'indirizzo IP fasullo; Nmap di conseguenza
           produrrà dei report inutili.

       -e <interface> (Use specified interface)
           Indica a Nmap quale interfaccia di rete usare per inviare e ricevere pacchetti. Nmap
           dovrebbe essere in grado di capire autonomamente quale usare, ma nel caso non sia
           possibile vi avvertirà.

       --source-port <portnumber>; -g <portnumber> (Spoof source port number)
           Un errore di configurazione sorprendentemente comune è quello di fidarsi del traffico
           di rete basandosi solo sulla porta di origine. È facile capire come può succedere: un
           amministratore configura un firewall nuovo fiammante per poi ritrovarsi sommerso dalle
           lamentele degli utenti ingrati le cui applicazioni hanno smesso di funzionare. Ad
           esempio le query DNS possono non funzionare più perché le risposte (sotto forma di
           pacchetti UDP) provenienti da server esterni non possono più entrare nella rete. Anche
           l'FTP è un esempio piuttosto comune: nei trasferimenti di dati attivi (opposti a
           quelli di tipo "passive FTP") il server remoto cerca di stabilire una connessione
           diretta con il client per trasferire i file richiesti.

           Esistono soluzioni sicure a questi problemi, spesso nella forma di proxy a livello di
           applicazione o moduli del firewall che fanno parsing del protocollo. Sfortunatamente
           ci sono anche soluzioni facili ma insicure. Ad esempio, notando che le risposte alle
           query DNS arrivano dalla porta 53 e i transfer FTP "active" provengono dalla porta 20,
           tanti amministratori fanno l'errore di lasciar passare il traffico proveniente da
           queste porte. Essi spesso danno per scontato che nessun attaccante potrebbe accorgersi
           di questi buchi di sicurezza e approfittarne. In altri casi un amministratore può
           considerare questa soluzione una misura temporanea fino a quando non implementerà una
           soluzione migliore e più sicura e poi si dimentica di farlo.

           Gli amministratori di rete con troppe cose da fare non sono gli unici a commettere
           questi errori. Molti prodotti sono venduti con queste regole insicure; anche Microsoft
           è colpevole. I filtri IPSec, parte di Windows 2000 e Windows XP, contengono una regola
           implicita che permette il passaggio di tutto il traffico proveniente dalla porta 88
           (Kerberos). Un altro caso ben conosciuto è quello di Zone Alarm Personal Firewall
           (fino alla versione 2.1.25): esso permetteva l'ingresso nel sistema a qualsiasi
           pacchetto UDP che avesse come porta di origine la 53 (DNS) o 67 (DHCP).

           Nmap offre le opzioni (equivalenti) -g e --source-port per sfruttare queste debolezze.
           Basta fornire un numero di porta e Nmap manderà pacchetti da questa porta quando
           possibile. La maggior parte delle scansioni TCP, incluse le scansioni SYN e UDP,
           supportano quest'opzione. Tuttavia Nmap deve usare numeri di porta diversi per alcuni
           test di OS detection perché essi funzionino a dovere; anche le richieste DNS, i TCP
           connect scan, i version detection e gli script scanning ignorano l'opzione
           --source-port poiché Nmap si appoggia alle librerie di sistema per gestirle.

       --data <hex string> (Append custom binary data to sent packets)
           Quest'opzione permette di includere valori binari come dati nei pacchetti da inviare.
           hex string può avere uno dei seguenti formati: 0xAABBCCDDEEFF<...>, AABBCCDDEEFF<...>
           o \xAA\xBB\xCC\xDD\xEE\xFF<...>. Alcuni esempi sono --data 0xdeadbeef e --data
           \xCA\xFE\x09. Da notare che se si indica un valore come 0x00ff nessuna conversione
           dell'ordine dei byte viene effettuata. Fare in modo che l'informazione indicata arrivi
           al destinatario con l'ordine dei byte che si aspetta.

       --data-string <string> (Append custom string to sent packets)
           Quest'opzione permette di inviare una stringa come dati nei pacchetti da inviare.
           string può contenere qualsiasi stringa. Si noti comunque che alcuni caratteri
           dipendono dal sistema in uso e il ricevente potrebbe non ricevere la stessa
           informazione. Inoltre accertarsi di aver racchiuso la string tra apici doppi ("") e di
           marcare con il carattere di escape tutti i caratteri speciali interpretati dalla
           shell. Alcuni esempi: --data-string "Scan conducted by Security Ops, extension 7192"
           oppure --data-string "Ph34r my l33t skills". Tenere a mente che nessuno può
           effettivamente vedere i commenti lasciati da quest'opzione, a meno che non si stia
           monitorando attentamente la rete con uno sniffer o delle regole IDS personalizzate.

       --data-length <number> (Append random data to sent packets)
           In genere Nmap invia pacchetti nella dimensione più piccola possibile, contenenti
           soltanto l'header. Quindi i pacchetti TCP sono in genere di 40 byte e le richieste
           ICMP echo di 28 byte. Alcuni porte UDP e protocolli IP danno un carico dati
           personalizzato di default. Quest'opzione indica a Nmap di aggiungere un certo numero
           di byte casuali a quasi tutti i pacchetti che invia e di non usare i valori specifici
           del protocollo (Usare --data-length 0 per nessun valore random e nessun valore
           specifico del protocollo). I pacchetti di OS detection (-O) tuttavia non vengono
           modificati, perché la precisione in essi richiede una certa consistenza nell'invio dei
           probe; in ogni modo quasi tutte le opzioni di ping e portscan supportano questa
           modalità. Essa rallenta leggermente le performance ma ne può risultare una scansione
           più accurata.

       --ttl <value> (Set IP time-to-live field)
           Imposta il campo time-to-live (tempo di vita del pacchetto IPv4) al valore richiesto.

       --randomize-hosts (Randomize target host order)
           Quest'opzione indica a Nmap di rimescolare l'ordine di scansione di ogni gruppo di
           host (fino a 16384) prima di iniziare la scansione. Questo può nascondere le scansioni
           a vari sistemi di network monitoring, specialmente quando è affiancato a opzioni di
           rallentamento ("slow timing"). Se si desidera un random su gruppi di dimensione
           maggiore, è necessario incrementare la direttiva PING_GROUP_SZ in nmap.h e ricompilare
           l'applicativo. Una soluzione alternativa potrebbe essere quella di generare una lista
           degli IP sui quali effettuare lo scan mediante un list scan (opzione -sL -n -oN
           filename), randomizzarla con uno script Perl e passare la lista a Nmap con l'opzione
           -iL.

       --spoof-mac <MAC address, prefix, or vendor name> (Spoof MAC address)
           Richiede ad Nmap di usare l'indirizzo hardware (MAC) per tutti i frame ethernet raw
           che invia. Quest'opzione implica --send-eth per garantire che Nmap invii di fatto
           pacchetti a livello ethernet. Il MAC può essere specificato in vari formati: nel caso
           in cui sia semplicemente il numero "0", Nmap sceglie un MAC completamente random per
           la sessione. Se la stringa è un numero pari di simboli esadecimali (con le coppie
           separate eventualmente dal simbolo di due punti), Nmap userà questo come MAC. Se
           dovessero essere specificate meno di 12 cifre decimali, Nmap riempirà il resto dei 6
           byte con valori casuali. Se l'argomento non è ne uno zero ne una stringa esadecimale,
           Nmap cercherà nel file nmap-mac-prefixes per cercare il nome di un produttore
           contenente la stringa indicata (senza distinguere tra maiuscole e minuscole). Se trova
           una corrispondenza, Nmap userà la parte OUI del produttore (il prefisso di 3 byte) e
           riempirà i restanti 6 byte in maniera casuale. Esempi validi dell'uso di --spoof-mac
           sono Apple, 0, 01:02:03:04:05:06, deadbeefcafe, 0020F2, e Cisco. Quest'opzione ha
           effetto solo sui pacchetti raw, come nei SYN scan o negli OS detection, non sulle
           feature "connection-oriented", come i version detection o l'NSE.

       --proxies <Comma-separated list of proxy URLs> (Relay TCP connections through a chain of
       proxies)
           Richiede ad Nmap ti stabilire connessioni TCP con l'obiettivo attraverso una catena di
           uno o più proxy HTTP o SOCKS4. I proxy possono aiutare a nascondere il sorgente reale
           di una scansione o evadere certe restrizioni dei firewall, ma fanno calare la
           performance della scansione aumentando la latenza. Si potrebbe, di conseguenza, dover
           modificare i timeout di Nmap o altri parametri di scansione; in particolar modo, un
           --max-parallelism più basso potrebbe aiutare dato che alcuni proxy non gestiscono
           diverse connessioni contemporanee, come invece fa Nmap di default.

           Quest'opzione riceve una lista di proxy come argomento, espressa come URL nel formato
           proto://host:port. Utilizzare la virgola come separatore di URL in una catena. È anche
           supportata la non autenticazione. I protocolli sono HTTP e SOCKS4.

           Attenzione: questa feature è ancora in fase di sviluppo ed ha alcune limitazioni. È
           implementata con la libreria nsock e quindi non ha effetto sui ping, i port scanning e
           la fase di OS detection di una scansione. Solo l'NSE e i version scan ne traggono
           beneficio finora, altre funzionalità potrebbero rivelare il proprio vero indirizzo. Le
           connessioni SSL non sono ancora supportate, così come la risoluzione DNS proxy-side
           (gli hostname vengono sempre risolti da Nmap).

       --badsum (Send packets with bogus TCP/UDP checksums)
           Richiede ad Nmap di usare un checksum TCP o UDP non valido per i pacchetti inviati
           alla macchina di destinazione. Poiché teoricamente tutti gli stack IP degli host
           finiranno per ignorare questi pacchetti, qualunque risposta ricevuta dovrà per forza
           provenire da un firewall o da un Intrusion Detection System (IDS) che non si preoccupa
           di verificare il checksum. Per maggiori informazioni su questa tecnica, si consulti
           https://nmap.org/p60-12.txt.

       --adler32 (Use deprecated Adler32 instead of CRC32C for SCTP checksums)
           Richiede ad Nmap di usare l'algoritmo deprecato Adler32 per calcolare il checksum
           SCTP. se --adler32 non viene impostato, viene usato CRC-32C (Castagnoli). L'RFC
           2960[20] originariamente definisce Adler32 come l'algoritmo di checksum per SCTP; L'
           RFC 4960[5] successivamente ha ridefinito il checksum SCTP specificando l'uso di
           CRC-32C. Le implementazioni attuali SCTP dovrebbero utilizzare CRC-32C, ma allo scopo
           di suscitare risposta dalle più datate, è preferibile usare Adler32.

OUTPUT

       Qualunque tool di sicurezza è utile quanto l'output che esso stesso genera. Test e
       algoritmi complessi sono di scarsa importanza se non presentati in modo comprensibile e
       ben organizzato. Dato il grande numero di modi in cui Nmap viene usato dagli utenti e da
       altro software, un singolo formato non potrebbe soddisfare tutti. Per questo motivo Nmap
       offre molti formati, inclusa la modalità interattiva per la lettura diretta degli utenti,
       e il formato XML per rendere l'output facilmente interpretabile dal software.

       Inoltre per offrire differenti formati di output, Nmap fornisce opzioni per il controllo
       della verbosità dell'output, come anche dei messaggi di debugging. I tipi di output
       possono essere mandati allo standard output o a files, ai quali Nmap può accodare o
       sovrascrivere il contenuto. I files di output possono anche essere usati per ripristinare
       scansioni precedentemente annullate.

       Nmap rende l'output disponibile in cinque formati differenti. Il formato predefinito è
       chiamato interactive output, e viene mandato allo standard output (stdout). Poi si ha il
       normal output, simile all'interactive ad eccezione del fatto che mostra meno informazioni
       di runtime e warnings, dal momento che si suppone che dovrà essere analizzato dopo il
       completamento della scansione, piuttosto che interattivamente.

       L'XML output è uno dei tipi di output più importanti, dal momento che può essere
       convertito in HTML, interpretato con facilità dai programmi (come ad esempio le interfacce
       grafiche di Nmap) o importato in un database.

       I rimanenti due tipi di output sono il semplice grepable output, che include la maggior
       parte delle informazioni su un obiettivo in una linea singola, e lo sCRiPt KiDDi3 0utPUt
       per gli utenti che si considerano |<-r4d.

       Mentre l'output interattivo è quello predefinito e non ha opzioni da linea di comando
       associate, gli altri quattro formati usano una sintassi comune. Ricevono un argomento, il
       nome del file nel quale i risultati dovranno essere scritti. Possono essere specificati
       formati multipli, ma ogni formato può essere specificato solo una volta. Per esempio si
       potrebbe voler salvare il normal output per le proprie revisioni e nel mentre salvare
       l'XML per l'analisi programmatica. Ciò si potrebbe realizzare con le opzioni -oX
       myscan.xml -oN myscan.nmap. Questo capitolo usa per brevità dei nomi semplici come
       myscan.xml, ma sono generalmente consigliati nomi più descrittivi. I nomi scelti sono un
       problema di preferenza personale, anche se è solito usarne di lunghi che incorporano la
       data della scansione e un paio di parole che descrivano la scansione, messi in una
       directory chiamata come l'azienda che si sta scansionando.

       Mentre queste opzioni salvano i risultati su files, Nmap mostra anche l'output interattivo
       in standard output come sempre. Per esempio, il comando nmap -oX myscan.xml target stampa
       XML dentro myscan.xml e scrive in standard output gli stessi risultati interattivi che
       avrebbe stampato se -oX non fosse stata specificata. Si può cambiare questo comportamento
       passando un trattino ("-") come argomento di un tipo di formato. Questo fa si che Nmap
       disattivi l'output interattivo e stampi il risultato nel formato che specificato nello
       stream dello standard output. Così il comando nmap -oX - target manderà in stdout soltanto
       l'output XML. Gli errori gravi possono comunque essere mostrati sullo stream di standard
       error (stderr).

       A differenza di alcuni argomenti di Nmap, lo spazio tra l'opzione di log (ad esempio -oX)
       e il nome del file o il trattino, è obbligatorio. Se si omettono le opzioni e si danno
       argomenti come -oG- o -oXscan.xml, una feature di retro-compatibilità causerà la creazione
       di file di output in normal format chiamati rispettivamente G- e Xscan.xml.

       Tutti questi argomenti supportano le conversioni di tipo strftime nel nome del file.  %H,
       %M, %S, %m, %d, %y e %Y sono gli stessi parametri che si trovano in strftime.  %T è
       l'equivalente di %H%M%S, %R è l'equivalente di %H%M e %D è l'equivalente di %m%d%y. Un %
       seguito da qualsiasi altro carattere da precedenza a quel carattere (%% mostra il simbolo
       percentuale). Quindi -oX 'scan-%T-%D.xml' lavorerà su di un file XML con un nome del tipo
       scan-144840-121307.xml.

       Nmap offre inoltre l'opzione di controllo della verbosità e la possibilità di accodare ai
       file invece di sovrascriverli. Tutte queste opzioni sono descritte di seguito.

       I Formati di Output di Nmap

       -oN <filespec> (normal output)
           Richiede che il normal output venga rediretto al file specificato. Come sopra,
           quest'output diverge leggermente da interactive output.

       -oX <filespec> (XML output)
           Richiede che l'output XML sia rediretto al file specificato. Nmap contiene un document
           type definition (DTD) che permette agli interpreti XML di validare l'output XML di
           Nmap. Sebbene serva principalmente per l'uso programmatico, può essere d'aiuto anche
           agli utenti. Il DTD definisce gli elementi convenzionali del formato, e spesso enumera
           gli attributi e i valori che possono assumere. L'ultima versione è sempre disponibile
           al link https://svn.nmap.org/nmap/docs/nmap.dtd.

           XML offre un formato stabile e facilmente interpretato dal software. Gli interpreti
           XML liberi (free) sono disponibili per la maggior parte dei linguaggi di
           programmazione, compresi C/C++, Perl, Python e Java. Qualcuno ha anche scritto dei
           bindings per gran parte di questi linguaggi per trattare in maniera specifica l'output
           e l'esecuzione di Nmap. Ne sono esempio: Nmap::Scanner[21] e Nmap::Parser[22] nel Perl
           CPAN. In quasi tutti i casi il formato preferito per interpretare i risultati di Nmap
           è stato XML.

           L'output XML fa riferimento ad uno stylesheet XSL che può essere usato per formattare
           il risultato in HTML. La maniera più facile di usarlo è semplicemente aprire il file
           XML in un web browser, come Firefox o IE. Di norma questa procedura dovrebbe
           funzionare solo sulla macchina su cui si esegue Nmap (o su una configurata in maniera
           simile) dato che il percorso a nmap.xsl è quello scritto nel codice di Nmap. Si vedano
           le opzioni --webxml o --stylesheet per creare un file XML portabile che renderizza
           come HTML in ogni macchina connessa al web.

       -oS <filespec> (ScRipT KIdd|3 oUTpuT)
           Lo script kiddie output è come l'interactive output, ad eccezione del post-processing
           che meglio adatta l'output ai l33t HaXXorZ che prima guardavano dall'alto in basso
           Nmap per la sua troppo corretta ortografia e per l'uso proprio delle maiuscole. Per le
           persone poco inclini allo humor, si noti che questa opzione prende in giro gli script
           kiddies, quindi non si critichi per un presunto "averli aiutati".

       -oG <filespec> (grepable output)
           Questo formato di output viene descritto per ultimo perché il suo uso è deprecato.
           L'output XML è di gran lunga più potente ed in pratica ugualmente utile per gli utenti
           esperti. XML è uno standard per le dozzine di eccellenti parsers che sono disponibili,
           mentre il grepable output è un semplice hack. XML è estensibile al supporto di nuove
           features di Nmap man mano che queste vengono rilasciate, mentre spesso vengono omesse
           queste nuove feature per il formato grepable per mancanza di spazio dove aggiungerle.

           Ad ogni modo, il grepable output è ancora discretamente usato. È un formato semplice
           che lista ogni host su una riga e può essere facilmente cercato e interpretato dai
           tool standard di UNIX, come grep, awk, cut, sed, diff e Perl. Viene utilizzato per
           test semplici da riga di comando: trovare tutti gli host che hanno la porta SSH aperta
           o che montano Solaris, è questione di un semplice grep per identificare gli host e un
           pipe verso awk o cut per visualizzare i campi desiderati.

           Il grepable output contiene commenti (le righe che iniziano con il cancelletto (#)) e
           righe target. Una riga target include una combinazione di 6 campi etichettati,
           separati da tabulazioni e terminati da un due punti (:). I campi sono Host, Ports,
           Protocols, Ignored State, OS, Seq Index, IP ID e Status.

           Il più importante tra questi campi è generalmente il campo Ports, che da dettagli su
           ogni porta interessante. È una lista di "port entries" separate da una virgola. Ogni
           "port entry" rappresenta una porta interessante e prende la forma di sette sotto-campi
           separati da uno slash (/). Questi sotto-campi sono: Port number, State, Protocol,
           Owner, Service, SunRPC info e Version info.

           Così come nell'output XML, questa pagina di manuale non permette di documentare
           l'intero formato. È disponibile una descrizione più dettagliata del formato grepable
           output nella sezione “Grepable Output (-oG)[23]”.

       -oA <basename> (Output to all formats)
           In caso di bisogno, si potrebbe specificare -oA basename per salvare i risultati dello
           scan nei formati normal, XML e grepable in una sola volta. Questi vengono salvati
           rispettivamente nei file basename.nmap, basename.xml e basename.gnmap. Come la maggior
           parte dei programmi, si può aggiungere un prefisso ai nomi dei file, come ad esempio
           un percorso ad una directory, ~/nmaplogs/foocorp/ su UNIX o c:\hacking\sco su Windows.

       Verbosità e opzioni di debugging

       -v (Increase verbosity level), -v<level> (Set verbosity level)
           Aumenta il livello di verbosità, facendo in modo che Nmap stampi più informazioni
           riguardo lo scan in esecuzione. Le porte aperte sono mostrate man mano che Nmap le
           trova e il tempo rimanente stimato viene mostrato se Nmap ritiene che lo scan possa
           durare più di qualche minuto. Si può mettere l'opzione due o più volte per aumentare
           ulteriormente il livello di verbosità.

           La maggior parte dei cambiamenti riguarda l'interactive output, e alcune cose anche il
           normal e lo script kiddie output. Gli altri tipi di output sono fatti per essere
           processati dalle macchine, quindi Nmap può dare un grosso livello di dettaglio di
           default, senza il problema di poter affaticare un utente umano. In ogni caso ci sono
           delle leggere differenze negli altri modi dove la dimensione dell'output può essere
           sostanzialmente ridotta omettendo alcuni dettagli. Per esempio solo in modalità
           verbosa viene stampata una linea di commento nel grepable output che fornisce una
           lista di tutte le porte scansionate, questo perché potrebbe essere abbastanza lunga.

       -d (Increase debugging level), -d<level> (Set debugging level)
           Quando anche il verbose mode non fornisce dati a sufficienza, è disponibile la
           modalità debugging, che sommergerà l'utente di informazioni! Così come succede per
           l'opzione verbosity (-v), il debugging viene attivato da un'opzione di riga di comando
           (-d) e il livello di debug può essere aumentato ripetendo l'opzione diverse volte, ad
           esempio -dd, o si può settare il debug level dando come argomento di -d un numero. Ad
           esempio, -d9 setta il livello a nove. Questo è il livello più alto e produrrà migliaia
           di linee a meno che non si stia facendo uno scan molto semplice con pochi target e
           poche porte.

           L'output di debugging è utile quando si sospetta un bug in Nmap, oppure se si rimane
           confusi su cosa stia facendo Nmap e perché. Siccome questa feature è stata pensata
           principalmente per gli sviluppatori, le linee di debug non sono granché
           autoesplicative. Si potrebbe incontrare qualcosa tipo: Timeout vals: srtt: -1 rttvar:
           -1 to: 1000000 delta 14987 ==> srtt: 14987 rttvar: 14987 to: 100000. Se non si capisce
           una linea, quello che si può fare è ignorarla, guardarla nel codice sorgente, o
           richiedere aiuto alla lista di sviluppo (nmap-dev). Alcune linee si spiegano bene da
           sé, ma i messaggi divengono sempre più oscuri man mano che il livello di debugging
           sale.

       --reason (Host and port state reasons)
           Mostra il motivo per cui ad ogni singola porta è stato assegnato quello stato e la
           ragione per cui ogni host è attivo o meno. Quest'opzione mostra il tipo di pacchetto
           che ha determinato lo stato di una porta o di un host. Per esempio, un pacchetto RST
           da una porta chiusa o un echo reply da un host attivo. L'informazione che Nmap
           restituisce dipende dal tipo di scansione o di ping. Il SYN scan e il SYN ping (-sS e
           -PS) sono molto dettagliati, mentre il TCP connect scan (-sT) è limitato
           all'implementazione della chiamata di sistema connect. Questa feature è
           automaticamente abilitata dall'opzione di debug (-d) e i suoi risultati vengono
           salvati in file log in formato XML anche se quest'opzione non viene specificata.

       --stats-every <time> (Print periodic timing stats)
           Periodicamente stampa un messaggio di timing status ogni intervallo di time. Il tempo
           è una specifica del tipo descritto nella sezione “Timing and Performance[24]” di
           questo manuale; quindi per esempio, si utilizzerà --stats-every 10s per avere un
           aggiornamento dello stato ogni 10 secondi. Gli aggiornamenti vengono stampati
           sull'interactive output (a schermo) e sull'XML output.

       --packet-trace (Trace packets and data sent and received)
           Fa in modo che Nmap stampi un riassunto di ogni pacchetto mandato o ricevuto. Viene
           usata spesso per il debugging, ma è anche un modo valido per gli utenti novizi per
           capire esattamente cosa sta facendo Nmap dietro le quinte. Per evitare che stampi
           migliaia di linee, si dovrebbe specificare una lista limitata di porte da controllare,
           come -p20-30. Se importa soltanto vedere come procede il version detection si può
           usare --version-trace. Se invece si è solo interessati allo script tracing, indicare
           --script-trace. Con --packet-trace, si avranno tutti quelli sopra.

       --open (Show only open (or possibly open) ports)
           Può succedere di essere interessati solamente alle porte cui ci si può connettere al
           momento (le open) e non si vuole mischiare i risultati con quelle closed, closed o
           closed|filtered. Si potrebbe personalizzare l'output dopo la scansione utilizzando
           tool come grep, awk e Perl, ma è stata aggiunta quest'opzione a causa di richieste
           travolgenti. Indicare --open per vedere solamente gli host con almeno una porta open,
           open|filtered o unfiltered, e vedere solamente le porte con questi stati. Questi tre
           stati vengono trattati normalmente, il che significa che open|filtered e unfiltered
           potrebbero essere raggruppate se ce ne dovessero essere troppe.

       --iflist (List interfaces and routes)
           Stampa la lista delle interfacce e degli instradamenti di sistema rilevati da Nmap.
           Questo è utile per risolvere i problemi di routing o cattive caratterizzazioni delle
           interfacce (ad esempio quando Nmap scambia una connessione PPP per ethernet).

       Altre opzioni di output

       --append-output (Append to rather than clobber output files)
           Quando si specifica un nome di file mediante un parametro di output come -oX o -oN,
           questo file viene sovrascritto di default. Se si preferisce mantenere il contenuto del
           file e aggiungerci i nuovi risultati, si deve usare l'opzione --append-output. Tutti i
           file di output specificati in quell'istanza di Nmap verranno usati in append mode
           anziché essere sovrascritti. Quest'opzione non è di grande aiuto (e non funziona molto
           bene) nel caso di output in formato XML (-oX), poiché il parsing del file risultante
           non sarà corretto fino a quando non si controllerà il file manualmente.

       --resume <filename> (Resume aborted scan)
           Alcune esecuzioni di Nmap possono richiedere molto tempo - dell'ordine di giorni. Tali
           scansioni non arrivano sempre alla fine; alcune restrizioni possono impedire a Nmap di
           funzionare durante le ore del giorno, la rete può diventare irraggiungibile, la
           macchina sulla quale Nmap sta girando può subire un riavvio pianificato o improvviso o
           Nmap stesso può andare in crash. L'amministratore che sta usando Nmap può
           interromperlo per qualsiasi ragione, premendo ctrl-C. Ricominciare l'intera scansione
           dall'inizio può diventare fastidioso. Fortunatamente se sono rimasti i log in formato
           "normal" (-oN) o "grepable" (-oG), l'utente può richiedere a Nmap di ricominciare la
           scansione dall'host sul quale stava lavorando quando l'esecuzione è stata interrotta.
           Semplicemente basta specificare l'opzione --resume e passargli il file di output in
           formato normal/grepable come argomento. Non è permesso nessun altro argomento, poiché
           Nmap farà il parsing del file di output per usare le stesse opzioni specificate in
           precedenza. È quindi sufficiente invocare Nmap come nmap --resume logfilename. Nmap
           aggiungerà i nuovi risultati ai file specificati nell'esecuzione precedente. La
           ripresa di un'esecuzione non supporta il formato di output XML poiché sarebbe troppo
           difficile combinare le due esecuzioni in un unico file XML valido.

       --stylesheet <path or URL> (Set XSL stylesheet to transform XML output)
           Nmap viene fornito con un foglio di stile XSL chiamato nmap.xsl per vedere o tradurre
           l'output XML in HTML. L'output XML include una direttiva xml-stylesheet che punta al
           file nmap.xml dove è stato installato Nmap la prima volta. Processare il file XML con
           un XSLT processor come xsltproc[25] per produrre un file HTML. Aprire direttamente
           l'output XML in un browser non funziona più tanto bene in quanto i browser recenti
           limitano le location da cui può essere caricato un foglio di stile. Se si volesse
           usare un foglio di stile diverso, va specificato mediante l'opzione --stylesheet. Il
           file va indicato con il percorso completo o l'URL. Un esempio di invocazione con
           quest'opzione è --stylesheet https://nmap.org/svn/docs/nmap.xsl. Questo indica ad un
           XSLT processor di caricare l'ultima versione del foglio di stile da Nmap.Org.
           L'opzione --webxml fa la stessa cosa ma richiede meno digitazioni e meno cose da
           ricordare. Caricando l'XSL da Nmap.Org rende più semplice visualizzare i risultati su
           una macchina che non ha Nmap (e quindi il file nmap.xsl) installato. Quindi l'URL è
           spesso una scelta migliore, ma di default viene usato il file dal filesystem locale
           per ragioni di privacy.

       --webxml (Load stylesheet from Nmap.Org)
           Quest'opzione è semplicemente una comodità per l'opzione --stylesheet
           https://nmap.org/svn/docs/nmap.xsl.

       --no_stylesheet (Omit XSL stylesheet declaration from XML)
           Quest'opzione va specificata quando non si vuole che Nmap associ un qualsiasi foglio
           di stile XSL al proprio output XML. La direttiva xml-stylesheet viene omessa.

OPZIONI MISCELLANEE

       Questa sezione descrive alcune opzioni importanti (e altre non così importanti) che non
       hanno trovato posto in altre sezioni.

       -6 (Enable IPv6 scanning)
           Nmap offre supporto IPv6 per le sue funzioni più comuni. Le funzioni ping scanning,
           port scanning, rivelazione di versione e l'NSE supportano tutti IPv6. La sintassi dei
           comandi è la stessa di sempre, ad eccezione dell'aggiunta dell'opzione -6. Ovviamente
           si dovrà utilizzare la sintassi IPv6 se si vuole specificare un indirizzo anziché un
           hostname. Un indirizzo sarà qualcosa del tipo 3ffe:7501:4819:2000:210:f3ff:fe03:14d0,
           ne consegue che è raccomandato l'uso degli hostname. L'output ha il solito aspetto,
           l'unica differenza è l'indirizzo IPv6 sulla linea delle "interesting ports".

           Mentre IPv6 non ha esattamente preso il sopravvento nel mondo, trova un uso più
           significativo in alcuni Paesi (tipicamente Asiatici) e supporto nella maggior parte
           dei moderni sistemi operativi. Per usare Nmap con l'IPv6, sia l'obiettivo che la
           sorgente dello scan devono essere configurate per IPv6. Se il proprio l'ISP (come la
           maggior parte) non alloca indirizzi IPv6, c'è una vasta disponibilità di tunnel broker
           gratuiti e funzionano bene con Nmap. Uno dei migliori è fornito da
           http://www.tunnelbroker.net/. Altri tunnel broker si possono trovare su Wikipedia[26].
           Un altro approccio free comune sono i tunnel 6to4.

           Su Windows, gli scan IPv6 raw-socket sono supportati solo su dispositivi ethernet (non
           tunnel) e solo da Windows Vista in poi. Utilizzare l'opzione --unprivileged nelle
           altre situazioni.

       -A (Aggressive scan options)
           Quest'opzione abilita altre opzioni addizionali avanzate ed aggressive. Al momento
           questa opzione attiva l'OS detection (-O), il version scanning (-sV), lo script
           scanning (-sC) e il traceroute (--traceroute). Ulteriori caratteristiche verranno
           aggiunte in futuro. Il punto è attivare un completo set di opzioni di scan senza che
           ci sia il bisogno di ricordarsi una lunga serie di flag. In ogni modo, dato che lo
           script scanning con il set di default è considerato intrusivo, si dovrebbe utilizzare
           -A contro le reti senza averne avuto autorizzazione. Quest'opzione attiva solo delle
           modalità di funzionamento, ma non le opzioni di timing (come -T4), né quelle di
           verbosity (-v) che si potrebbero comunque volere. Le opzione che richiedono privilegi
           speciali (ad esempio i permessi di root), come l'OS detection e il traceroute, saranno
           abilitate solo se si questi permessi sono attivi.

       --datadir <nomedirectory>(Specify custom Nmap data file location)
           Nmap ottiene alcuni dati speciali in runtime dai files chiamati nmap-service-probes,
           nmap-services, nmap-protocols, nmap-rpc, nmap-mac-prefixes ed nmap-os-fingerprints. Se
           la location di uno questi file viene specificata(usando l'opzione --servicedb o
           l'opzione --versiondbNmap), questa location viene utilizzata per tutti quanti.
           Altrimenti, Nmap cerca i file nella directory specificata con l'opzione --datadir
           (qualora specificata). Qualunque file non trovato in questa locazione, verrà cercato
           nella directory specificata nella variabile d'ambiente NMAPDIR. Segue poi ~/.nmap per
           le vere e proprie UID (valido solo per i sistemi POSIX) o, su Windows,
           <HOME>\AppData\Roaming\nmap (dove <HOME> è la home directory dell'utente, tipo
           C:\Users\user). Seguono poi la directory dell'eseguibile di Nmap e le sue subdirectory
           ../usr/share/nmap. Infine vengono utilizzate le locazioni precompilate come
           /usr/local/share/nmap o /usr/share/nmap.

       --servicedb <services file> (Specify custom services file)
           Chiede ad Nmap di utilizzare specifici file "services" invece che il file
           nmap-services che viene fornito con Nmap. Inoltre quest'opzione attiva l'opzione -F
           che esegue una scansione veloce. Vedere la descrizione di --datadir per avere più
           informazioni sui data files di Nmap.

       --versiondb <service probes file> (Specify custom service probes file)
           Chiede ad Nmap di utilizzare specifici file "service probes" invece che il file
           nmap-service-probes che viene fornito con Nmap. Vedere la descrizione di --datadir per
           avere più informazioni sui data files di Nmap.

       --send-eth  (Use raw ethernet sending)
           Chiede a Nmap di mandare pacchetti al livello ethernet (data link) piuttosto che al
           livello più alto IP (network). Di default, Nmap sceglie quello che è generalmente
           migliore per la piattaforma in cui sta venendo eseguito. I raw sockets (livello IP)
           solitamente sono i più efficienti per le macchine UNIX, mentre invece sono richieste
           trame ethernet per funzionare con Windows dal momento che Microsoft ha disabilitato il
           supporto per i raw socket. Nmap usa invece continua a usare i pacchetti raw sulle UNIX
           non ostante si specifichi questa opzione quando non c'è alternativa (ad esempio se si
           ha una connessione non ethernet)

       --send-ip (Send at raw IP level)
           Chiede a Nmap di mandare pacchetti via raw socket IP, piuttosto che mandare trame al
           livello inferiore, ethernet. È l'opzione complementare di --send-eth discussa
           precedentemente.

       --privileged (Assume that the user is fully privileged)
           Dice semplicemente a Nmap di assumere che l'utente abbia privilegi sufficienti per
           effettuare trasmissioni sui raw socket, fare packet sniffing, e operazioni simili che
           di norma hanno bisogno dei privilegi di root sui sistemi UNIX. Di default Nmap termina
           l'esecuzione se si tentano di usare certe operazioni e geteuid non è zero.
           --privileged è utile con delle funzionalità del kernel Linux e altri sistemi operativi
           che possono essere configurati per permettere ad utenti non privilegiati di fare degli
           scan con i raw socket. Bisogna assicurarsi di posizionare questa opzione prima di
           qualunque flag che invochi funzionalità privilegiate (SYN scan, OS detection, ecc.).
           La variabile d'ambiente NMAP_PRIVILEGED può comunque essere settata e rappresenta
           un'equivalente alternativa all'opzione --privileged.

       --unprivileged (Assume that the user lacks raw socket privileges)
           quest'opzione è l'opposta di --privilegerd. Dice ad Nmap di trattare l'utente come se
           non avesse i permessi necessari per i raw socket e lo sniffing. Può tornare utile in
           fase di test, debugging o quando le funzionalità di raw network del sistema operativo
           hanno qualche problema. La variabile d'ambiente NMAP_PRIVILEGED può comunque essere
           settata e rappresenta un'equivalente alternativa all'opzione --unprivileged.

       --release-memory (Release memory before quitting)
           Quest'opzione è utile solo per la risoluzione di problemi di perdita di memoria
           (memory-leak debugging). Obbliga infatti ad Nmap a liberare la memoria allocata appena
           prima di uscire così da individuare più facilmente le effettive perdite di memoria. Di
           solito Nmap salta questo passaggio come fa il sistema operativo in ogni caso al
           momento della chiusura del processo.

       -V; --version (Print version number)
           Stampa a video il numero di versione di Nmap ed esce.

       -h; --help (Print help summary page)
           Stampa a video una breve schermata di aiuto con le opzioni più comuni. Eseguire Nmap
           senza argomenti fa la stessa cosa.

INTERAZIONE IN RUNTIME

       Durante l'esecuzione di Nmap qualsiasi tasto venga premuto viene registrato. Questo
       permette di interagire con il programma senza doverlo interrompere e farlo ripartire.
       Alcuni tasti speciali possono cambiare opzioni, mentre altri stampano un messaggio di
       stato sulla scansione in corso. La convenzione è che le lettere minuscole aumentano la
       quantità di messaggi stampati, mentre le lettere maiuscole la diminuiscono. È inoltre
       possibile premere '?' per avere un aiuto.

       v / V
           Aumenta / diminuisce la quantità di informazioni

       d / D
           Aumenta / diminuisce il livello di debug

       p / P
           Attiva / disattiva il tracing dei pacchetti

       ?
           Stampa una schermata di aiuto per le interazioni in tempo reale

       Qualsiasi altro tasto
           Stampa un messaggio di stato come il seguente:

                               Stats: 0:00:07 elapsed; 20 hosts completed (1 up), 1 undergoing
                               Service Scan
                               Service scan Timing: About 33.33% done; ETC: 20:57 (0:00:12
                               remaining)

ESEMPI

       Ecco alcuni esempi di uso di Nmap, dal più semplice e routinario al più complesso ed
       esoterico. Saranno usati alcuni indirizzi IP e hostname reali per rendere le cose più
       concrete. Si dovranno solo sostituire nei posti giusti gli indirizzi e gli hostname della
       propria rete. Nonostante molti siano convinti che il port scanning delle reti altrui non è
       o non dovrebbe essere illegale, alcuni amministratori di rete potrebbero non apprezzare
       uno scanning non richiesto delle loro reti e potrebbero lamentarsi. Ottenere prima un
       permesso è l'approccio migliore.

       Per motivi di test, è concesso il permesso di effettuare uno scan verso scanme.nmap.org.
       Questo permesso include esclusivamente lo scan attraverso Nmap e non il test di exploits o
       attacchi denial of service. Per preservare al banda, è meglio non attivare più di una
       dozzina di scan verso questo host al giorno. Qualora si abusasse di questo servizio,
       questo verrà disattivato e Nmap riporterà il seguente errore: Failed to resolve given
       hostname/IP: scanme.nmap.org. Questi permessi si applichino agli host scanme2.nmap.org,
       scanme3.nmap.org e così via, finché ne esisteranno.

       nmap -v scanme.nmap.org

       Questa opzione esegue uno scan su tutte le porte TCP riservate sulla macchina
       scanme.nmap.org. L'opzione -v attiva la modalità verbose.

       nmap -sS -O scanme.nmap.org/24

       Lancia un SYN scan invisibile verso ciascuna macchina che risulta accesa tra le 256
       nell'intera rete di classe C in cui risiede Scanme. Inoltre tenta di determinare il
       sistema operativo installato su ogni host trovato. Questo richiede i privilegi di root a
       causa della funzioni SYN scan e OS detection.

       nmap -sV -p 22,53,110,143,4564 198.116.0-255.1-127

       Lancia una enumerazione di hosts e uno scan TCP alla prima metà di ognuna delle 255
       sottoreti di 8 bit all'interno dello spazio di indirizzamento della classe B 198.116.
       Quest'operazione controlla se tali sistemi stanno eseguendo i servizi SSH, DNS, POP3 o
       IMAP sulle loro porte standard, o altro sulla porta 4564. Qualora qualche porta di queste
       venga trovata aperta, verrà utilizzato il version detection per determinare quale
       applicazione stia effettivamente ascoltando su quella porta.

       nmap -v -iR 100000 -Pn -p 80

       Chiede a Nmap di scegliere 100.000 hosts casuali ed effettuare su questi uno scan per
       ricercare dei web servers (porta 80). L'enumerazione degli host è disabilitata con
       l'opzione -Pn dal momento che verificare se un host è attivo è uno spreco quando si sta
       analizzando soltanto una porta per ogni hosts.

       nmap -Pn -p80 -oX logs/pb-port80scan.xml -oG logs/pb-port80scan.gnmap 216.163.128.20/20

       Questo scansiona 4096 indirizzi IP in cerca di webservers (ma senza effettuare ping) e
       salva l'output sia in formato XML che in formato "greppabile".

NMAP BOOK

       Dato che questa guida di riferimento mostra nel dettaglio tutte le opzioni di Nmap, non
       può dimostrare in maniera completa come utilizzare queste feature per risolvere
       velocemente applicazioni reali. È per questo che è stato pubblicato Nmap Network Scanning:
       The Official Nmap Project Guide to Network Discovery and Security Scanning[27]. Gli
       argomenti trattati sono sovvertire i firewall e gli IDS, ottimizzare le performance di
       Nmap e l'automazione di comuni processi di rete con l'Nmap Scripting Engine. Vengono
       forniti suggerimenti ed istruzioni per operazioni comuni con Nmap come fare un inventario
       della rete, penetration testing, trovare rogue access point wireless e l'annullamento di
       possibili worm. Esempi e diagrammi mostrano l'attuale sistema di comunicazione via cavo.
       Più della metà del libro è disponibile gratuitamente online. Per maggiori informazioni
       https://nmap.org/book.

BUGS

       Al pari del suo autore (e di questa traduzione, NdT), Nmap non è perfetto. Ma puoi fare
       qualcosa per aiutare a renderlo migliore mandando delle segnalazioni di bug o addirittura
       scrivendo delle patch. Se Nmap non si dovesse comportare come ti aspetteresti, prova prima
       l'ultima versione disponibile su https://nmap.org/. Se il problema persiste effettua
       qualche ricerca per determinare se il problema è stato già scoperto e segnalato. Prova a
       cercare sulla nostra pagina di ricerca http://insecure.org/search.html o su Google il
       messaggio di errore o ancora a sfogliare l'archivio Nmap-dev all'indirizzo
       http://seclists.org/. Leggi inoltre tutta questa pagina di manuale. Se nulla di questo
       riguarda il tuo caso, manda un bug report a <dev@nmap.org>. Accertati di includere ogni
       cosa che sei riuscito a sapere sul problema, la versione di Nmap che hai installato e su
       quale sistema operativo la stai usando. Segnalazioni di problemi ed eventuali domande
       sull'uso di Nmap inviate a <dev@nmap.org> hanno più probabilità di avere risposta di
       quelle inviate a Fyodor direttamente. Se ti registri alla lista di nmap-dev prima di
       inviare il messaggio, quest'ultimo non verrà moderato e quindi arriverà più velocemente.
       Iscriviti su https://nmap.org/mailman/listinfo/dev.

       Le patch che risolvono i bug sono molto meglio di una segnalazione. Le istruzioni di base
       per creare delle patch sono disponibili su https://svn.nmap.org/nmap/HACKING. Le patch
       potranno essere inviate a nmap-dev (raccomandato) oppure direttamente a Fyodor.

AUTORE

       Gordon “Fyodor” Lyon <fyodor@nmap.org> (http://www.insecure.org)

       Parte 1/2 e revisione: Lorenzo G.  <lorenzo.grespan@gmail.com>

       Parte 2/2: Simone Scarduzio <scarduzio@gmail.com>

       Aggiornamento e revisione 04/2015: Andrea Pizzarotti <andrew3686@gmail.com>

       Centinaia di persone hanno dato validi contributi a Nmap nel corso degli anni. Questi sono
       elencati dettagliatamente nel file di CHANGELOG che è distribuito assieme a Nmap ed è
       anche disponibile su https://nmap.org/changelog.html.

NOTE LEGALI

   Copyright e Licenze di Nmap
       Nmap Security Scanner è (C) 1996-2015 Insecure.Com LLC. Nmap è inoltre un marchio
       registrato di Insecure.Com LLC. Questo programma è free software, è liberamente
       redistribuibile e/o modificabile in accordo con i termini della GNU General Public License
       come pubblicata dalla Free Software Foundation; Versione 2 (“GPL”) MA SOLO CON TUTTE LE
       PRECISAZIONI ED ECCEZIONI QUI DESCRITTE. Questo garantisce il diritto di utilizzare,
       modificare e redistribuire questo software entro certe condizioni. Se si desidera
       incorporare la tecnologia Nmap in software proprietari, potremmo essere disponibili a
       vendere licenze alternative (contattare <sales@insecure.com>). Molti produttori di
       security scanner usano già le tecnologie di Nmap come per esempio "host discovery", "port
       scanning", "OS detection", "version detection" e l'Nmap Scripting Engine.

       Si noti che la licenza GPL implica importanti vincoli sui “progetti derivati”, sebbene
       essa non fornisca una precisa definizione di questi. Allo scopo di evitare malintesi,
       interpretiamo questo termine nel modo più ampio che la legge sul copyright permetta. Ad
       esempio, consideriamo un'applicazione come progetto derivato inteso ai fini di questa
       licenza se presenta una delle seguenti caratteristiche ottenute con software o contenuti
       coperti da questa licenza (d'ora in poi definiti “Covered Software”):

       ·   Integra codice sorgente di “Covered Software”

       ·   Legge o include data file protetti da copyright, quali nmap-os-db o
           nmap-service-probes di Nmap.

       ·   È progettato specificatamente per eseguire “Covered Software” e ne utilizza i
           risultati (al contrario delle tipiche applicazioni shell o eseguibili da menù che
           eseguono qualsiasi cosa venga detto loro).

       ·   Integra/include/aggrega “Covered Software” in un eseguibile di installazione
           proprietario, come ad esempio quelli prodotti da InstallShield. Includere Nmap con
           altro software in forma compressa o di archiviazione, non rientra in questi casi,
           fornire appropriati software open-source di decompressione o di de-archiviazione è
           ampiamente disponibile senza nessun ricarico. Ai fini di questa licenza, viene
           considerato programma di installazione ciò che include “Covered Software”, anche se in
           realtà recupera una copia di “Covered Software” da un'altra fonte in fase di
           installazione (come, ad esempio, scaricandola da Internet).

       ·   È collegato (staticamente o dinamicamente) a una libreria che presenta una delle
           caratteristiche sopracitate.

       ·   Esegue un programma di aiuto, un modulo o uno script che presenta una delle
           caratteristiche sopracitate.

       Questa lista non è esclusiva, ma è concepita per chiarificare la nostra interpretazione di
       progetto derivato con alcuni esempi comuni. Altre persone potrebbero interpretare la
       licenza GPL in modo diverso, quindi dobbiamo considerare questo come un'eccezione speciale
       alla GPL che applicheremo a “Covered Software”. Le opere che soddisfano una qualsiasi di
       queste condizioni, devono essere conformi a tutti i termini di questa licenza, in
       particolar modo i requisiti della Sezione 3 della licenza GPL di fornire il codice
       sorgente e permettere la libera ridistribuzione del lavoro nel suo complesso. Come altra
       eccezione ai termini della GPL, Insecure.Com LLC garantisce il permesso di collegare il
       codice di questo programma con qualunque versione della libreria OpenSSL che è distribuita
       sotto una licenza identica a quella che si trova nel file docs/licenses/OpenSSL.txt e di
       redistribuire combinazioni collegate che includono entrambi.

       Ogni redistribuzione di “Covered Software”, inclusa ogni eventuale opera derivata, deve
       sottostare e portare avanti tutti i termini di questa licenza, incluso sottostare a tutte
       le regole e restrizioni della GPL. Ad esempio, deve essere fornito il codice sorgente di
       un intero progetto ed autorizzata la sua libera e gratuita distribuzione. Tutti i
       riferimenti alla GPL con “questa Licenza”, sono da considerarsi come inclusioni dei
       termini e delle condizioni nel testo di questa stessa licenza.

       Dato che questa licenza impone eccezioni speciali alla GPL, "Covered Work" non è
       cumulabile (neanche con parte di un più ampio lavoro) con il semplice software GPL. I
       termini, le condizioni e le eccezioni di questa licenza devono altresì essere inclusi.
       Questa licenza è incompatibile con qualsiasi altra licenza open-source. In alcuni casi
       potremmo porre sotto diversa licenza parti di Nmap o concedere permessi speciali di
       utilizzo in altro software open-source. Per qualsiasi informazioni contattare
       <fyodor@nmap.org>. Allo stesso modo, non incorporiamo software incompatibile al principio
       di open-source in “Covered Software” senza uno speciale permesso dai titolari del
       copyright.

       Se avete domande a proposito delle limitazioni imposte all'uso di Nmap in altri progetti,
       saremo felici di aiutarvi. Come detto poc'anzi, offriamo anche licenze alternative per
       l'integrazione di Nmap in applicazioni o dispositivi proprietari. Questi contratti sono
       stati venduti a molti rivenditori di software e generalmente includono una licenza di
       durata illimitata, supporto tecnico prioritario e aggiornamenti, come anche l'aiuto con la
       contribuzione allo sviluppo della tecnologia Nmap. Per ulteriori informazioni contattare
       <sales@insecure.com>.

       Se si riceve questo file con accordo di licenza scritto, o un contratto per “Covered
       Software” che afferma termini diversi da quelli appena descritti, allora si può scegliere
       di utilizzare e ridistribuire “Covered Software” sotto quei termini anziché quelli qui
       riportati.

   Creative Commons License per questa Guida di Nmap
       Questa Nmap Reference Guide è protetta da copyright (C) 2005–2012 Insecure.Com LLC. È con
       ciò coperta dalla versione 3.0 della Creative Commons Attribution License. Questo permette
       la ridistribuzione e la modifica dell'opera come si ritenga opportuno, a patto di far
       riferimento alla copia originale. In alternativa, si può scegliere di trattare questo
       documento come rientrante sotto la stessa licenza di Nmap stesso (discussa in precedenza).

   Disponibilità del Codice Sorgente e Contribuzioni della Comunità
       Il codice sorgente di questo software viene fornito perché crediamo che gli utenti abbiano
       il diritto di sapere esattamente cosa questo programma potrà fare prima di eseguirlo.
       Questo permette inoltre di scoprire falle di sicurezza.

       Il codice sorgente permette anche di rendere Nmap portabile a nuove architetture,
       correggere i bug e aggiungere nuove funzioni. Si è molto incoraggiati a mandare le proprie
       modifiche ad <dev@nmap.org> per possibili inclusioni nella distribuzione principale.
       Mandando le modifiche a Fyodor o altri sviluppatori della mailing list di Insecure.Org, si
       assume che si sta offrendo all' Nmap Project (Insecure.Com LLC) il diritto illimitato,
       non-esclusivo di riutilizzo, modifica e re-licenziamento del codice. Nmap sarà sempre
       disponibile sotto open-source, ma questo è di vitale importanza perché l'impossibilità di
       re-licenziare il codice ha causato problemi devastanti ad altri progetti open-source (come
       KDE e NASM). Occasionalmente noi re-licenziamo il codice per terze parti come detto sopra.
       Se si vuole specificare una condizione di licenza speciale delle proprie contribuzioni, è
       sufficiente dirlo nel momento dell'invio.

   Nessuna Garanzia
       Questo programma è distribuito nella speranza che possa essere utile, ma SENZA NESSUNA
       GARANZIA; senza garanzia di RIVENDIBILITÀ né di APPLICABILITÀ PER SCOPI PARTICOLARI. Fare
       riferimento alla GNU General Public License per ulteriori dettagli, al sito
       http://www.gnu.org/licenses/gpl-2.0.html oppure nel file COPYING incluso nel pacchetto di
       Nmap.

       Si noti anche che Nmap è stato occasionalmente noto per far andare in crash applicazioni
       mal scritte, gli stack TCP/IP ed anche alcuni sistemi operativi. Anche se si tratta di
       casi estremamente rari, è importante da tenere a mente.  Nmap non dovrebbe mai essere
       lanciato contro sistemi "mission critical" a meno che non si sia preparati ad affrontare
       un downtime. Confermiamo che Nmap può far andare in crash alcuni sistemi e reti e
       disconosciamo ogni responsabilità di danni o problemi che Nmap possa causare.

   Uso Inappropriato
       Dato il possibile rischio di crash e che ad alcuni black hats piace usare Nmap come
       ricognizione prima di attaccare un sistema, ci sono amministratori a cui non fa piacere
       che si eseguano scan sul proprio sistema e potrebbero lamentarsi. È quindi consigliabile
       richiedere il permesso prima di fare anche un leggero scan di una rete.

       Nmap non dovrebbe mai essere installato con privilegi speciali (ad esempio suid root).
       Questo potrebbe creare problemi di vulnerabilità che altri utenti del sistema (o
       attaccanti) potrebbero utilizzare.

   Software di Terze Parti
       Questo prodotto include software sviluppato da Apache Software Foundation[28]. Una
       versione modificata di Libpcap portable packet capture library[29] è distribuita assieme a
       Nmap. La versione per Windows di Nmap utilizza invece un derivato di Libpcap, WinPcap
       library[30]. Il supporto per le regular espressions è garantito dalla libreria PCRE
       library[31], che è software open-source, scritta da Philip Hazel. Alcune funzioni di raw
       networking usano la libreria Libdnet[32], che è stata scritta da Dug Song. Con Nmap ne è
       distribuita una versione modificata. Nmap può opzionalmente collegarsi con l'OpenSSL
       cryptography toolkit[33] per supportare il riconoscimento della versione di SSL. L'Nmap
       Scripting Engine utilizza una versione implementata di Lua programming language[34]. La
       Liblinear linear classification library[35] viene utilizzata per le nostre tecniche di
       apprendimento automatico dell'OS version su IPv6 (vedi la sezione “IPv6 matching[36]”).
       Tutto il software di terze parti descritto in questo paragrafo è liberamente
       ridistribuibile sotto licenza stile BSD.

   United States Export Control
       Nmap utilizza la crittografia solo quando compilato con il supporto opzionale ad OpenSSL
       ed a lui collegato. Quando compilato senza il supporto ad OpenSSL, Insecure.Com LLC
       ritiene che Nmap non sia soggetto ai controlli sull'export U.S.  Export Administration
       Regulations (EAR)[37]. Come tale, non esiste ECCN (numero di classificazione di controllo
       delle esportazioni) applicabile e l'esportazione non richiede licenze speciali, permessi o
       altre autorizzazioni governative.

       Quando compilato col supporto ad OpenSSL o distribuito come codice sorgente, Insecure.Com
       LLC crede che Nmap rientri sotto U.S. ECCN 5D002[38] (“Information Security Software”).
       Distribuiamo Nmap secondo l'eccezione TSU per il software di crittografia disponibile
       pubblicamente definito in EAR 740.13(e)[39].

       La presente traduzione ha il solo scopo di aiutare nella comprensione del testo originale
       “Nmap Reference Guide”, non ne costituisce copia sostitutiva e nemmeno licenza alternativa
       di “Covered Software”. Per qualsiasi informazione o chiarimento e per la versione più
       aggiornata, fare riferimento al testo originale disponibile al link
       https://nmap.org/book/man.html.

NOTES

        1. RFC 1122
           http://www.rfc-editor.org/rfc/rfc1122.txt

        2. RFC 792
           http://www.rfc-editor.org/rfc/rfc792.txt

        3. RFC 950
           http://www.rfc-editor.org/rfc/rfc950.txt

        4. UDP
           http://www.rfc-editor.org/rfc/rfc768.txt

        5. SCTP
           http://www.rfc-editor.org/rfc/rfc4960.txt

        6. RFC del protocollo TCP
           http://www.rfc-editor.org/rfc/rfc793.txt

        7. TCP Idle Scan (-sI)
           https://nmap.org/book/idlescan.html

        8. RFC 959
           http://www.rfc-editor.org/rfc/rfc959.txt

        9. Well Known Port List:
                       nmap-services
           https://nmap.org/book/nmap-services.html

       10. Chapter 7, Service and Application Version Detection
           https://nmap.org/book/vscan.html

       11. RFC 1323
           http://www.rfc-editor.org/rfc/rfc1323.txt

       12. Chapter 8, Remote OS Detection
           https://nmap.org/book/osdetect.html

       13. linguaggio di programmazione Lua
           http://lua.org/

       14. Script Categories
           https://nmap.org/book/nse-usage.html#nse-categories

       15. Chapter 9, Nmap Scripting Engine
           https://nmap.org/book/nse.html

       16. Chapter 14, Understanding and Customizing Nmap Data Files
           https://nmap.org/book/data-files.html

       17. “Idle
                       Scan Implementation Algorithms”
           https://nmap.org/book/scan-methods.html#port-scanning-algorithms

       18. A practical example: bypassing default Snort 2.2.0 rules
           https://nmap.org/book/firewalls.html#defeating-ids-snort-portscan

       19. adaptive retransmission
           https://nmap.org/book/scan-methods.html#scan-methods-adaptive-retransmission

       20. RFC 2960
           http://www.rfc-editor.org/rfc/rfc2960.txt

       21. Nmap::Scanner
           http://sourceforge.net/projects/nmap-scanner/

       22. Nmap::Parser
           http://nmapparser.wordpress.com/

       23. Grepable Output (-oG)
           https://nmap.org/book/output-formats-grepable-output.html

       24. Timing and Performance
           https://nmap.org/book/man-performance.html

       25. xsltproc
           http://xmlsoft.org/XSLT/

       26. su Wikipedia
           http://en.wikipedia.org/wiki/List_of_IPv6_tunnel_brokers

       27. Nmap
                 Network Scanning: The Official Nmap Project Guide to Network Discovery
                 and Security Scanning
           https://nmap.org/book/

       28. Apache Software Foundation
           http://www.apache.org

       29. Libpcap portable packet capture library
           http://www.tcpdump.org

       30. WinPcap library
           http://www.winpcap.org

       31. PCRE library
           http://www.pcre.org

       32. Libdnet
           http://libdnet.sourceforge.net

       33. OpenSSL cryptography toolkit
           http://www.openssl.org

       34. Lua programming language
           http://www.lua.org/

       35. Liblinear linear classification library
           http://www.csie.ntu.edu.tw/~cjlin/liblinear/

       36. IPv6 matching
           https://nmap.org/book/osdetect-guess.html#osdetect-guess-ipv6

       37. Export Administration Regulations (EAR)
           http://www.access.gpo.gov/bis/ear/ear_data.html

       38. 5D002
           http://www.access.gpo.gov/bis/ear/pdf/ccl5-pt2.pdf

       39. EAR 740.13(e)
           http://www.access.gpo.gov/bis/ear/pdf/740.pdf

[FIXME: source]                             11/10/2015                                    NMAP(1)